Skip to content

SLAYER – Repentless (Nuclear Blast)

18 settembre 2015

Testi di Luca Bonetta, Ciccio Russo e Il Messicano

Slayer_Repentless_Cover

Luca Bonetta: Potrei stare qui a sciorinare papiri sul fatto che gli Slayer si sono rincoglioniti, che ho perso il conto degli anni passati da quando mi sono veramente esaltato con un loro disco, che Tom Araya prima assomigliava a Mauro Corona (scrittore, poeta e scultore delle mie parti, leggetevi qualcosa se non lo conoscete che merita) e ora pare un clochard di Bogotà. Potrei fare tutte queste cose ma sono sicuro che molti tra voi le pensano già, quindi mi limito ad un’analisi a freddo di quello che è il dodicesimo full degli Slayer. Ed eccomi qua, non so davvero cosa cazzo dire; ai tempi del liceo ero pure bravo a intavolare discorsi partendo da basi misere. Ho scritto alcuni dei temi migliori della mia classe infarcendoli di supercazzole e voli pindarici intorno all’aria fritta ma qui, signori miei, è tutto un altro discorso. Cosa si può dire di Repentless? Io posso solo dire che su un totale di 12 tracce ne salvo 2: la title-track e la successiva Take Control. Pure l’intro è carina, e questo vi dà un’idea di quanto mi sia arrampicato sugli specchi per cercare di tirare fuori qualcosa da questo cumulo di nulla cosmico fumante. Davvero, gente, mi sento impotente davanti a cotanta inutilità. Direte: “ma non c’è proprio un cazzo da salvare?”. No, la produzione è sterile da far vomitare e l’atmosfera generale è quella di un gruppo alla canna del gas ormai da tempo immemore che continua a cacare fuori dischi giusto per sputare su un passato glorioso. Si limitassero a fare tour gliene sarei eternamente grato. Ma sono convinto che queste cose le immaginavate già da soli. E sapete qual è la cosa peggiore? Che io ‘sta cacata l’ho pure comprata… Pensate quanto sono stronzo.

Kerry_a5062b_1932579Ciccio Russo: Mi piacerebbe potervi dire che alla fine si fa ascoltare, almeno di sottofondo. E invece no. Repentless è veramente brutto e inutile come me lo aspettavo, se non peggio. Il fatto che Kerry King, al momento di scegliere il titolo del disco, non sapesse nemmeno che Repentless non era una parola di senso compiuto in inglese, faccenda sulla quale si è sghignazzato molto sull’internet, la dice lunga sulla sciatteria e l’avventurismo di un album che è il colossale atto di presunzione di un musicista convinto che fosse possibile portare avanti una delle più grandi band della storia del rock dopo la morte del suo compositore più dotato. Ho scritto più volte cosa ne penso della decisione di King e Araya di proseguire l’attività in studio dopo la scomparsa di Jeff Hanneman. Non ne faccio una questione di principio, non ho più 16 anni. È ovvio che quel che resta degli Slayer continui a esibirsi dal vivo, mica pretendo che a cinquant’anni mollino tutto e vadano a lavorare da McDonald’s. All’Hellfest mi avevano pure divertito assai. Il punto è che King non ha abbastanza talento per scrivere in autonomia un disco in grado di reggere il confronto non dico con i classici del passato ma con le prove più recenti che, vi piacciano o meno, avevano sempre quei due o tre brani in grado da soli di fare polpette del 90% delle uscite discografiche coeve. Non c’è una Snuff, una Cult o una Payback, per citare tre tracce firmate dallo stesso King. Non c’è un cazzo di niente.

Si salva pochissimo. La title-track non è male, anche se linee vocali sono le stesse di World Painted Blood. Anche Cast the first stoneChasing death, il cui testo sembra riferirsi alla dipendenza dall’alcol del fu sparring partner, sono tutto sommato carine. Implode ha un bel ritornello, sebbene il resto della canzone sembri attaccato con lo sputo. Repentless nella sua interezza è, però, di un piattume sconfortante, a cominciare dalla deprimente When the stillness comes, un tentativo miseramente fallito di scrivere un pezzo “alla Hanneman” che è forse il brano più brutto mai uscito a nome Slayer. Non mancano solo i pezzi, manca anche quell’inconfondibile botta emotiva che solo gli Slayer sono in grado di dare. E un disco degli Slayer senza la botta semplicemente non è un disco degli Slayer. Perché Jeff Hanneman (en passant, stendiamo un velo pietoso su Piano wire, in teoria assemblata con riff lasciati in eredità dal defunto chitarrista) non era solo il lato oscuro della band, era anche quello più parossistico. Quel che colpisce davvero è infatti la sciagurata prevalenza di mid-tempo noiosi e sterili che ricordano i momenti più soporiferi di Diabolus In Musica. Se non hai idee, almeno buttala in caciara e premi sull’acceleratore a tavoletta, perdio. In tutto questo vuoto pneumatico, poco possono Gary Holt (che si limita a qualche assolo) e Paul Bostaph, che è un grandissimo batterista, uno dei migliori in ambito thrash, ma non ha la fantasia e i guizzi di Dave Lombardo e quindi, alle prese con composizioni così mediocri, non è in grado di fare la differenza, per quanto le sue mitragliate di doppia cassa restino un bel sentire.

Moscio, tirato via e senz’anima, Repentless difficilmente passerà ancora per il mio stereo una volta esaurito il dovere di cronaca. Se non avete il profondissimo legame emotivo che ho io con gli Slayer e lo avete trovato carino, se siete adolescenti e avete ordinato l’edizione limitata perché è il primo loro album che vedete uscire, posso pure capirvi, ci mancherebbe. Così come spero mi capirete voi se da oggi tenterò di far finta che questo disco non sia mai uscito.

Slayer-Danny-TrejoIl Messicano: Tra gli stronzi di Metal Skunk, penso di essere stato tra quelli che si è approcciato a questo disco nella maniera più tranquilla e “serena” possibile. Sono cresciuto con gli Slayer, ma non sono un loro ultras, come non lo sono di nessun gruppo. Sono tra le band più importanti della musica estrema e cazzi vari, ma bisogna essere oggettivi anche di fronte ai gruppi storici che ci hanno letteralmente cresciuti: non fanno un disco all’altezza del loro nome dall’ottimo Divine Intervention, anno di grazia 1994, cioè ben ventuno (21) cazzo di anni fa. Una vita. Nel ’96 tirarono fuori Undisputted Attitude, che ti apriva il culo e ci faceva i salti mortali dentro ma era un disco di cover punk/hc, quindi non un vero e proprio album. Nel 1998 fu la volta di Diabolus in Musica, album che comprai appena uscito. Ero un giovincello ai tempi e il primo ascolto fu paragonabile al momento in cui sei nella cameretta della tua ragazzina, periodo primi anni delle scuole superiori, e limoni hardcore fino a quando non ti arriva il cazzo contro il mento, ma proprio mentre stai per sbatterglielo in pancia rientra sua madre e rimani con le palle gonfie e doloranti fino all’agognato ritorno a casa, dove ti spari un segone liberatorio con sborrata finale che manco Rocco Siffredi con 5 kg di peperoncino lucano infilato nel culo. Ancora rintronato dalle allucinanti botte “hardcoreggianti” del sopracitato Divine Intervention, rimasi delusissimo da questo disco mediocre, spompato e moscio. Anni dopo lo rivalutai parzialmente. Lo considero comunque poca roba anche oggi, intendiamoci, ma ai tempi della sua uscita io ascoltavo in prevalenza hardcore, thrash e death e quindi per i miei standard dell’epoca era davvero una pisciata nel deserto del Nevada. Nel 2001, speranzoso, presi God Hates Us All il giorno del suo arrivo nei negozi. Ci spesi pure un sacco di soldi, perché era una versione salcazzo o roba del genere, e dopo il primo ascolto mi venne voglia di uccidere tutta la mia famiglia e darmi fuoco in piazza per i nervi: tutti quei soldi per quel merdoso pastone nu metal/groove/minchiation/roba varia che andava di moda all’epoca, più qualche sporadico elemento lontanamente slayeriano qua e là. Con la stessa somma avrei messo benzina alla macchina e mi sarebbero rimasti abbastanza soldi per caricare una nigeriana: palle svuotate e zero sangue amaro. Volete mettere? Fu il mio definitivo vaffanculo a ‘sti vecchi del cazzo. La mia pazienza era finita.

Christ Illusion arrivò nel 2006, ma io non lo ascoltai: ‘sta gente per me era morta e stramorta. Lo recuperai qualche tempo dopo e ne rimasi piacevolmente sorpreso: era decente. Niente per cui strapparsi i peli dalle palle a morsi, certo, ma un album comunque dignitoso da un gruppo ormai finito fa sempre piacere. Tre anni dopo, nel 2009, arrivò World Painted Blood: un altro calcio nei coglioni. Era una cacatina stupida, tipo gli stronzetti di pochi centimetri che spari nel tardo pomeriggio in casi eccezionali: insignificanti, quasi ridicoli a vedersi, ma puzzolenti come la carcassa di un babbuino morto per indigestione di merda di scrofa con la sifilide. Torniamo, quindi, al punto iniziale: non mi aspettavo assolutamente un cazzo da questo Repentless, visto che ritengo gli Slayer ormai finiti da oltre vent’anni, ma a ‘sto giro la curiosità di ascoltare il nuovo album c’era, visto che è il primo dopo la morte di Jeff Hanneman.

tom-araya-fsgQui possiamo aprire un’altra parentesi: continuare senza Jeff è stata la scelta giusta? Sì, c’è gente che ha fatto questa domanda. Perché? E’ morta l’anima del gruppo, nonché membro, amico e compagno di avventure storico, quindi avrebbero dovuto sciogliersi. Ho sentito recitare questo copione da più persone. Insieme si forma un gruppo, si compongono i dischi, si contribuisce alla nascita ed allo sviluppo di un genere, si va in tour in giro per il mondo, si influenzano centinaia di altri gruppi e ci si vuole bene come fratelli, in nome della passione per la muzicamedalz e di Satanasso. Vero? Sì, certo, peccato che siano tutte stronzate che non stanno né in cielo né in terra. Quando si convive in giro per il mondo con le stesse persone per oltre trent’anni è inevitabile che si finisca quasi ad odiarsi e che comporre dischi diventi un lavoro come un altro, così come i tuoi ex amici con cui hai iniziato a suonare diventino dei semplicissimi e banali colleghi di questo cazzo di lavoro, esattamente come quelli con cui condividete l’ufficio tutti i giorni della settimana, esclusi i festivi. Gli Slayer non sono più un gruppo estremo o un’entità maligna, come qualcuno li ha definiti. Gli Slayer sono un marchio, sono un business, sono uno spettacolo, sono una fonte di guadagno. Sono un’azienda grazie alla quale queste persone fanno mangiare (bene) le proprie famiglie e quelle delle decine di persone che lavorano per loro. E basta. Avete mai sentito di una fabbrica che chiude i battenti dopo la morte di un operaio? O di un’azienda che magari cambia nome dopo la dipartita di uno dei soci fondatori? Vi sembrano paragoni azzardati? No, non lo sono per niente. Vi basti pensare che questi sono gli stessi che hanno fatto delle magliette in collaborazione con la H&M, tanto per fare un esempio, e così agiscono anche per tutto il resto: sfruttano il loro nome, che è ormai un vero e proprio marchio, per vivere. Sanno che il loro brand fa comunque vendere i dischi, fa venire la gente ai concerti e fa vendere le magliette, qualunque cosa accada, qualunque cosa loro facciano o dicano e vaffanculo a tutto il resto. Con questa ottica hanno continuato ad esistere ed hanno dato alla luce Repentless, riampiazzando Jeff con un altro importantissimo pezzo della storia del thrash metal, Gary Holt, anche se praticamente solo come turnista dal vivo (almeno per ora).

L’album è come me lo aspettavo: un prodotto leccato, buttato lì a cazzo, con elementi presi un po’ di là e un po’ di qua, rattoppato in più punti e fatto per piacere a tutti e a nessuno, tanto è lo stesso: venderanno comunque, porteranno a casa la pagnotta e tireranno cocaina dalle tette di qualche tardona peruviana nei camerini. E’ un disco noioso, riciclato, a tratti direi proprio stupido, con qualche parte veloce, diversi mid-tempos che più dementi non si può, mestiere a quintali, idee sotto lo zero e sorriso sulle labbra… Sì, il sorriso di chi sa che anche a ‘sti giro gli è comunque andata bene, nonostante tutto. Gli Slayer sono ormai dei tristi pensionati: qualunque cosa facciano, avranno sempre la sudata pensione, appunto, che li aspetta ogni fine del mese. Sono leggi di mercato ed esistono da sempre e alla fine va bene così, ma per me possono continuare ad andarsene a fare in culo senza se e senza ma. E’ paradossale che tra i gruppi thrash storici, sia americani che europei, loro siano tra quelli invecchiati peggio (escludendo i Metallica, che sono un caso a parte)… Del resto si sa che le coltellate alla schiena alla fine le prendi da chi meno te lo aspetti. Complimenti per la trasmissione.

32 commenti leave one →
  1. Cure_Eclipse permalink
    18 settembre 2015 15:35

    Oh ma come vi permettete di insultare i FUCKING SLAYER questo disco è un capolavoro assoluto altro che i gruppetti di merda del nuovo millennio siete degli sfig…

    …ah no, non siamo nei commenti della recensione dei Maiden, scusate.

    Concordo con voi, soprattutto nel sottolineare l’assenza di qualche killer track sparsa qua e là (come quelle citate da Ciccio, che in sostanza hanno salvato in corner le ultime produzioni slayerane, a parte God Hates Us All che a me piace quasi in toto). Repentless – la canzone – è figa dai, il video abbastanza divertente, poi pressoché il nulla. Non ricordo mezzo refrain da urlare ai prossimi concerti e i riff sembrano composti con la chitarra in grembo sulla tazza del cesso (guai a dare carta bianca a Holt, caro Kerry…visto mai tirasse fuori un pezzo decente?). Ma soprattutto, quante volte viene ripetuta la parola “society” nei testi? Boh, non credo lo ascolterò più da qui all’infinito.

    Liked by 1 persona

  2. 18 settembre 2015 15:44

    ….anche io l’ho recensito e….sono stato meno cattivo di voi ma comunque il senso è quello!

    Mi piace

  3. weareblind permalink
    18 settembre 2015 17:11

    “Ero un giovincello ai tempi e il primo ascolto fu paragonabile al momento in cui sei nella cameretta della tua ragazzina, periodo primi anni delle scuole superiori, e limoni hardcore fino a quando non ti arriva il cazzo contro il mento, ma proprio mentre stai per sbatterglielo in pancia rientra sua madre e rimani con le palle gonfie e doloranti fino all’agognato ritorno a casa, dove ti spari un segone liberatorio con sborrata finale che manco Rocco Siffredi con 5 kg di peperoncino lucano infilato nel culo.”
    Applausi e lacrime. La recensione mia non serve, avete detto tutto. E bene come al solito.

    Mi piace

  4. PIRAGNA666 permalink
    19 settembre 2015 13:18

    VECHHIA GENERAZIONE E INIZI DEI SLAYER CHI HA VISSUTO QUEI ANNI NON PUÒ SENTIRE QUESTI SLAYER.
    IN DUE PAROLE HO VI ADATTATE AI SLAYER QUELLI DE OGGI OPPURE CONTINUATE A SENTIRE QUELLI DEGLI ANNI 80′.
    Due o tre pezzi se salvano da quando è arrivato il 2000 a oggi .

    Mi piace

  5. Luca permalink
    19 settembre 2015 14:54

    disco ascoltato in rete due volte, una rottura di palle esagerata, sempre gli stessi riff, la stessa voce stridula che non fa paura a nessuno. Non esprime nemmeno vera rabbia, d’altronde che rabbia possono esprimere dei pensionati tatuati con occhiali da sole e villa al mare? ‘sto disco sembra fatto apposta per i detrattori del metal. Sul discorso della “azienda slayer” Il Messicano ha capito tutto, condivido al 100%.

    Mi piace

  6. Vendettadeltamburino permalink
    19 settembre 2015 15:10

    Sostanzialmente d’accordo con il giudizio non eccelso sul disco:produzione brutta e poca ispirazione, anche se qualcosa si salva.
    L’unica cosa fuori dal mondo è dire che “divine intervention” è un bel disco, decisamente il peggiore porcaputtana! Perfino “god hates us all” è meglio. Riascoltatevelo cazzo, è una merda

    Mi piace

  7. zac permalink
    19 settembre 2015 16:05

    che tristezza. Invecchiare con dignità è un lusso che pochi, pochissimi in campo musicale riescono a concedersi.
    Per quanto mi riguarda ho concesso già troppi secondi a questo cacatoio, torno a sentirmi DECADE OF AGGRESSION

    Mi piace

  8. Fanta permalink
    19 settembre 2015 22:06

    La davano a 1,0001 questa triplice stroncatura. Questo per dire che state diventando prevedibili. Sia chiaro, mi piace leggervi, avete stile. Però boh…non è colpa degli Slayer o dei Maiden o di qualche cazzo di vecchia band random se il metal agonizza. Niente ricambio generazionale, ecco il problema; ormai è assodato. Sui motivi si potrebbe scrivere un trattato il cui onere lascio volentieri ad altri. Io sto disco lo trovo comunque ben fatto. Sì, certo, grazie al cazzo: c’è tanto mestiere. Pure Moana Pozzi nel ’94, prima di stirare le zampe, ne aveva. Però per quel che mi riguarda funziona. Ti rimane in testa, senza manco accorgertene ti ritrovi a canticchiarne i riff in più di un’occasione. Le seghe su Moana te le facevi anche prima che trapassasse. Cerchiamo di capirci, questi non devono dimostrare più un cazzo. È chiaro o no? È gente che ha scritto la storia e come dice Venticello quel che conta è la stozza; portare a casa la pensione. Io in macchina me lo sparo e sorrido con loro. Senza tante pretese. Poi, per incidens, Bonetta mi spiegherà cosa ha che non va la produzione di Terry Date. Terry Date mica pizza e fichi. Uno che ha griffato roba seria di Overkill, Pantera eccetera. Un pò di rispetto…e che cazzo. Saluti a tutti e complimenti per la trasmissione.

    Mi piace

    • 20 settembre 2015 03:21

      stiamo diventando prevedibili noi o era prevedibile che il nuovo ‘slayer’ facesse schifo? per dovere di cronaca segnalo che i tre recensori qui sopra, prima che il disco uscisse, ci speravano sul serio.

      Mi piace

      • Fanta permalink
        20 settembre 2015 14:52

        Replico solo per chiarire cosa intendo per prevedibile. Ci sta che il disco non piaccia o che faccia proprio schifo a qualcuno. Quel che era già nell’aria concerne una distorsione ideologica. Mi spiego: o cagavano un capolavoro spaventoso o si sarebbe confermata la teoria implicita che senza Hanneman dovevano appendere gli strumenti al chiodo. Chiamasi effetto alone: se uno ti sembra sveglio è più probabile che lo reputi anche bello, pure se è più brutto di un tumore al pancreas. Se ce l’hai con gli Slayer perché cattivi e insensibili alla morte del vecchio compagno d’avventura, ecco che il disco nuovo è merda fumante quasi per partito preso. Tutti su questa lunghezza d’onda. Scomodo Wilfred Bion che a proposito del considerare lucidamente chi hai di fronte soleva dire: dovremmo riuscire ad “essere senza memoria e senza desiderio”. Paradossale? Forse…o forse è solo un invito a non confrontare semplicisticamente le attese con gli esiti. In redazione pensate tutti (sottolineo tutti) che l’album faccia schifo? È questo che lascia perplessi…tutto qua. Allora torno al discorso iniziale e vi sollecito un dubbio: se in una data contingenza tutti la pensano allo stesso modo forse c’è qualcosa che non va. Rinnovo i saluti e la stima. Bacioni

        Liked by 1 persona

      • 20 settembre 2015 15:16

        penso che abbia fatto schifo a tutti, ma si ritorna al punto di partenza: c’è qualcosa che non va in noi o è proprio il disco che fa schifo?

        Mi piace

      • Charles permalink
        21 settembre 2015 09:09

        anche a me ha fatto schifo ma ho ritenuto superfluo parlarne visto che l’opinione era stata così ben espressa. invece l’ultimo dei maiden non ha fatto schifo a tutti.

        Mi piace

      • 21 settembre 2015 16:40

        Parlando a titolo personale, io ho proprio cercato di evitare il genere di distorsione ideologica di cui parli. Non mi ero preparato a stroncare ‘Repentless’ per partito preso, anzi, l’ho stroncato così pesantemente proprio perché mi aspettavo almeno un disco di mestiere, con poche idee ma un minimo di cazzimma. Non mi è piaciuto per nulla perché l’ho trovato spompato e noioso: avevo aspettative basse e sono riusciti a deludermi lo stesso.

        Mi piace

  9. Seguace di Vindsval permalink
    20 settembre 2015 09:34

    Mi dispiace ma devo dissentire, questo è davvero un buon album di musica da ambienti o da ascensore, con un picco strepitoso rappresentato dall’intro (e se ve lo dico io…)

    Mi piace

  10. Lorenzo (l´altro) permalink
    20 settembre 2015 16:26

    Ma insomma, non vi sta mai bene niente. La veritá sta nel mezzo, ricordate sempre.

    Mi piace

  11. 21 settembre 2015 00:40

    io dopo il panico generato dai primi ascolti devo ammettere che lo sto rivalutando. certo non sarà mai il mio disco preferito degli slayer, ma forse non è cosi una catastrofe come pensavo all’inizio.
    continuo a sentirci poco demonio però, a sto punto se vogliono buttarla in caciara che si facciano scrivere qualche bel riff cafone da holt

    Mi piace

  12. gino permalink
    27 settembre 2015 16:45

    La cagata di scrofa con la sifilide e’ in effetti un must-see per tutti i feticisti del piede, concordo in toto.

    Mi piace

  13. gino permalink
    27 settembre 2015 16:46

    Hanno solo menato il torrone come i Maiden e il loro soul to soul vattelapesca, tristezza cosmica.
    Sono millemiliardiari sti faccia da culo

    Mi piace

Trackbacks

  1. LAMB OF GOD – VII: Sturm und Drang (Nuclear Blast) | Metal Skunk
  2. Avere vent’anni: AT THE GATES – Slaughter Of The Soul | Metal Skunk
  3. Bonded by Blog: le playlist del 2015 dei tizi di Metal Skunk | Metal Skunk
  4. Year of the Goat: i dischi del 2015 secondo Metal Skunk | Metal Skunk
  5. R.I.P. Lemmy Kilmister (1945 – 2015) | Metal Skunk
  6. Discorsi inattuali: la figura del musicista-manager | Metal Skunk
  7. Fare macello: BAPHOMET’S BLOOD – In Satan We Trust | Metal Skunk
  8. HELLFEST 2016 – 17/19 giugno, Clisson, Francia | Metal Skunk
  9. Clisson Rock City: le pagelle dell’Hellfest 2016 | Metal Skunk
  10. XXII AGGLUTINATION @Chiaromonte (PZ), 21.08.2016 | Metal Skunk
  11. Il rincitrullimento dei SABATON è una pessima notizia per tutti | Metal Skunk
  12. Avere vent’anni: TOOL – Ænima | Metal Skunk
  13. Le mamme non hanno più paura di Marilyn Manson ed è anche colpa nostra | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: