Playlist 2012: edizione post-apocalittica

ROBERTO ‘TRAINSPOTTING’ BARGONE

DISCO DELL’ANNO:
Manowar – The Lord Of Steel

TOP 15 (in ordine rigorosamente alfabetico):
Alcest – Les Voyages De L’Âme
Accept – Stalingrad
Burzum – Umskiptar
Cannibal Corpse – Torture
Eclipse – Bleed & Scream
Enslaved – RIITIIR
Finsterforst – Rastlos
Freedom Call – Land Of The Crimson Dawn
Krallice – Years Past Matter
Luca Turilli’s Rhapsody – Ascending To Infinity
Orden Ogan – To The End
Pathfinder – Fifth Element
Running Wild – Shadowmaker
Saturnus – Saturn In Ascension
Woods of Ypres – Woods 5: Grey Skies & Electric Light

DISCO DI MERDA:
Dingir dei Rings of Saturn, un simbolo di molte delle tendenze che stanno snaturando il metal, o quantomeno il concetto di metal che la mia generazione ha.

CONCERTO DELL’ANNO:
Gli Alestorm allo Wolfszeit, erano anni che non mi divertivo così ad un concerto. Certo se Lipinski ci fosse passato a prendere sarebbe stato ancora meglio.

NUNZIO LAMONACA

nunzio

DISCO DELL’ANNO:
Turbonegro – Sexual Harassment

TOP 15:
O – Il Vuoto Perfetto
Hour of 13 – 333
Saint Vitus – Lillie: F-65
16 – Deep Cuts From Dark Clouds
Converge – All We Love We Leave Behind
Wolfbrigade – Damned
Martyrdöd – Paranoia
Testament – Dark Roots Of Earth
Pig Destroyer – Book Burner
Propagandhi – Failed States
Enabler – All Hail The Void
Disquieted By – Lords Of Tagadà
Putiferio – LovLovLov
Angel Witch – As Above, So Below
Tre Allegri Ragazzi Morti – Nel Giardino Dei Fantasmi

DISCO DI MERDA:
Non lo so, davvero. Volendo, Fear Factory e Terrorizer, che io sono un tipo abbastanza radicale e quando un disco è mediocre per me è già mezzo metro nella merda. Ma la verità è che anche un disco così cosà come il nuovo dei Turbonegro (che in fase di recensione ho un po’ criticato) finisce che lo ascolti mille volte e ti rendi conto che è il migliore dell’anno. Sono un utente disorganico, lo so, e anche imparziale. Mettiamoci pure che la vita nel giro di un anno può ridefinire radicalmente gli spazi da dedicare alle cose che più ti piacciono e capirete che quest’anno ho ascoltato di fatto meno dischi che nel 2011. La vita è una merda.

CONCERTO DELL’ANNO:
Morrissey a Grado il 13 Luglio, senza dubbio. Non è tanto la (relativa) distanza e la pittoresca città rifugio per anziani in cui ha suonato il Mozza ad aver reso per me la trasferta un vero pellegrinaggio. È questo e tutto quanto il resto: averlo visto la prima volta, aver assistito ad un concerto intenso, essere stato lì, in quel momento, in un attimo e per sempre. Mi rendo conto che c’è chi mi può capire e chi no, ma fa parte del gioco.

STEFANO GRECO

chippy_bones featuring church of misery

DISCO DELL’ANNO:
High On Fire – De Vermis Mysteriis

TOP 15 (in ordine semi-sparso):
Witchcraft – Legend
Godspeed You! Black Emperor – Allelujah! Don’t Bend! Ascend!
Goat –  World Music
Eagletwin – The Feather Tipped the Serpent’s Scale
Pallbearer – Sorrow and Extinction
Troubled Horse – Step Inside
Deftones – Koi No Yokan
Therapy? – A Brief Crack Of Light
OM – Advaitic Songs
Turbonegro –  Sexual Harassment
Paradise Lost – Tragic Idol
Horseback – Half Blood
Mark Lanegan – Funeral Blues
Pontiak – ECHO ONO
OFF! – OFF! 

DISCO DI MERDA:
Corrosion of Conformity –  st

CONCERTO DELL’ANNO:
Sleep@Roadburn, Therapy?@Traffic

MATTEO FERRI

vitello

DISCO DELL’ANNO:
DALRIADA – Napisten Hava

TOP 15 (più o meno in questo ordine):
Dordeduh – Dar de Duh
Enslaved- RIITIIR
Anathema – Weather Systems
Menace Ruine – Alight in Ashes
Whiskey Ritual & Forgotten Tomb – A Tribute To GG Allin
Catuvolcus – Gergovia
My Dying Bride – A Map of All Our Failures
Moriturus – Gdy Rozum Śpi, Budzą Się Demony
Panopticon – Kentucky
The Cult – Choice of Weapon
Stormheit – Chronicon Finlandiae
Alcest – Les Voyages De L’Âme
Marduk – Serpent Sermon
Wildernessking – The Writing of Gods in the Sand
Skalmöld – Börn Loka

DISCO DI MERDA:
Valfreya – Path to Eternity (menzione particolare per Strix Maledictae in Aeternum degli Opera IX, mia personale delusione dell’anno).

CONCERTO DELL’ANNO:
Taake al Traffic (20/04).

CHARLES

charles

DISCO DELL’ANNO:
MANOWAR – The Lord of Steel

TOP 15:
Accept – Stalingrad
Anathema – Weather Systems
Paradise Lost – Tragic Idol
My Dying Bride – A Map of All Our Failures
Candlemass- Psalms For The Dead
Enslaved – RIITIIR
Alcest – Les Voyages De L’Ame
Dordeduh – Dar De Duh
Ne Obliviscaris – Portal Of I
Whiskey Ritual & Forgotten Tomb – A Tribute To GG Allin
ZZ Top – La Futura
Dead Can Dance – Anastasis
Bruce Springsteen – Wrecking Ball
Borknagar – Urd
Lustre – They Awoke to the Scent of Spring

DISCO DI MERDA:
Therion – Les Fleurs Du Mal

CONCERTO DELL’ANNO:
Dimmu Borgir e Anathema.

CICCIO RUSSO

DISCO DELL’ANNO:
Manowar – The Lord Of Steel

TOP 15:
Accept – Stalingrad
Overkill – The Electric Age
Testament – Dark Roots Of Earth
Cannibal Corpse – Torture
Pathology – The Time Of Great Purification
Unleashed – Odalheim
Coffin Texts – The Tomb Of Infinite Ritual
Whiskey Ritual & Forgotten Tomb – A Tribute To GG Allin
Enslaved – RIITIIR
Dordeduh – Dar De Duh
Anathema – Weather Systems
My Dying Bride – A Map Of All Our Failures
Candlemass – Psalms For The Dead
Saint Vitus – Lillie: F-65
Black Rainbows – Supermothafuzzalicious!!

DISCO DI MERDA:
Periphery – Periphery II: This Time It’s Personal

CONCERTO DELL’ANNO:
Alestorm, Sleep e Anathema.

21 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...