Skip to content

Raining blog: le playlist 2017 dei tizi di Metal Skunk

27 dicembre 2017

CHARLES

Disco dell’anno: MANILLA ROAD – To Kill A King

Top 10:
AMENRA – Mass VI
ENISUM – Seasons of Desolation
ENSLAVED – E
MASTODON – Emperor of Sand
MOGWAI – Every Country’s Sun
NE OBLIVISCARIS – Urn
PAGAN ALTAR – The Room of Shadows
PROGENIE TERRESTRE PURA – oltreLuna
SHORES OF NULL – Black Drapes for Tomorrow
SLOWDIVE – st

Altra roba che mi è garbata:Alestorm (ovviamente quello For Dogs), Dead Cross, Deep Purple, Ufomammut, Oranssi Pazuzu, Tunonna, Horisont, Scuorn, Ayreon, Pillorian, Nargaroth, Alunah, The Jesus and Mary Chain, Witherfall.

Ciofeca dell’anno:Anathema – The Optimist.

L’Italia migliore: oltre a quelli già citati fino a qui, gli Aikira.

Concerto dell’anno: BLACK SABBATH – THE END & MANOWAR – THE FINAL BATTLE. Infine due parole per la data romana dei RIOT V: un gruppo immenso, presenza scenica e tecnica notevolissime, potenza a sfare, con un uomo al microfono, Todd Michael Hall, che potrebbe cantare qualsiasi cosa, dotato di un’estensione vocale pazzesca che mi ha ricordato il periodo dei fasti di Geoff Tate e Andre Matos. Mai ascoltato in vita mia una voce del genere dal vivo. Gli dei dell’acciaio temperato vigilano su di lui.

Gruppo di supporto dell’anno: i romani Rosae Crucis di spalla ai Riot V.

Saluta il 2017 con un video:il fulgido Senatore Antonio Razzi che canta Gangnam Style

MARCO BELARDI

Disco dell’ anno: WITHERFALL – Nocturnes And Requiems

Top 10:
DEAD CROSS – st
IMMOLATION – Atonement
DVNE – Asheran
INCANTATION – Profane Nexus
WINTERSUN – The Forest Seasons
CRADLE OF FILTH – Cryptoriana
PROGENIE TERRESTRE PURA – OltreLuna
EPITAPH – Claws
SOEN – Lykaia
LEPROUS – Malina

Altra roba che mi è garbata:Morbid Angel, Ufomammut, Iron Monkey, Paradise Lost, Marilyn Manson, Origin.

Ciofeca dell’anno: ho sentito album peggiori, come ad esempio quello di Danzig, ma direi un testa a testa fra Queens Of The Stone Age e Arch Enemy. Non si può dire che siano due album insufficienti, ma non li sopporto più.

L’Italia migliore:Epitaph, conosciuti grazie a mezza redazione e fissi nello stereo della macchina da un po’. Ma è stata una grande annata, per i “nostri”.

Concerto dell’anno: Tygers Of Pan Tang all’Exenzia di Prato in compagnia di Angel Martyr e Bullet Proof.

Gruppo di supporto dell’anno: sempre Epitaph, ma al Circus di Scandicci con i Procession.

Saluta il 2017 con un video: all shall fall.

CICCIO RUSSO

Disco dell’anno: MANILLA ROAD – To Kill A King

Top 10:
LUNAR SHADOW – Far From Light
INCANTATION – Profane Nexus
ORIGIN – Unparalleled Universe
VENENUM – Trance of Death
IMMOLATION – Atonement
EXCOMMUNION – Thronosis
SHORES OF NULL – Black Drapes For Tomorrow
THE FLIGHT OF SLEIPNIR – Skadi
SCUORN – Parthenope
ELECTRIC MOON – Stardust Rituals

Altra roba che mi è garbata: Cannibal Corpse, Wolfbrigade, Obituary, Cut Up, Father Befouled, Extremity, Anasarca, Entrails, Necrot, Condor, Electric Wizard, The Obsessed, Bell Witch e gli ep di Voivod, PuteraeonMantar.

Ciofeca dell’anno: Anathema – The Optimist, Kreator – Gods Of Violence

L’Italia migliore: Shores of NullScuorn, UfomammutAikira, Gorilla Pulp, Ianva, Tunonna.

Concerto dell’anno: i Manowar a Monaco, i Blood Ceremony al Traffic, i Riot V al Jailbreak, quasi tutto quello che ho visto al Netherlands Deathfest e l’ultimo concerto dei Sabbath a Birmingham.

Gruppo di supporto dell’anno: Aikira.

Saluta il 2017 con un video: cucinate anche voi un’ascidia.

EDOARDO GIARDINA

Disco dell’anno: SCUORN – Parthenope

Top 10:
NE OBLIVISCARIS – Urn
PROGENIE TERRESTRE PURA – oltreLuna
CELESTE – Infidèle(s)
ENSLAVED – E
SHORES OF NULL – Black Drapes for Tomorrow
THE RUINS OF BEVERAST – Exuvia
JUNIUS – Eternal Rituals for the Accretion of Light
PERSEFONE – Aathma
THE SOUNDBYTE – Solitary IV
KAUAN – Kaiho

Altra roba che mi è garbata: Septicflesh – Codex Omega, Neun Welten – The Sea I’m Diving In, Ulver – The Assassination of Julius Caesar, Paradise Lost – Medusa, Ufomammut – 8, Fever Ray – Plunge.

Ciofeca dell’anno: Kreator – Gods of Violence

L’Italia migliore: Enisum – Seasons of Desolation

Concerto dell’anno: The Dillinger Escape Plan / OvO / Inferno @Orion, Ciampino, 29.06.2017

Gruppo di supporto dell’anno: gli OvO allo stesso concerto

Saluta il 2017 con un video:Berlusconi che promette di accrescere, nel prossimo futuro, la prospettiva di vita fino a 125 anni e la rabbia di Dibba.

LUCA BONETTA

14054098_1112627665486376_7099212167103628922_n

Disco dell’anno: INCANTATION – Profane Nexus

Top 10:
IMMOLATION – Atonement
OBITUARY – Obituary
CONVERGE – The Dusk In Us
ALL PIGS MUST DIE – Hostage Animal
EXCOMMUNION – Thronosis
CANNIBAL CORPSE – Red Before Black
PATHOLOGY – Pathology
TRIVIUM – The Sin And The Sentence
ANTROPOFAGUS – M.O.R.T.E.
EXECRATION – Return To The Void

Altra roba che mi è garbata:Wolfbrigade in primis, ma come ogni anno quando viene il momento di compilare questa sezione della playlist il mio cervello fa la stessa fine della sceneggiatura di Batman V. Superman.

Ciofeca dell’anno: Sarebbe fin troppo facile tirare in ballo i Morbid Angel ma date le scarsissime aspettative che nutrivo non definirei Kingdoms Disdained una ciofeca vera e propria. Andando in territori extra-metal gli Hurts hanno fatto una porcata veramente immonda ma contando che già il disco precedente era un mezzo passo falso la vedo come la fine di una parabola discendente.

L’Italia migliore: gli Antropofagus hanno cacciato un discone veramente notevole: nel panorama brutal death si sono dimostrati dei colossi, oscurando anche nomi ben più blasonati (vedi Suffocation).

Concerto dell’anno:c’è veramente bisogno di chiederlo?

Gruppo di supporto dell’anno: e qua si apre un mio personale sipario mentale su quale potrebbe essere definito ‘gruppo di supporto’ all’interno di un festival come il Netherlands Deathfest. So di essere ripetitivo ma veramente, andateci. L’anno prossimo ci sono pure gli Emperor, vedete voi.

Saluta il 2017 con un video:ma 15 più 18 quanto fa?

CESARE CARROZZI

Disco dell’anno:SONS OF APOLLO – Psychotic Symphony

Top 10:
RAGE – Seasons Of The Black
ADAGIO – Life
FIREWIND – Immortals
GREG HOWE – Wheelhouse
THE HAUNTED – Strenght In Numbers
GALNERYUS – Ultimate Sacrifice
MARTY FRIEDMAN – Wall Of Sound
ARGUS – From Fields Of Fire
AYREON – The Source
MASTODON – Emperor Of Sand

Ciofeca dell’anno:Iced Earth – Incorruptible e Blind Guardian – Live Beyond The Spheres

L’Italia migliore:Labyrinth – Architecture of a God

Saluta il 2017 con un video:V-A-F-F-NGULO

IL MESSICANO

Esattamente come l’anno scorso, ma peggio.

Saluta il 2017 con un video:A mai più. E ovviamente VAFFANCULO.

PIERO TOLA

Disco dell’anno: SLEAFORD MODS – English Tapas

Top 10:
DANCE WITH THE DEAD – B-sides: Vol. 1
ORANSSI PAZUZU – Kevät / Värimyrsky
MORBID ANGEL – Kingdoms Disdained
HORISONT – About Time
IMMOLATION – Atonement
VHS GLITCH – Roboror
SUFFOCATION – …of the Dark Light
PALLBEARER – Heartless
DANIEL DELUXE – Desync (Original Soundtrack)
AZARATH – In Extremis

Altra roba che mi è garbata: Un pacco di roba new synthwave trovata per caso su Spotify come Gost, Timecop 1983 o VHS Dreams (genere ben rappresentato anche nella top ten qua sopra). Poi Manilla Road (per me un po’ inferiore al precedente), Lunar Shadow, Incantation, Electric Wizard

Ciofeca dell’anno: Non saprei. Se una roba mi annoia o mi fa cagare la mollo dopo due minuti. Grazie al cielo non si è più obbligati a comprare le cose a scatola chiusa oggigiorno.

L’Italia migliore: Scuorn, divertenti.

Concerto dell’anno: EVIDENTEMENTE non può che essere quello dei Black Sabbath a Birmingham. Chi c’era lo sa.

Gruppo di supporto dell’anno: Azarath di supporto agli Immolation.

Saluta il 2017 con un video: Il più grande prestigiatore della tv polacca.

STEFANO GRECO

Disco dell’anno: MOGWAI – Every Country’s Sun

Top 10:
FEVER RAY – Plunge
ELECTRIC WIZARD – Wizard Bloody Wizard
POWER TRIP – Nightmare Logic
HERE LIES MAN – st
LANA DEL REY – Lust For Life
GOAT – Fuzzed In Europe
TROUBLED HORSE – Revolution On Repeat
JOHN GARCIA – The Coyote Who Spoke In Tongues
QUEENS OF THE STONE AGE – Villains
AFGHAN WHIGS – In Spades

Altra roba che mi è garbata: Bell Witch, Obituary, Iron Reagan, Mastodon, AmenRa, Manilla Road, Danko Jones, Beastmaker, Converge.

Ciofeca dell’anno: l’ultimo film dei Transformers e poi il solito Danzig.

L’Italia migliore: Tunonna, gli Epitaph.

Concerto dell’anno: per ovvi motivi, i Black Sabbath a Birmingham il 4 febbraio.

Gruppo di supporto dell’anno: i favolosi Local H che aprivano per gli Helmet.

Saluta il 2017 con un video:Ciao mamma!

MASTICATORE

Disco dell’anno: TUNONNA – Buono

Top 10:
SCUORN – Parthenope
ENSLAVED – E
MAYHEM – De Mysteriis Dom Sathanas Alive
MASTODON – Emperor of Sand
PALLBEARER – Heartless
CONVERGE – The Dusk In Us
UNSANE – Sterilize
IRON MONKEY – 9-13
MONOLORD – Rust
UFOMAMMUT – 8

Altra roba che mi è garbata:Electric Wizard – Wizard Bloody Wizard, Cannibal Corpse – Red Before Black, Mastodon – Cold Dark Place, Manilla Road – To Kill a King, Gutalax – split, Dead cross – st.

Ciofeca dell’anno: Non lo so, davvero. Però oggi per sbaglio ho ascoltato i System of a Down e ci
tenevo a dire che Toxicity fa veramente schifo al cazzo.

L’Italia migliore:Progenie Terrestre Pura – oltreLuna, Shores of Null – Black Drapes for Tomorrow, Kappa-O e Virux – Senza esclusione di colpi, Forgotten Tomb – We Owe You Nothing, Epitaph – Claws, Zu – Jhator, Hour of Penance – Cast the First Stone.

Concerto dell’anno: AmiKristi and The Bad Sisters (Zoobar); Saint Vitus (Traffic); Emperor e Gutalax (Brutal Assault).

Gruppo di supporto dell’anno:Overkill (Brutal Assault).

Saluta il 2017 con un video:Trend dei tempi delle nostre madri che tornano giustamente di
moda.

ENRICO MANTOVANO

Disco dell’anno: CONVERGE  The Dusk In Us

Top 10:
AMENRA – Mass VI
DEAD CROSS – s/t
ELDER – Reflections Of A Floating World
ELECTRIC WIZARD – Wizard Bloody Wizard
MASTODON – Emperor Of Sand
MOGWAI – Every Country’s Sun
QUEENS OF THE STONE AGE – Villains
SLOWDIVE – st
WOLVES IN THE THRONE ROOM – Thrice Woven
ZEAL & ARDOR – Devil Is Fine

Altra roba che mi è garbata:Enslaved, Death From Above, Godflesh, Godspeed You! Black Emperor, MonolordPallbearer, The Picturebooks, Ride, Sasquatch, Sleaford Mods, Tau Cross, The Obsessed, Unsane, Wear Your Wounds, White Hills.

Ciofeca dell’anno: Prophets of Rage – st

L’Italia migliore: Epitaph, Lento, Ufomammut.

Concerto dell’anno: Black Sabbath @ Genting Arena, Birmingham (lacrimuccia).

Gruppo di supporto dell’anno: The Darkness @ Autodromo Enzo e Dino Ferrari, Imola.

Saluta il 2017 con un video: Ciao.

TRAINSPOTTING

 

Disco dell’anno:LUNAR SHADOW – Far From Light

Top 10:
ALUNAH – Solennial
ELDAMAR – A Dark Forgotten Past
ENISUM – Seasons of Desolation
ENSLAVED – E
HAEMORRHAGE – We Are The Gore
MANILLA ROAD – To Kill a King
MORBID ANGEL – Kingdoms Disdained
ORDEN OGAN – Gunmen
PILLORIAN – Obsidian Arc
SCUORN – Parthenope
SHORES OF NULL – Black Drapes for Tomorrow

Altra roba che mi è garbata:Pallbearer, Cannibal Corpse, Accept, Slaegt, Flight of Sleipnir, Pagan Altar, Taake.

Ciofeca dell’anno: Ormai il mio senso di ragno si è talmente affinato da avermi evitato di indulgere nell’ascolto di particolari porcate, quantomeno per quest’anno. Però non riesco a non citare la delusione dell’ultimo Folkstone.

L’Italia migliore: Oltre a quelli in playlist direi Dvne, LabyrinthProgenie Terrestre Pura, Midnight Sin e Tunonna.

Concerto dell’anno: Manowar (Monaco e Francoforte), Candlemass, Rotting Christ e, beh, Pumpkins United.

Gruppo di supporto dell’anno: gli Ancillotti di supporto a Ross The Boss, gli Aikira al Tube Cult e i Powerwolf a Budapest, dove però sono andato solo per loro.

Saluta il 2017 con un video: ORA VEDRAI IL POTERE DEI DEMONI

16 commenti leave one →
  1. vito lomonaco permalink
    27 dicembre 2017 08:35

    Ciao impicciati ! Posso postare la foto del masticatore da qualche parte? è la cosa più divertente che ho visto in questi giorni di fottuta ipocrisia.

    Mi piace

  2. Supermariolino permalink
    27 dicembre 2017 11:42

    Eterna gratitudine, Fratelli del Metallo: attendevo questo post con ansia. Ora a casa di mia suocera, con ipad e Spotify, ho da fare almeno per le prossime 72 ore.

    Liked by 1 persona

  3. Fanta permalink
    27 dicembre 2017 12:03

    I miei 10 cents:

    Soror Dolorosa – Apollo (tra Cure e Fields of the Nephilim)
    Sorcerer – The Crowning of the fire king
    Doomsday Kingdom – Doomsday Kingdom (Leif Edling è come il confetto Falqui, basta la parola)
    Leprous – Malina
    Witherfall – Nocturnes and Requiems
    Byzantine – The Cicada Tree
    Threshold – Legends of the Shires
    Power Trip – Nightmare Logic
    Blaze of Perdition – Conscious darkness
    Wolves in the throne room – Thrice Woven

    Altra roba notevole: Malokarpatan, Cradle of Filth, Elder (grazie a voi)…

    Liked by 1 persona

  4. fredrik permalink
    27 dicembre 2017 13:48

    qui i miei:
    Elvenking – Secrets of the magick grimoire
    Exhumed – Death revenge
    Cannibal Corpse – Red Before Black
    Desultory – Through Aching Aeons
    Slaegt – Domus Mysterium
    God Dethroned – The World Ablaze (altro gruppo che ci si caga tra parenti)
    Cyhra – letters to myself
    Firespawn – The Reprobate (sì, so che ha fatto schifo a molti, ma mi sono ritrovato a grugnire ritornelli senza volerlo)
    Nightrage – The Venomous
    Mutiny Within – Origins
    Lunar shadow – Far from light
    altra roba gradita: Memoriam – for the fallen: non all’altezza di quelli che furono i bolt thrower, ma di fato unici a portare avanti un certo modo di intendere il death metal.
    Suffocation, Morbid Angel: buoni dischi, ma mi hanno entusiasmato meno del previsto.
    poi sicuramente dimentico qualcosa.

    Mi piace

    • Fanta permalink
      27 dicembre 2017 15:26

      Mi erano sfuggiti o Desultory! Gran bel disco, anche secondo me.

      Mi piace

  5. 27 dicembre 2017 13:55

    Posso commercializzare degli adesivi con la foto del Masticatore? Vi dò gran parte delle royalties, promesso.

    Liked by 1 persona

  6. Stefano Vitali permalink
    27 dicembre 2017 14:15

    tanta bella roba, a cui è un piacere aggiungere i miei 10 centesimi, per quel che valgono
    Algiers – The Underside Of Power
    Big Big Train – Grimspound
    Enslaved – E
    Hallas – Excerpts From A Future Past
    Holy Martyr – Darkness Shall Prevail
    Kauan – Kaiho
    Pain Of Salvation – In The Passing Light Of Day
    Spirit Adrift – Curse Of Conception
    The War On Drugs – A Deeper Understanding
    Wobbler – From Silence To Somewhere
    altra roba buona: Alestorm, Amorphis (il live semiacustico), Chelsea Wolfe, Cormorant, Leprous, Lunar Shadows (grazie!), Lunatic Soul, Ne Obliviscaris, The Moon And The Nightspirit
    delusioni: Ayreon, Anathema, Elvenking, Folkstone, a malincuore Steven Wilson (non un brutto disco, è più un problema di aspettative post-HCE)
    riscoperta dell’anno: il soul di Sam Cooke, Otis Redding e Al Green

    Liked by 1 persona

    • Ayrton 2112 permalink
      27 dicembre 2017 17:55

      Credevo di essere l’unico, in questa tana di mangiatori di cadaveri, ad ascoltare roba come BBT e Wobbler, grandissimo!

      Mi piace

  7. Fanta permalink
    28 dicembre 2017 23:26

    Mi sono sfuggite un paio di cose che mi andava di condividere con voi:
    una è abbastanza inclassificabile. Diciamo musica oscura, entro una cornice rock/darkwave, fluida, sinistra, onirica e ipnotica.

    Get Your Gun – Doubt is my Rope Back to You

    L’altro è un disco (splendido) di death/black melodico alla Unanimated/Dawn/Vinterland/Dissection et similia…Nulla di nuovo (ma poi che cazzo vuol dire fare cose nuove? Bah…), ma sti cazzi. Anzi, sti gran cazzi.
    Sì, forse somigliano anche ai Thulcandra, visto che sono tedeschi ma per me sono molto, molto meglio. Ho comprato da loro il loro album d’esordio, mi è piaciuto tantissimo e mi andava di promuoverlo.

    The Spirit – Sounds from the Vortex

    Mi piace

  8. mocce permalink
    29 dicembre 2017 00:08

    Nel 1993 leggevo Metal Shock. Ai tempi c’erano pochi modi per informarsi sulla musica: MTV era un canale ritrasmesso da qualche emittente locale tra un set di pentole ed un vibro-massaggiatore e Red Ronnie era l’unico che riusciva ad avere gruppi più o meno famosi come ospiti. Ora c’è Internet, ma tanto rumore e niente di interessante…per caso quest’anno sono capitato qui…seguendo i consigli delle recensioni ho acquistato prima “Far From Light” dei Lunar Shadow, e mi è piaciuto un sacco, poi “Mass VI” degli Amenra ed è stata una rivelazione…oggi è il turno di “Parthenope” di SCUORN…un’altro colpo sicuro? Grazie per questo 2017 di novità!

    Mi piace

  9. sergente kabukiman permalink
    30 dicembre 2017 16:43

    ma i power trip solo a me sembrano banali come la merda? dischi piaciuti boh, mutoid man, pallbearer e altra roba che non mi viene in mente. ciofeche? i queens of the stone age, a priori.

    Mi piace

    • 30 dicembre 2017 23:29

      A me no, semmai banale in ambito thrash è il gruppo che cerca di apparire e suonare come gli Exodus del 1987. I Power Trip almeno tentano un’interpretazione personale del genere, fondendo sue diverse fasi in un unico suono. Secondo me, quantomeno.

      Mi piace

Trackbacks

  1. Frattaglie in saldo #33: gli avanzi del cenone (parte I) | Metal Skunk
  2. Frattaglie in saldo #33: gli avanzi del cenone (parte II) | Metal Skunk
  3. Open up and say… DAJE! I Midnight Sin in soccorso all’emergenza natalità | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: