Tag Archives: Thrash metal

Così nacque la scena estrema italiana – parte 2: thrash metal

Alcune bancarelle delle fiere del disco avevano una caratteristica a me gradita, ovvero una suddivisione non casuale del materiale esposto, che ciascun compratore avrebbe poi mescolato come peggio poteva in seguito a una rapida occhiata. In un tavolino organizzato a scomparti poteva esser presente la sezione dedicata all’Italia: una volta portati a casa Schizo, Negazione e Raw Power, e poi

Continua a leggere

Niente gingilli, niente bischerate, qui si assegna la COPPA LIBERTADORES

Mentre assumete investigatori privati per rivelare al mondo chi si occupa degli accoppiamenti nei mondiali del metallo, portando i Metallica più radiofonici a vedersela con i Mortician, ritornerò sulla scena estrema sudamericana di cui già scrissi a febbraio, concentrandomi, nell’occasione, sul solo Brasile. E ripartirò proprio dal paese di Belo Horizonte e Manaus, o meglio, della Cogumelo records, avendo omesso

Continua a leggere

Mike Patton non può collaborare con nessuno e prende in ostaggio i S.O.D.

Lo tenevano legato in uno scantinato umido e fatiscente, perché in libertà non faceva che creare problemi. Era iperattivo e durante la prigionia aveva già pianificato tutto: il tempo di separarsi da quelle corde logore e avrebbe annunciato un tour con i Faith no More, la reunion dei Mr. Bungle e le imminenti registrazioni del nuovo Dead Cross. Dave Lombardo

Continua a leggere

Due modi opposti di pensare il thrash metal: HAVOK e WARBRINGER

A inizio millennio il thrash metal quasi m’insospettì nell’intraprendere la via del ritorno alle origini. La strada da percorrere era ancora molto lunga, ripida e piena d’ostacoli, ma il processo era ben avviato. Avevo per le mani un disco di questi giovincelli spagnoli, i Legen Beltza, e pensai che qualcuno si stesse finalmente occupando del thrash senza passare per le

Continua a leggere

Frattaglie in saldo #49: come ti trascorro il lockdown

Mentre le nostre mogli mentono spudoratamente sull’autocertificazione e forzano posti di blocco al grido “ho finito il lievito madre per l’impasto Bonci”, cercherò in prima persona di riportare la realtà delle cose dalla distopica realtà alla Grande Theft Auto che si va creando in giro a una situazione più blanda fatta di scrivanie, BandCamp e fedeli cuffie in testa. Il che

Continua a leggere
« Vecchi articoli