Skip to content

IMMOLATION // AZARATH // MELECHESH @Zet Pe Te, Cracovia, 26.09.2017

7 ottobre 2017

Le vie della gentrificazione urbana sono infinite. Il luogo è una vecchia manifattura di tabacchi attiva da prima della caduta del Muro che, dopo anni di abbandono, è stata recentemente convertita in un complesso di ristoranti e caffetterie hipster. Zet Pe Te, però, funge da bar ufficiale in città della birra Zywiec, marchio comprato qualche anno fa da Heineken che tuttavia mantiene una gloriosa tradizione birraia da più di un secolo e mezzo, con una ricetta immutata e un sapore inconfondibile. Una volta, con un gruppo di amici, venimmo pure sbattuti fuori dalla loro fabbrica, visitabile tutti i giorni della settimana, per ubriachezza molesta. Un gruppo di guardie giurate ci spruzzò addosso lo spray al peperoncino.

Ma bando alle divagazioni: il luogo è appropriato, in quanto casermone industriale piuttosto spartano.

Arrivo in tempo per sentire i MELECHESH, che onestamente non mi hanno mai impressionato più di tanto. I riff da kebabbari non sono la mia pietanza preferita, anche se i nostri qualche spunto melodico interessante ce l’hanno di sicuro. Ma i suoni che hanno stasera sono osceni, e penalizzano l’intera esibizione, che in tutta onestà li fa sembrare delle merdine in confronto agli Azarath, che invece hanno i chitarroni compressi e Inferno (già nei Behemoth) alla batteria. Voglio dire, che cazzo gli vuoi dire ad Inferno. Un mostro.

Avevo già parlato degli AZARATH in un’altra occasione mi pare, quando fecero da spalla ai Morbid Angel che con David Vincent portavano tutto Covenant in giro per l’Europa in occasione del suo ventesimo compleanno. Quella volta a Katowice rimasi sbalordito dalla brutalità della band pomerana. Posso confermare ancora una volta che sono probabilmente la band più brutale che abbia mai visto dal vivo. Non c’è un rallentamento che sia uno. Solo blast o rullate. Incredibile. Perfino Legion dei Deicide aveva un po’ di groove ogni tanto, raro ma c’era. Gli Azarath no.

il luogo in questione

Necrosodom fa il suo solito show dietro al microfono, sbavando e sbraitando bestemmie e oscenità con gli occhi bianchi. Non c’è pietà. Stanno promuovendo il nuovo In Extremis, tra l’altro un ottimo album, ma la loro forza è senz’altro dal vivo, dove hanno suoni anche migliori. E poi il demonio si sente forte e chiaro. Se vi piace questo tipo di suono vi consiglio anche i connazionali Stillborn, che ho visto più volte dal vivo e mi hanno frastornato. Una volta c’era pure Ciccio, mi pare. L’occasione era una serata degli Angelcorpse a Cracovia.

Ancora barcollante per la mazzata ricevuta (e per le sei Zywiec ingurgitate), mi avvicino al palco mentre i roadie montano l’equipaggiamento di Ross Dolan e soci. Anche gli IMMOLATION hanno della promozione da fare. Atonement è probabilmente uno dei capitoli migliori della loro discografia. I pezzi ci sono e i suoni sono belli. Li avevo già sentiti un anno fa quando erano in tour coi Marduk e avevano, come oggi del resto, fatto la loro esibizione da mostri sacri. D’altronde cosa ci si può aspettare da una band che calpesta i palchi internazionali da più di un ventennio? Prestazione da macchine da guerra oliate e devastanti. Ross Dolan, come d’altronde si può sentire nelle prove in studio, è un orco dal vivo, e il tipico suono della band di Yonkers non stufa mai. Stavolta dal primo album propongono, oltre alla classica Into Everlasting Fire, anche No Forgiveness. Il resto è un estratto da più o meno ogni album ed una gran quantità di pezzi da Atonement, che dal vivo suonano come un bagno di sangue, come del resto era legittimo aspettarsi.

Serata di puro ed incontaminato death metal che ad inizio settimana fa sempre bene, soprattutto con una sveglia alle sette e mezzo del mattino successivo. Se capitano dalle vostre parti non perdeteli. (Piero Tola)

il Demonio si sente eccome

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: