OBSCURA – Akròasis

obscura-akroasis-album-cover-art-300x300Mi ero preso una violenta cotta per gli Obscura ai tempi del terzo album Omnivium. In quel preciso momento il techno-death onanista alla Spawn of Possession stava prendendo piede in maniera preoccupante, quindi ascoltare qualcuno che si rifacesse ai Death e, sin dal moniker, ai Gorguts fu una boccata d’aria fetida. Col senno di poi, credo di averli un po’ sopravvalutati. Purtroppo la band di Steffen Kummerer (il quale, lo ricordiamo, è l’uomo dietro i Thulcandra, adorabile gruppo clone dei Dissection) non sfugge ai limiti endemici dei gruppi crucchi che abbiano la tracotanza di discostarsi dai sacri dettami del metallo tetesco salsiccia e patate. Ovvero, tutto preciso, tutto pulito, tutto quadrato. A latitare sono la personalità e i guizzi creativi veri. Oltre a una line-up come quella che aveva inciso Omnivium, nella quale svettava il mostruoso ex bassista dei Pestilence, Jeroen Paul Thesseling. Formazione della quale oggi è rimasto il solo ingegner Kummerer, il che può spiegare non solo perché Akròasis esca a ben cinque anni di distanza dal predecessore ma anche perché, al confronto, costituisca un passo indietro così brusco.

Crediti alla mano, i ragazzi nuovi hanno partecipato in maniera attiva alla fase di composizione e il risultato è un ulteriore, pressoché definitivo, ridimensionamento di quelle reminescenze anni ’90 che avevano reso gli Obscura così graditi a noi vecchiacci con il santino dei Nocturnus nel portafogli. Al loro posto riff stantii e risaputi, derivati di un genere già da tempo putrefatto quale il melodeath figlio dei tardi Dark Tranquillity, come quelli che animano Sermon of the seven suns e Ten sepiroth, di certo non aiutate da una produzione piatta e senz’anima. È stata inoltre approfondita la vena psichedelica e progressive alla Cynic. Ed è proprio qua che la hybris fa i danni maggiori. I quindici e minuti e passa della conclusiva Weltseele non vanno da nessuna parte e le uniche botte di ispirazione genuina arrivano a tempo ampiamente scaduto. Nè può dirsi un buon segno che i brani più convincenti siano quelli più diretti e meno elaborati, come la groovosa The monist o la mia preferita, Fractal dimension, dalla rassicurante coda schuldineriana. Almeno in parte, sarà questione di gusti. Se amate questi suoni, una chance ad Akròasis datela lo stesso, un pezzone come Ode to the sun potrebbe valere comunque il prezzo del biglietto. (Ciccio Russo)

11 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...