Skip to content

BURZUM – Umskiptar (Byelobog Productions)

12 aprile 2012

I precedenti Belus e Fallen li ho sentiti a distanza di svariati mesi dall’uscita. Inizialmente non volevo proprio ascoltarli per principio, come ho fatto con Chinese Democracy, che per me rimane il titolo di un disco degli Offspring. Insomma poi quei dischi hanno preso bene un po’ a tutti e quindi mi sono deciso. Se dovessi iniziare a parlarne non la finirei più, quindi un giorno farò un bell’articolo di viaggi mentali miei sul nuovo corso di Burzum; chi arriverà fino in fondo vincerà, non so, un cono gelato.

Il preambolo è necessario perché per questo Umskiptar non ho intenzione di fare discorsi sui massimi sistemi a proposito della rinascita di Burzum, della continuità concettuale e musicale con la produzione precedente e altre cose su cui di solito passo giorni della mia vita a pensare. Umskiptar è diverso da Fallen e Belus tanto quanto questi ultimi due erano diversi tra loro. In comune con essi ha però una caratteristica fondamentale, diretta conseguenza di una frenetica prolificità che fa seguito a un periodo di inattività lungo più o meno quindici anni: ci restituisce un Vikernes catapultato fuori da un’altra dimensione, ignaro o dimentico non solo di qualsiasi furberia accademica, ma anche di molte fondamentali regole non scritte del fare musica, e lontanissimo da ogni possibile punto di riferimento stilistico. Varg è stato in prigione per quasi vent’anni senza ascoltare musica, o comunque senza avere la minima idea di cosa gli stesse succedendo intorno. Quindi lui è cresciuto anagraficamente e il suo approccio è maturato di conseguenza, ma senza l’aiuto di tutti quei normali passaggi che di solito accompagnano una crescita musicale; né questa maturazione ha seguito i binari dettati dall’evoluzione della scena, secondo la quale se uno vuole inserire elementi progressivi (o epici, o bucolici, o fiabeschi) lo fa in un certo modo piuttosto che un altro. A tal punto che ci sono un paio di generazioni di gruppi burzumiani che hanno seguito una propria linea evolutiva e che si assomigliano molto l’un l’altro, ma non c’entrano assolutamente nulla col Burzum di adesso. 

Mi ricorda un racconto di Ray Bradbury in cui Shakespeare, viaggiando nel tempo fino ai giorni nostri, si presenta ad un esame universitario incentrato proprio sulle sue opere ma viene bocciato. E invece ecco come dovrebbe suonare il Burzum del 2012, ecco quali sono le logiche conclusioni di un discorso iniziato vent’anni fa, senza nessuna paura di lesa maestà o di deviazione dall’ortodossia.

Cercare di descrivere Umskiptar da un punto di vista stilistico è dunque particolarmente arduo perché non saprei dove cercare punti di riferimento. Penso che la descrizione migliore rimanga quella usata da Michele Romani nella recensione di Belus: e cioè che, per quanto possa essere diverso da Hvis Lyset Tar Oss, per qualche motivo è immediatamente riconoscibile come un disco del Conte. Sarà una questione di atmosfere, di corde toccate, di approccio, di sensibilità, non so. Il giudizio sul disco è mai come in questo caso soggettivo e passa per infiniti fattori estremamente personali, tipo il legame empatico col personaggio e col suo immaginario. Chi venera la produzione precedente probabilmente adorerà anche Umskiptar, perché non è altro che una delle tante sfaccettature dell’insieme. Chi considera Varg Vikernes poco più che un pagliaccio che parla troppo e si crede stocazzo, non sopporterà neanche questo disco. Io ho amato Burzum sin dalla primissima volta che l’ho ascoltato e ho anche sviluppato una lettura finalistica della storia della musica secondo la quale, sin dal momento in cui la prima scimmia ha battuto con un bastone contro un tronco, lo scopo di tutto è sempre stato Filosofem.
Il mondo è bello perché è vario. Poi magari approfondiamo il concetto quando esce il prossimo disco, programmato per la fine dell’anno. (barg)

16 commenti leave one →
  1. 12 aprile 2012 10:43

    Mi sta ossessionando questo disco, ho perso il conto del numero di volte che l’ho ascoltato, passano gli anni e questo signore della musica continua a sfornare capolavori. Complimenti per l’analisi, effettivamente il fatto di essere stato isolato dal mondo per un bel po’ ha sicuramente influito sulla sua musica, tra qualche anno speriamo lo rinchiudano di nuovo, così poi potrà tornare con un’altra bella infornata di capolavori.

    Mi piace

  2. funambolo permalink
    12 aprile 2012 11:56

    “ma questo speciale sul black arriva?”

    è o non è la domanda che ti è stata piu rivolta nella shock-mail?

    Mi piace

  3. 12 aprile 2012 12:21

    “sin dal momento in cui la prima scimmia ha battuto con un bastone contro un tronco, lo scopo di tutto è sempre stato Filosofem.”

    Darwin ti fa un baffo :D

    Mi piace

  4. 12 aprile 2012 14:45

    però a me alla fine la roba da belus in poi (l’ultimo non l’ho sentito) ha il problema che sembra volersi scordare di filosofem e ricominciare dall’inizio. boh. ok. tanto non mi andava bene neanche il disco di tastierine che avevo sentito.

    Mi piace

  5. Nervi permalink
    12 aprile 2012 21:43

    Il vecchio Burzum (fino a Hlidskjalf) mi piaceva perchè i suoi brani raccontavano delle storie e c’erano dei sentimenti in cui potevo rispecchiarmi; ora non lo capisco, per me la sua nuova musica non evoca più nulla.

    Up per la Lada mimetica.

    Mi piace

  6. Drood permalink
    14 aprile 2012 14:04

    A caccia di cinghiali in mimetica ed elmetto… altro passo!!
    Poi vedo la barba bianca e mi viene la pelle d’oca, un pensiero, solo a me?
    Il brano postato a me e’ piaciuto, essendo rimasto in animazione sospesa per un decennio, io.
    Non capisco il discorso sull’inserimento di elementi epici, progressivi, bucolici… cioe’ se c’e’ un giusto modo nel farlo, quale sarebbe?
    Non e’ polemica la mia, vorrei solo capire!!

    Mi piace

    • 14 aprile 2012 15:20

      non c’è un ‘modo giusto’, semplicemente lui non segue l’approccio alla musica che di solito viene condiviso da tutti. non è un difetto né un pregio, è solo un altro modo di fare la cosa.

      Mi piace

Trackbacks

  1. BORKNAGAR – Urd (Century Media) « Metal Skunk
  2. De senectute « Metal Skunk
  3. Skunk Jukebox: stavvi Minòs orribilmente, e ringhia « Metal Skunk
  4. ROTTING CHRIST – Aealo (Season of Mist) « Metal Skunk
  5. Skunk Jukebox: the twisted ankle edition « Metal Skunk
  6. Playlist 2012 « Metal Skunk
  7. LA MORTE DEI DARKTHRONE | Metal Skunk
  8. Avere vent’anni: ottobre 1997 | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: