Skip to content

SODOM – Decision Day

6 settembre 2016

sodomdecisiondaycdDecision Day è uno dei dischi più brutti mai incisi dai Sodom, anche peggio del precedente, e già mediocre, Epitome Of Torture, recensendo il quale Roberto aveva auspicato che la prossima volta sarebbe andata meglio. E invece col cavolo (anzi, col crauto), cari amici del metallo tetesco.

Ci tengo a premettere che, a esclusione di questi ultimi due, a me dei Sodom piace pressoché tutto. Mi divertono i lavori trucidi e non proprio ispiratissimi della prima metà degli anni ’90, quei vari Tapping The Vein e Masquerade In Blood che sulle riviste dell’epoca collezionavano una stroncatura dietro l’altra perché “poco innovativi”. E apprezzo gli album della svolta melodica avviata con l’eccelso M-16In War And Pieces spaccava. L’appiattimento verso standard sonori più moderni e plasticosi era stato in parte giustificato da un mutamento stilistico. E ci stava che un Tom Angelripper ormai ultraquarantenne non fosse più incazzato col mondo come quando, da ragazzo, scriveva i riff di Outbreak of evil di ritorno da un turno in miniera. Alla fine vivi in un Paese prospero e civilizzato, giri il mondo con uno dei più grandi gruppi della storia del thrash e dalla vita non chiedi nulla più che il tuo bratwurst quotidiano, un frigo pieno di birra e un parco pubblico ben tenuto dove portare i bambini a giocare. È pure giusto sollevare il piede dall’acceleratore, soprattutto se poi ti esce In War And Pieces.

Decision Day si muove invece sulla falsariga di Epitome Of Torture e fallisce ancor più miseramente l’obiettivo di tornare a formule più aggressive e tempi più sostenuti, ovvero di fare marcia indietro rispetto a un cammino evolutivo che era stato tanto naturale quanto fruttuoso. La furia dei brani più tirati suona fuori fuoco e viene smorzata da suoni posticci che, a tratti, finiscono per far somigliare i Sodom a una qualsiasi band di metal estremo generico venuta fuori dopo il 2000, come se il target naturale non fosse il vecchio reduce con le toppe sul giubbotto jeans ma il ragazzetto americano mezzo scemo che ha ascoltato per caso Agent Orange sul tubo l’altro ieri. Decision Day sembra uno di quei remake Usa di film horror europei o asiatici, con meno sangue, la fotografia patinata e una sceneggiatura più semplice per venire incontro alle ridotte facoltà mentali dell’udienza. L’annacquamento non ha però condotto a un maggior appeal commerciale come era stato il caso dei Kreator di Phantom Antichrist, che era un disco paraculo ma almeno era fatto bene. Insomma, per tirare in ballo anche l’altro membro della trimurti teutonica, che Angelripper la lasci incidere ai Destruction ‘sta robetta. La title-track è quasi death svedese.

Ho letto, per curiosità, un paio di recensioni sui principali portali anglofoni dove lo scribacchino di turno, per esprimere i concetti di cui sopra, ricorreva a bislacchi paragoni con gli Immortal (non quelli di Pure Holocaust, suppongo) o addirittura con i Soulfly. Ok, i Soulfly sono un po’ troppo ma diciamo che l’iperbole è esplicativa. E, a seconda del vostro grado di sopportazione nei confronti delle produzioni odierne, ci si potrebbe pure passar sopra se ci fossero i pezzi, i riff, i ritornelli da sbraitare brandendo uno stinco di maiale. Di Decision Day, ahimèsi salva poco o nulla; persino il singolo Caligula, che sul momento mi era sembrato scemotto ma simpatico, diventa quasi fastidioso non appena ti rendi conto che è pure uno dei brani migliori. Poi, certo, è pur sempre il quattordicesimo lp di un gruppo leggendario in pista da oltre trent’anni. Magari eravamo solo stati abituati troppo bene. Se volete ascoltare del thrash tedesco suonato come il Capro comanda, recuperate il nuovo degli Exumer. (Ciccio Russo)

18 commenti leave one →
  1. 6 settembre 2016 10:37

    mi spiace leggere che una band importante nel panorama metal sia caduta così in basso, devo aggiungere che non ho ascoltato l’album ma solo Caligula, il singolo rilasciato, e l’ho trovato molto ma molto diverso dal tipico Sodom sound, che da un parte è buono perchè indica che la band non vuole arenarsi a fare il classico compitino, dall’altra parte i Sodom sono diventati i Sodom per il muro di suono e l’agressività del loro sound.

    Mi piace

  2. nicola permalink
    6 settembre 2016 11:19

    non ci sono più i Fuck the Police di una volta.

    Liked by 1 persona

  3. weareblind permalink
    6 settembre 2016 12:31

    Hai ragione purtroppo su tutta la linea.

    Mi piace

  4. Ranx permalink
    6 settembre 2016 17:56

    Se “Caligula” è uno dei brani migliori al resto non oso pensare. Detto questo spero di riuscire ad esserci a Trezzo sabato, che dal vivo lo zio Tom ha sempre il suo perché. Sul disco degli Exumer hai ragione Ciccio, è una discreta bombetta.

    Mi piace

  5. Bonrath permalink
    6 settembre 2016 21:54

    Eccetto le differenze ovvie, Caligula starebbe incredibilmente bene in un qualsiasi album di Udo da Mastercutor in poi

    Mi piace

  6. analviolence permalink
    7 settembre 2016 16:10

    Grandissima citazione di Panfilo Maria Lippi, sempre nei nostri cuori

    Mi piace

Trackbacks

  1. Avere vent’anni: ottobre 1996 | Metal Skunk
  2. Frattaglie in saldo #28 | Metal Skunk
  3. Blog Fire Death: le playlist 2016 dei tizi di Metal Skunk | Metal Skunk
  4. Avere vent’anni: gennaio 1997 | Metal Skunk
  5. Timbrare il cartellino: KREATOR – Gods of Violence | Metal Skunk
  6. Avere vent’anni: febbraio 1997 | Metal Skunk
  7. WARBRINGER – Woe to the Vanquished | Metal Skunk
  8. Frühstück ist fertig: i figli di Pasquale Ametrano e il nuovo disco dei Tankard | Metal Skunk
  9. Avere vent’anni: luglio 1997 | Metal Skunk
  10. XXIII AGGLUTINATION @Chiaromonte (PZ) 19.08.2017 | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: