Skip to content

Avere vent’anni: PANTERA – The Great Southern Trendkill

28 maggio 2016

Trendkill

Stefano Greco: Il canovaccio classico vuole che le band di metallo pesante una volta arrivate al successo tendano ad ammorbidire i toni e a diventare via via più commerciali. Per i Pantera vale il discorso opposto, ad ogni salto in avanti di popolarità ha corrisposto un successivo abbrutimento del sound. L’apice di questo loro particolare cursus honorum viene toccato con l’album del ’96: The Great Southern Trendkill è il lavoro più brutale della loro discografia. Ma se il percorso fino a pochi anni prima sembra quasi lineare e premeditato, la svolta di TGST sa più di esito imprevedibile e realmente (passatemi il termine) artistico. Far Beyond Driven era un disco inciso da gente sicura di sé, era la fotografia di una band intenta a prendersi tutto, era il cazzo duro eletto ad unico valore di vita. The Great Southern Trendkill è per mille versi il suo esatto opposto, è il disco più cattivo ma contemporaneamente anche il più intimo. E’ quasi un parto indesiderato per un gruppo la cui unica legittima aspirazione sembrava solo l’avere a disposizione sempre più alcol, sempre più cocaina, sempre più zoccole nel backstage. Violenza e fragilità diventano due facce della stessa medaglia. Non c’è nulla di ragionato dietro, certo è possibile a ritrovarci il trascorso recente nei Down e le derive di metallo estremo abbracciate dal cantante negli anni seguenti. Ma alla fine, come si scoprirà in seguito, a fare la differenza deve essere stato il grado zero dei rapporti fra la parti coinvolte. Un album registrato da gente che non si sopporta, non si vede, non si parla e si spedisce nastri per posta. Con la dipendenza dall’eroina di Phil Anselmo che regna sovrana su tutto. Se suoni la musica del disagio, queste sono le condizioni ideali per tirarne fuori la migliore possibile. All’epoca non del tutto compreso The Great Southern Trendkill ha acquisito con il tempo lo status di culto che meritava. Album incredibile.

Ciccio Russo: Dopo la sbronza di successo di Far Beyond Driven, (il best seller più improbabile di sempre: fu il primo disco heavy metal a piazzarsi in cima alla classifica di Billboard), The Great Southern Trendkill è l’inevitabile hangover, e di quelli davvero laceranti. Erano esplose le tensioni interne tra i fratelli Abbott e un Phil Anselmo ormai fuori controllo. Appena di due mesi successiva alla pubblicazione dell’album è l’overdose dove il cantante rischiò di lasciare la pelle. Anselmo registrò le sue parti da solo in un altro studio, con Seth Putnam che ogni tanto faceva capolino (suppongo per i rifornimenti di droghe pesanti) e sbraitava nel microfono uno dei suoi urlacci al vetriolo. Di quel machismo ribaldo e incazzato, che aveva fatto innamorare dei Pantera legioni di adolescenti che non ne potevano più dell’estetica della depressione grunge, viene fuori tutto il lato oscuro. Le fitte alla testa, i tremori, la tachicardia, i cocci di bottiglia per terra e le chiazze di vomito sui vestiti strappati chissà come e dove la notte precedente.

Pantera

The Great Southern Trendkill è il mio disco preferito dei texani perché è il più estremo. Lo preferisco a Far Beyond Driven pure perché, obiettivamente, ha più pezzi. Il predecessore era basato soprattutto sull’essere riusciti a elaborare un suono il più compresso e pesante possibile, quel suono che poi copieranno tutti. La title-track, con quell’attacco frenetico, Drag the waters13 Steps to Nowhere sono sale grosso su slabbrate ferite emotive. Le due Suicide Note (la prima è una sorta di ballata che avrebbe potuto stare benissimo sull’esordio dei Down, così come la splendida 10’s, a un passo dallo sludge di New Orleans) esprimono un’angoscia quasi disturbante. La furia di The Great Southern Trendkill è la stessa di certe ultime scopate con la donna che stai lasciando: ci vai pesante perché sei incazzato e, allo stesso tempo, dai del tuo meglio per farle capire cosa è destinata a perdersi d’ora in poi. Qua, invece, stavamo perdendo il gruppo metal più importante degli anni ’90. Nessuno fu in grado di reclamare il trono: gli unici possibili pretendenti, i Sepultura, erano già andati a puttane per conto loro.

Il Messicano: Nel ’96 i Pantera erano già famosissimi. Avrebbero potuto fare qualsiasi cosa, ma decisero di aprire questo disco con l’urlo di Seth Putnam. Basterebbe questo per consegnare The Great Southern Trendkill alla storia. E invece c’è anche dell’altro, perché alla fin fine questo è forse l’album più “maturo” e in un certo senso variegato dei Pantera. Ed è un cazzo di discone davvero. Poi, vabbè, non è che ora devo fare un track by track di merda. C’è l’urlo di Seth Putnam che vomita pure il buco del culo. Che cazzo volete di più? Sta arrivando l’estate.
18 commenti leave one →
  1. 28 maggio 2016 11:24

    Ieri mi sono rivisto il Behind The Music, stamane ho visto un’intervista fatta durante l’Ozzfest 2000. The Great Southern Trendkil è alcune volte considerato un disco, quasi inferiore, rispetto ai precedenti tre ma non è così. E poi come non amare un disco che ha una cazone che si chiama Suicide Note, Pt 1…Cheap cocaine, a dry inhale, the pills that kill and take the pain away
    Diet of life, shelter without, the face that cannot see inside yours and mine…quando si dice che uno mette il suo cuore nero su bianco.

    Mi piace

  2. Cure_Eclipse permalink
    28 maggio 2016 13:28

    Ogni volta che ascolto un disco della tripletta Vulgar-Far Beyond-Trendkill penso “questo è il migliore dei Pantera”. Però effettivamente il neo ventenne è forse il più vario ed è come andare su un ottovolante con la sbornia triste, incazzarsi e gasarsi durante le discese e farsela prendere malissimo mentre si sale lenti. E poi qui c’è “Floods”, negli altri dischi no.

    Mi piace

    • 28 maggio 2016 15:10

      Questo disco “è rimasto” ed è il preferito dei Pantera di era adolescente all’epoca dell’uscita perché all’epoca un quindicenne che non sapeva un cazzo della vita non poteva capirlo. Poi, con gli anni, soprattutto se si ha avuto una vita privata sufficientemente tormentata e almeno una vaga idea di come funzionino le dipendenze, cresce insieme al tuo malessere.

      Mi piace

  3. Andrea permalink
    28 maggio 2016 16:10

    Avrebbero potuto fare qualsiasi cosa, ma decisero di aprire questo disco con l’urlo di Seth Putnam. …. Ho sempre pensato che l’urlo iniziale fosse di Anselmo.

    Liked by 1 persona

  4. weareblind permalink
    28 maggio 2016 16:21

    Pensate che io i Pantera non li conosco. Salvo 2-3 pezzi famosi. Sono all’ascolto ora di Cowboys from Hell. A volte arrivare ad ascoltare la Storia molto, molto in ritardo, ti da strumenti diversi per goderne.

    Mi piace

  5. 28 maggio 2016 20:09

    Questo album ha la rabbia…

    Mi piace

  6. sergente kabukiman permalink
    29 maggio 2016 12:18

    il mio preferito dei pantera, un libro aperto su 4 persone devastate, sputa rabbia e tormento da ogni nota. canzoni come la title-track o sandblasted skin sono volgari schiaffi in faccia e pezzi come 10’s danno un senso di soffocamento allucinante, per una volta i testi non sono mostruosamente criptici( qualcuno sa di cosa parla quello di floods?alcuni cacciano pure l’ipotesi dell’apocalisse), e fanno davvero male.che cazzo di band che è esistita

    Mi piace

    • Cure_Eclipse permalink
      30 maggio 2016 20:53

      “Floods” dovrebbe indicare un’alluvione/inondazione o, se vogliamo il riferimento biblico, il diluvio universale. Non è semplicissimo da capire come testo, soprattutto l’inizio non mi è molto chiaro, ma c’è qualche frase che mi fa propendere per questa tesi (che in rete va per la maggiore). Oltre al palese “wash away us all”, nel finale si parla dell’umanità che durante il giorno gioca con le granate e di notte ha a che fare col nostro amico capro, due atteggiamenti che possono scatenare l’ira del dio biblico. Quindi sì, l’apocalisse ci sta!

      Mi piace

      • sergente kabukiman permalink
        31 maggio 2016 19:47

        l’apocalisse l’avevo pensata anch’io e visto che non sono l’unico, direi che la prendiamo per buona!ahah

        Mi piace

  7. Davide permalink
    29 maggio 2016 16:12

    E pensare che io non l’ho mai ascoltato… ho adorato i panteta di cowboys e vulgar. Poi la passione è scemata con far beyond driven, e successivamente con la mia virata totale al black, li ho proprio snobbati… a sto punto mi avete incuriosito. :-)

    Mi piace

  8. bonzo1979 permalink
    30 maggio 2016 13:45

    io preferisco di gran lunga vulgar display. questo non l’ho mai mandato giù

    Mi piace

  9. dottorics permalink
    24 giugno 2016 14:40

    la penso totalmente come voi. da ragazzo non l’ho digerito subito, se non qualche pezzo…poi con il passare del tempo mi è sempre più entrato dentro.
    certo, l’impatto di far beyond driven non si può non considerare…senza quello forse non sarei nemmeno diventato metallaro (?!)

    Mi piace

Trackbacks

  1. Deutschland überthrashers (zweite episode) | Metal Skunk
  2. Il rincitrullimento dei SABATON è una pessima notizia per tutti | Metal Skunk
  3. Crisi di mezza età: ANTHRAX – For All Kings | Metal Skunk
  4. Avere vent’anni: dicembre 1996 | Metal Skunk
  5. Blog Fire Death: le playlist 2016 dei tizi di Metal Skunk | Metal Skunk
  6. La strada tedesca per la Svezia: REVEL IN FLESH – Emissary of All Plagues | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: