Skip to content

Fuori dalla mia fottuta proprietà: onorare il Veterans’ Day sparando ai ladri di bestiame

11 novembre 2015

La posizione ufficiale di Metal Skunk sul candidato preferito per la Casa Bianca è senz’altro Hillary Clinton: guerrafondaia, assetata di sangue, spietata, crudele, capace di accogliere con una risata la notizia della morte di Gheddafi, Hillary è davvero la persona più vicina a SATANA che mi venga in mente. In South Park raffiguravano Saddam come la puttanella di Satana; adesso probabilmente raffigurerebbero Satana come la puttanella di Hillary Clinton. Quindi su Metal Skunk sperano tutti che la signora Clinton vinca a mani basse e faccia sprofondare il mondo nel desolato incubo dell’apocalisse nucleare, perché non ci meritiamo nient’altro. Una presidenza di Hillary Clinton sarebbe il sogno bagnato di Nathan Explosion, Miika Luttinen e G.G. Allin, e non ci possiamo perdere l’occasione di essere testimoni dell’Armageddon.

Io però sono in disaccordo con i miei compagni di merende di MS. A me piace Donald Trump. Come saprete, io non ho completato la scuola dell’obbligo, mi scaccolo ai semafori e mi piace guardare lo sport sprofondato in poltrona bevendo birra e ruttando; dunque è perfettamente comprensibile che un buzzurro analfabeta come me parteggi per Trump. Ma è così, che ci posso fare: per quanto mi ci sforzi, proprio non riesco a non farmi stare simpatico il vecchio Donald. È un mondo difficile. Dovrebbero fare una legge apposita per quelli come me, una bella Legge Mancino su misura, ma in assenza di essa io mi trovo costretto a continuare a pensarla in modo sbagliato e socialmente sconveniente, quindi abbiate comprensione verso il mio povero cervello atrofizzato.

I Five Finger Death Punch sono grossomodo l’equivalente metallaro di Donald Trump. Stanno sul cazzo a tutti, fanno una musica che più AMERICANA non si può, pompatissimi, sempre sopra le righe, le photosession con le armi da fuoco in mano, le dichiarazioni strafottenti, l’attitudine. I Five Finger Death Punch sono Donald Trump, Walt Disney, la Coca-Cola, i missili Tomahawk, John Wayne che fa il culo agli indiani, Indiana Jones che fa il culo ai nazisti, Luke Skywalker che fa il culo alla Morte Nera, Jack Bauer che fa il culo ai terroristi. Rappresentano quell’America con il mito degli anni ’50, quando tutto era più semplice e si poteva sparare col fucile a canne mozze a qualsiasi canaglia venisse a rubarti le vacche senza che poi nessun blogger con gli occhiali ti rompesse i coglioni. Quell’America arretrata e ignorante che appunto vota Trump, poveri stolti!, quell’America socialmente non impegnata che vorrebbe solo vivere in pace nel suo ranch, andare a caccia la domenica e guardare un film la sera con i propri cari, per cui il mondo esterno semplicemente non esiste e quindi non si sognerebbe mai di, tipo, firmare petizioni per rovesciare nel sangue questo o quel crudele dittatore di uno Stato ricco di petrolio e con la banca centrale nazionalizzata, mannaggia. Hanno la loro fottuta proprietà, le loro vacche, la loro famiglia e, per essere sicuri di non perderle, hanno pure un bel fucile FN SCAR-L 5.56 sempre carico sotto al cuscino. La gente illuminata e mentalmente aperta chiaramente ne fa il proprio zimbello, e in tutta risposta loro rispondono con atteggiamento strafottente. “Se non ti piaccio ti giri dall’altra parte”, si dice al mio paese, ma loro penso aggiungerebbero “e se poi insisti troppo occhio che ho un ottimo fucile d’assalto nel bagagliaio della mia Hummer”

FEUER FREI

FEUER FREI

Insomma, Donald Trump è nell’occhio del ciclone da quando ha dichiarato di voler correre alle presidenziali. La critica più infamante e gettonata è che è un rozzo cafone col parrucchino. Inoltre è sbagliato usare i propri soldi per fare la campagna elettorale. Bisogna indebitarsi fino alla gola con delle grosse lobby finanziarie, perché poi mica quelle ti chiedono indietro qualcosa, e comunque non c’è nulla di cui discutere perché Trump è un cafone col parrucchino. Trump non può chiaramente rispondere a tono, perché Hillary è in una posizione di netto vantaggio: non solo è sempre stata molto attenta a supportare e finanziare tutte le minoranze piagnucolanti come interisti, terroni e tagliagole moderati che moderatamente usano mangiare il cuore del proprio nemico per ottenerne la forza; ma soprattutto è una stretta amica del Demonio con la ferma intenzione di far esplodere il mondo e riderne, sempre stando attenta però a non offendere nessuna minoranza nel frattempo. Quindi come fa Trump a rispondere? È normale avere soggezione per un’espressione del Male così pura che non si vedeva dai tempi dei primi Malevolent Creation. Fortunatamente però può sfogarsi con gli altri candidati repubblicani, soprattutto Ben Carson, uno stimatissimo neurochirurgo che è creazionista e quindi deve continuamente subire le prese per il culo di Donald Trump che, ogni volta che quello asserisce di credere all’Arca di Noè e al serpente che parla, lo ridicolizza come il bullo delle scuole medie. “Come fai a credere che Satana si manifesti per mezzo di un serpente parlante, vorrebbe dirgli, quando lo sai anche tu che in realtà si manifesta per mezzo di una bionda assetata di sangue con la valigetta dei codici nucleari nella borsetta di ecopelle comprata al mercatino equo&solidale?”.

Anche i Five Finger Death Punch sono odiati. Lo scrissi anche nell’altro articolo: sono di gran lunga il gruppo più commentato su Blabbermouth, e l’80% dei commenti sono insulti, flame, minacce di morte, eccetera. Perché la gente se la prende con loro, che alla fine, possano o non possano piacere, sono un onestissimo gruppo di cazzoni che suonano pompando come se non ci fosse un domani, peraltro non inventando niente di nuovo ma ponendosi perfettamente nel solco di una tradizione ben precisa e identificabile del metal americano? Perché non se la prendono, non so, con gli Avenged Sevenfold o gli Huntress, che oltre a non servire a nulla sono fastidiosi proprio concettualmente? Invece se la prendono con i FFDP perché rappresentano l’Altro: non l’altro che viene da fuori, quello che non vedi o che non frequenti, e che è tanto romantico difendere; ma l’altro che hai in casa, con cui sei costretto ad avere a che fare, quello con cui devi concretamente venire a compromessi per stilare le regole degli spazi che frequenti, dalla scuola dei tuoi figli al Parlamento, e che potrebbe far sì che Donald Trump diventi il presidente della tua Nazione. Quindi il risultato è l’odio. E il modo strafottente con cui i Five Finger Death Punch affrontano questo carico di odio è tale da aumentare ancora di più il rancore verso tutto ciò che rappresentano.

Ad esempio qualche tempo fa il chitarrista Zoltan Bathory, un immigrato ungherese che si è ambientato benissimo, ha fatto un endorsement pubblico su Twitter per Donald Trump. Sapete che di solito le band non si espongono, o se lo fanno lo fanno per i candidati democratici, no? Ecco, tra tutti quelli che potevano fare un endorsement PROPRIO a Donald Trump dovevano essere PROPRIO i Five Finger Death Punch.

ladies and gentlemen, zoltan bathory

ladies and gentlemen, zoltan bathory

Sembra quasi che si divertano a fare salire la bile a quella gente. Me li immagino, a provare il nuovo mitra al poligono il sabato pomeriggio, che si raccontano i commenti più livorosi e ridono con la bocca aperta mentre sparano contro la sagoma con sopra la figura di Osama bin Laden.

Donald Trump invece non può permettersi un simile divertimento, innanzitutto perché suppongo che lavori 27 ore al giorno, ma anche perché è un candidato alle primarie repubblicane e non un gruppo rock di redneck tamarri. Quindi deve stare attento a quello che dice, anche se certe volte gli scappa qualcosa che in questo periodo storico è considerato sconveniente. Però, mutatis mutandis, risponde con una sicumera simile a quella dei suddetti redneck tamarri, tipo: “Ho detto quello che ho detto. L’America è fissata col politicamente corretto, ma io non ho tempo per queste cose: ci sono cose più importanti da fare”, oppure “Così tanti sciocchi politicamente corretti nel nostro Paese! Dobbiamo tornare a darci da fare senza sprecare tempo ed energie in cose prive di senso!”.

un'iperbole esplicativa

un’iperbole esplicativa

Il che, per la platea di blogger e autori televisivi che passa il proprio tempo a parlare della gaffe transfobica di un calciatore o della più efficace declinazione del genere femminile del sostantivo riferito al ruolo di presidente, è l’inferno, perché in questo modo lui stronca la discussione e manda tutti affanculo. Se avessi finito le scuole medie avrei un’altra opinione, e sicuramente mi sbaglio, ma a me sembra una cosa molto heavy metal. Certo anche Hillary Clinton è molto heavy metal, con visioni di milioni di corpi umani che bruciano e intere città rase al suolo e condannate a secoli di radioattività, ma un heavy metal diverso, diciamo. Io capisco che il mio pensiero è sbagliato, e me ne vergogno, e vi assicuro che di solito cerco di non esprimerlo in pubblico, alla stregua della mia fascinazione per i pentacoli, i caproni e i Freedom Call, ché certe cose è meglio che non si sappiano troppo in giro.

Ho voluto fare tutto questo preambolo per dire due cose: oggi è il Veterans’ Day ed è in giro da un po’ il nuovo disco dei Five Finger Death Punch, Got Your Six, che è il classico disco dei FFDP con due-tre canzoni da prenderci i muri a testate e le altre gradevoli, testosterone a tremila e quei suoni pompati come un lottatore di wrestling degli anni 80. FIVE FINGER DEATH TRUMPI FFDP, essendo rappresentanti di quell’America di cui si diceva prima, hanno da sempre parlato molto di truppe, di soldati, di veterani e di tutti quei poveracci che crepano a vent’anni in qualche buco di culo desertico per un motivo che non conoscono neanche loro, e sono andati a suonare nei campi-base in Iraq, in Afghanistan, in Kuwait e pure nei rifugi per veterani senzatetto. Perché in America c’è questo problema che prima mandano la gente al macello e poi, quando tornano, gli danno un calcio in culo e neanche l’assicurazione sanitaria o un meccanismo per entrare nel mondo del lavoro. Quindi ci sono decine di migliaia di veterani che vivono per strada o in condizioni che non esistono manco nei posti che sono andati a bombardare. Ricordate Rambo, no? Ecco, guerriglia finale a parte era un film estremamente realistico. I veterani sono sul lato sbagliato del paradiso, come recitava il titolo del precedente album dei Nostri. A questo discorso si ricollega il nostro grandissimo idolo Donald Trump che, non avendo avuto mai tempo per coltivare un’educazione raffinata e un vocabolario sempre all’ultima moda, dice che negli ultimi anni gli Stati Uniti hanno sbagliato tutto e che era meglio prima, quando c’erano Gheddafi e Saddam e si stava abbastanza tranquilli e la regione non era preda di assassini tagliagole cammellari beduini figli di puttana che chissà com’è che sono così bene armati, mannaggia. Quindi vuole che i soldati tornino a casa e usino le proprie armi non contro il nemico immaginario in groppa a stu cammello ma contro quei farabutti che entrano nella tua proprietà per rubarti le vacche. Non so se sia giusto sparare con un fucile d’assalto ai ladri di bestiame, ma si può discutere se sia un male minore rispetto all’esportazione di democrazia. Che il vendicativo Dio dell’Antico Testamento benedica gli Stati Uniti d’America, ma soprattutto che ce la mandi buona alle prossime presidenziali.

16 commenti leave one →
  1. cattivone permalink
    11 novembre 2015 18:33

    Sono felice di non essere americano perche’ mi avresti convinto a votare Trump.
    Parlando di musica i “pugno della morte a cinque dita” non sono esattamente il mio genere, ma a piccole dosi divertono, ci daro’ un ascolto.

    Mi piace

  2. weareblind permalink
    11 novembre 2015 23:11

    Ffdp francamente noiosi.

    Mi piace

  3. yukluk permalink
    12 novembre 2015 08:45

    Hai validissime argomentazioni, ma l’ olocausto nucleare con la clinton mi attira troppo ;-)

    Mi piace

  4. Lorenzo (l´altro) permalink
    12 novembre 2015 09:34

    M´hai convinto. Su Trump, non sui Five Fingers…

    Mi piace

  5. 12 novembre 2015 09:37

    Donald doesn’t duck. Ffdp alla garrota.

    Mi piace

  6. fredrik permalink
    12 novembre 2015 23:08

    Hillary Clinton ist krieg.
    Anche a me ispira olocausti nucleari, impaled nazarene, rage nucleaire e diabolicum.
    ai ffdp un 50mg di polonio, per via rettale. basta questo per capirne il tenore: http://goo.gl/z3gW3P

    Mi piace

  7. dario.epic permalink
    12 novembre 2015 23:12

    Ma Trump non è un po’ come il pensionato di Vaprio d’Adda?

    Mi piace

  8. metal mike permalink
    28 novembre 2015 21:43

    gli antichi avevano già proposto soluzioni per il furto di vacche.penso il reato si chiami abigeato.

    Mi piace

Trackbacks

  1. Bonded by Blog: le playlist del 2015 dei tizi di Metal Skunk | Metal Skunk
  2. XXII AGGLUTINATION @Chiaromonte (PZ), 21.08.2016 | Metal Skunk
  3. E CHI SE NE FREGA #11 | Metal Skunk
  4. Le mamme non hanno più paura di Marilyn Manson ed è anche colpa nostra | Metal Skunk
  5. E CHI SE NE FREGA #13 | Metal Skunk
  6. In America se vai a vedere i Marduk rischi di essere sprangato da Black Lives Matter | Metal Skunk
  7. Once upon a time in Norway #10 | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: