Skip to content

Avere vent’anni: settembre 1997

30 settembre 2017

SADUS – Elements of Anger

Marco Belardi: Non ho mai capito se preferissi i Sadus più slayeriani, ovvero quelli del debutto Illusions, o i successivi. Fattostà che nell’album del 1997 li troviamo arricchiti dell’esperienza con i Death avuta da Steve DiGiorgio (la coda della opener Aggression è esplicativa in tal senso) e con un album maturo, non necessariamente veloce per colpire al primo ascolto (Crutch), e dal quale avremmo gradito un immediato successore anziché attendere fino al 2006. Ritrovare due terzi della formazione che incise questa perla immischiati nei Dragonlord a inizio anni duemila sarà un problema ancor più grave dello stesso scioglimento.

Thrash metal tecnico, con un basso elettrico in grado di innalzarsi sopra al muro di chitarre e proporre le melodie portanti, ed una linea vocale di carattere caustico firmata abilmente da Darren Travis. E poi io sono un fissato delle produzioni fatte per bene, e qui era davvero la perfezione. Pulita, potente, ma senza volere risultare sopra le righe. Questi erano i Sadus, negli anni in cui molti si limitavano ad accodarsi al carrozzone Pantera, ed altri avevano letteralmente mollato il giocattolo che fece le loro fortune. Sì, Elements Of Anger ve lo consiglio senza dubbio.

NIGHTFALL – Lesbian Show

Ciccio Russo: Non era necessario avere un contratto con Century Media ed essere prodotti da Waldemar Sorychta per accodarsi al carrozzone gotico che imperversò nella seconda metà degli anni ’90. A differenza dei concittadini Rotting Christ, i Nightfall furono però tra i tanti che andarono a sbattere così violentemente da non riprendersi mai davvero. Sia chiaro, l’intento era quello, nobilissimo di rastrellare più patata e Lesbian Show, alla fine, non era manco un brutto disco. Appena due anni prima però era uscito quello che resta il loro capolavoro, quindi potete immaginare come ci rimasi all’epoca.

Athenian Echoes aveva già accennato il discorso quindi un’evoluzione commerciale non sarebbe stata necessariamente una scelta sballata. I pezzi però sono piatti e banalotti, per quanto la classe e il mestiere ci siano ancora. Gli ateniesi avrebbero toccato il loro punto più basso due anni dopo con Diva Futura, dichiaratamente ispirato all’opera del compianto vate Riccardo Schicchi.

SAVATAGE – The Wake of Magellan

Charles: Neanche sto a decantare le lodi dei Savatage perché la loro superiorità dovrebbe essere un assunto di base. Dunque la faccio cortissima. The Wake of Magellan è l’ultimo grande album degli americani (e pure il penultimo prima che si sciogliessero) e come i precedenti è talmente avanti coi tempi (e paragonabile pressoché a nient’altro) che per capirlo bene mi ci sono voluti vent’anni. Vent’anni in cui non ho mai smesso di ascoltarlo (anche perché li ho scoperti tardissimo proprio con questo disco, che non è il migliore ma, come sempre accade in questi casi, è il mio preferito). Ancora oggi mi si impappinano le sinapsi quando ascolto la title track con quei cori che si sovrappongono. Che belli che erano i concept album degli anni ’90. Ma che ve lo dico a fare.

IRON MONKEY – st

Marco Belardi: Gli Iron Monkey -come si dice in Toscana- sono durati quanto un gatto sulla statale Aurelia. Si sciolsero dopo circa tre anni dal debutto omonimo, per poi far parlare di sé con la scomparsa dell’ancora giovanissimo vocalist Johnny Morrow. Quello che ricordo è che, all’epoca, li presi inspiegabilmente sulle palle a causa del moniker, che mi suonava sbagliato, e che in realtà il loro sludge era piuttosto godurioso, potente e cupo, sovrastato da una voce disperata e -grazie alla Earache- ben allestito sin dal primo album.

Il successore –Our Problem– avrà un sound ancora grezzo e possente, ma una produzione leggermente più orientata agli standard metal. E non lo preferisco ad Iron Monkey. Ognuno prenderà la propria strada dopo un EP: Justin Greaves finirà ad esempio dalle parti degli Electric Wizard ed in un progetto di Lee Dorrian. L’unico motivo per cui mi sento davvero di scrivere due righe nei confronti di questi ragazzi, e del loro primo parto in studio, è che si sono riformati e nella reunion ci sarà pure il chitarrista originale Jim Rushby.

BRUTAL TRUTH – Sounds of the Animal Kingdom

Ciccio Russo: All’epoca mi aveva deluso tantissimo e lo accantonai abbastanza presto, diretto verso nuove avventure. Fu comunque uno dei migliori dischi grind dell’anno. Però mi aspettavo qualcosa di più dopo un ep mostruoso come Kill Trend Suicide, in grado di rivaleggiare con il full predecessore, l’immenso Need to Control (un po’ lo stesso discorso dei Suffocation, Despise the Sun, sedici minuti e mezzo che se la giocavano tranquillamente con Pierced From Within).

L’anno successivo si sarebbero sciolti e, col senno di poi, si percepì che Sounds of the Animal Kingdom suonava scazzato e un po’ sotto tono perché qualcosa nella band si era incrinato. Nondimeno, è uno dei dischi più sperimentali dei Brutal Truth. Lilker svariona senza ritegno con le sue nuove passioni il black metal e il post hardcore. Ma la componente industrial, purtroppo, è messa più al servizio del Thc che della violenza. Proprio perché lo split era vicino, tanto valeva drogarsi e cazzeggiare.

DOMINE – Champion Eternal

Charles: Oggettivamente, i Domine sono il primo o massimo il secondo miglior gruppo metal che abbiamo mai avuto in Italia. Qui i gusti non c’entrano niente, è proprio un dato di fatto e non c’è molto da discutere su questa cosa. Prima di loro potrei metterci solo i Rhapsody, ma non perché mi piacciano di più (non sarei neanche in grado di scegliere tra i due), ma perché oggettivamente hanno avuto un’eco internazionale molto più ampia di Morby e compagnia, lasciando di fatto un segno più profondo nel panorama metal.

Non è solo una questione di seguito però, non mi fraintendete, ma di rappresentatività nazionale. Nel senso che, pur non avendo avuto dischi/gruppi che hanno segnato una svolta grossa, dando vita a un filone e cose del genere (quindi risparmiatevi di citare questi o quegli altri) e avendo sempre importato i modelli che venivano dall’estero, siamo comunque stati in grado di esprimere al meglio un’attitudine originaria. Quella del metal, appunto, che nessuno in Italia ha saputo esprimere meglio dei Domine.

In un mondo perfetto i Domine sarebbero headliner, che so, al Wacken o a festival power-epic internazionali, e i loro dischi svetterebbero in cima alle classifiche. Quando un metallaro straniero pensa all’Italia, non dovrebbero venirgli in mente i Lacuna Coil, ma i Domine. Ma non è così, perché viviamo in un mondo stupido e infame. Champion Eternal è stato alla base della mia formazione di metallaro così come nella letteratura lo sono stati I Promessi Sposi, l’Orlando Furioso, Il Piacere o I Malavoglia. Un enorme ringraziamento ai quattro campioni eterni che rispondono al nome di: Adolfo Morviducci, Enrico Paoli, Riccardo Paoli, Domenico Palmiotta. I Domine sono il Metallo. W il Metallo. Applausi.

10 commenti leave one →
  1. Ayrton 2112 permalink
    1 ottobre 2017 11:00

    The Wake Of Magellan – l’album – è bello ma hanno saputo fare decisamente di meglio. The Wake Of Magellan – la canzone – è una delle cose più emozionanti che siano mai state composte negli anni ’90. Ricordo di averla ascoltata in cuffia a Londra davanti al monumento ai caduti in mare della Seconda Guerra Mondiale, e ho i brividi ancora adesso.

    Mi piace

  2. Pepato permalink
    1 ottobre 2017 12:36

    The Wake of Magellan è uno dei miei dischi preferiti di tutti i tempi. Per me, senza alcun dubbio, è il migliore dei Savatage in assoluto, molto meglio del tanto osannato Dead Winter Dead. Epico, profondo, con Zack che ha una voce incredibile. Vent’anni? Quando l’ho scoperto (e con esso i Savatage) è stato uno dei periodi più belli della mia vita.

    Quanto ai Domine concordo che sono i migliori mai avuti in Italia, l’epic metal come deve essere. Ricordo che la stessa etichetta lo stesso anno aveva rilasciato i gothic Inner Shrine: erano ottimi, ve li ricordate? Che fine hanno fatto?

    Mi piace

  3. 1 ottobre 2017 12:56

    se la gioca con Dead Winter Dead

    Mi piace

  4. 1 ottobre 2017 14:31

    The Wake of Magellan è uno dei dischi più sborrosissimi della storia. L’ho conosciuto tardi, non appena uscito, ma ormai sono 18 anni che ad ogni ascolto riesce a commuovermi, anche se è un po’ una caratteristica generale della penna di Jon Oliva. Sicuramente non il migliore dei Savatage ma quello che amo di più in assoluto

    Mi piace

  5. 2 ottobre 2017 15:32

    Pazzesco il disco dei Sadus! Mi ero sempre fermato ai primi dischi, ma anche questo è perfetto. Grazie del consiglio!

    Mi piace

Trackbacks

  1. Musica con cui si drogherebbe perfino il cane: IRON MONKEY – 9-13 | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: