Monthly Archives: ottobre 2015

Avere vent’anni: SUMMONING – Minas Morgul

Non voglio essere banale, ma è veramente difficile parlare di questo disco. È difficile parlare dei Summoning in generale, perché sono il gruppo meno normale che esista. Non c’è nessuno che abbia mai suonato come loro, e di sicuro nessuno potrebbe mai provare a replicarne l’atmosfera: amare i Summoning è esclusivamente una questione di sensibilità, devono riuscire a toccarti certe

Continua a leggere

Avere vent’anni – Morning Glory, gli anni novanta e l’iniziazione all’alcolismo

Probabilmente questo è il disco con cui identifico maggiormente i miei anni al liceo. Ce lo avevano TUTTI, lo conoscevano a memoria TUTTI ed era l’unico che riusciva a mettere d’accordo gli ascoltatori dei Darkthrone e dei Backstreet Boys. Da questo punto di vista, (What’s The Story) Morning Glory è la prova definitiva che non c’è nulla di meglio del

Continua a leggere

Avere vent’anni: OASIS – (What’s the Story) Morning Glory?

Nell’agosto del 1995 ero a Londra per studiare l’inglese. La percezione per strada, nei negozi, nei bar, ovunque, era che esistesse una sola ed unica canzone al mondo: Supersonic. Andavi nei clubbini tipo Underworld, Astoria o Marquee e quando partivano le prime tre note la gente si metteva letteralmente ad urlare. Nella famiglia di cui ero ospite, le due figlie

Continua a leggere

Avere vent’anni: JOE SATRIANI – st

Della sacra triade composta da Vai, Malmsteen e Satriani (che poi sarebbero i tre numi tutelari che praticamente qualunque chitarrista rock, prima dell’avvento di internet e youtube, citava come influenze principali se era un minimo addentro alla tecnica sullo strumento; i più smaliziati casomai poi ne aggiungevano anche altri, ma questi tre erano proprio l’abc, diciamo), quest’ultimo è quello che

Continua a leggere
« Vecchi articoli