Skip to content

LAMB OF GOD – VII: Sturm und Drang (Nuclear Blast)

5 ottobre 2015

lambofgodsturmunddrangQuanto cazzo è brutto rimanere bloccati in casa per una cervicalgia mostruosa che ti fa venire voglia di spaccare il mondo e cacarci dentro. E’ un vero braccio nel culo: non puoi fare assolutamente niente, devi stare attento ad ogni minimo movimento e ti girano i coglioni ad elica. L’unico diversivo è trovare la posizione giusta ed eventualmente cazzeggiare al pc, cercando di passare il tempo in maniera più o meno rilassante. Questo in teoria, perché poi, all’atto pratico, ti attacchi a qualunque cosa pur di non farti soffocare dai tuoi stessi coglioni gonfi come due palle da basket, e girovagando incessantemente per i meandri di quel pozzo nero strabordante merda e carcasse che è la rete finisci inevitabilmente in “posti” che in condizioni normali avresti evitato come un su e giù senza guanto con una puttana nigeriana in una triste serata novembrina post-lavoro. Ti riduci persino ad ascoltare VII: Sturm und Drang, l’ultimo album dei Lamb of God, perché ti capita davanti per puro caso. E’ proprio allora che ti dici ok, dai, sentiamo com’è, tanto sono inchiodato qui e vaffanculo.

Nati come Burn the Priest nel ’94, i nostri famosissimi amici di Richmond, dopo un album omonimo, cambiarono nome nel ’99 ed esordirono come Lamb of God nel 2000. La cosa che mi colpì, ai tempi dei loro inizi, fu che ebbero molto successo anche in Europa, Italia compresa. L’enorme apprezzamento ricevuto negli Usa mi è sempre sembrato abbastanza normale, visto che da quelle parti hanno un folto pubblico di ragazzini che vanno dietro alla musica mainstream più o meno dura spinta dagli sponsor e dai canali tematici (minorenni con i dilatatori ed il cappellino da baseball storto in testa stile pubblico del Warped Tour e roba del genere, per capirci), ma non mi sarei mai aspettato che avrebbero riscosso successo anche da noi, dato che quel tipo di target qui è molto più ristretto e anche perché, oggettivamente, il pubblico metal europeo è tendenzialmente un po’ meno “generalista” e modaiolo rispetto a quello americano.

I Lamb of God sono sempre stati una bruttissima copia dei Pantera, con qualche accenno (molto) vagamente thrash e death qua e là ogni tanto, giusto per fare i duri in piazzetta il sabato pomeriggio con i ragazzini più piccoli. Questa formula viene ripetuta all’infinito in ogni loro disco che ho sentito e, come se questo già non bastasse per seppellirli sotto un cumulo di escrementi bovini, viene propinata alle masse in una maniera talmente piatta e scontata che ti fa chiedere ogni cazzo di volta come sia possibile che esistano persone al mondo che addirittura arrivino a spendere dei soldi per questa patetica robaccia da discount, venduta, per giunta, come se fosse di chissà quale grande marca. Una decina di anni fa uscì il loro terzo disco, quello con una sorta di fenice in copertina, e fu esaltato praticamente da chiunque. Io li conoscevo già e ne avevo una pessima opinione, ma per curiosità andai ad ascoltarlo e -indovinate?- era esattamente come gli altri, forse leggermente più vario, ma fondamentalmente la stessa robaccia trita e ritrita di cui sopra. Da quel disco non so cosa abbiano fatto, avendoli, dopo di allora, ovviamente lanciati nel dimenticatoio fino ad oggi.

Con la vecchiaia Randy Blythe somiglia sempre più ad Andrea Pirlo

VII: Sturm und Drang si presenta subito benissimo: titolo che più del cazzo non si può, copertina da testata sul naso e la Nuclear Blast come etichetta. Insomma: un trittico che ti si para davanti come i fari di un tir che ti viene addosso contromano in superstrada alle quattro di notte. Musicalmente invece c’è qualche novità rispetto al punto in cui io li avevo lasciati. Oltre alle caratteristiche citate poco sopra, sempre massicciamente presenti come lo stafilococco in un bordello congolese, i nostri amici decidono di mandarmi in overdose da putridume aggiungendo al pacchetto anche parti più melodiche stile metalcore recente. Beh, dai, mi sembra giusto: non bastava fare semplicemente schifo al cazzo, bisognava esagerare. Over the top, insomma. L’album -che ve lo dico a fare?- è qualcosa di apocalittico: un orrendo pastone del peggio del peggio del metal americano dell’ultima ventina d’anni. E’ un album imbarazzante, questo, in senso letterale: mi sono vergognato per loro per tutta la sua durata. Nella estenuante ora scarsa in cui nasce e (per fortuna) muore questo assurdo abominio, questi tristi personaggi si divertono ad offendere l’intelligenza del plancton proponendo, oggi, i Pantera del periodo Far Beyond Driven/The Great Southern Trendkill (usciti rispettivamente ventuno e diciannove anni fa, ricordiamolo) dopo un coma farmacologico e qualche eco slayeriano sparso, condendo il tutto con svariate dosi di riff/assoli rubacchiati ai gruppi melodici di Gotheborg, spesso pure in salsa “metalcoriana”, e con la voce di Randy Blythe: praticamente il lamento continuo di un cane paralitico inculato da un elefante, il tutto mentre un leopardo gli azzanna la gola. Il tremendo e svociatissimo – ai limiti dell’afonia – Phil Anselmo recente (quello, per intenderci, che si esibisce all’Hellfest a mezzanotte, ubriaco a merda e drogato come un maiale e con una panza che manco l’enorme mappamondo luminoso che avevamo in classe alle elementari) in confronto a ‘sto fenomeno sembra Corpsegrinder. Non ho parlato della produzione di plastica, perché essendo questo un disco Nuclear Blast mi sembrava inutile specificarlo.

agnellinoIl problema di fondo dei Lamb of God non è il fatto che siano derivativi, anche perché non sono un gruppo semplicemente derivativo. Se si trattasse solo di questo, sarebbe un discorso comunque comune al 99% dei gruppi metal venuti fuori negli ultimi quindici anni e non sarebbe particolarmente grave (o almeno non troppo, mettiamola così). E poi, diciamocelo: a tutti noi, per forza di cose, piacciono diversi gruppi derivativi.

Il gravissimo problema dei Lamb of God è che sono proprio delle bruttissime copie di roba che, come se non bastasse, aveva già scatenato migliaia e migliaia di cloni, alcuni dei quali anche con una parvenza di dignità, già oltre dieci anni fa. In questo disco non c’è assolutamente NIENTE DI NIENTE. Il vuoto cosmico è l’essenza di VII: Sturm und Drang: un album riciclatissimo, monocorde, noioso, insopportabile, stupido. La quintessenza dello stracciamento di coglioni, del tempo buttato, dell’inutilità fatta musica. Non riesco ad immaginare una persona che possa apprezzare questo disco, se non, al massimo, un quindicenne americano che non abbia mai ascoltato nemmeno Reign in Blood.

Ho sentito definire questo gruppo nei modi più disparati: hardcore, thrash, thrash/death, post-qualcosa e chi più ne ha più ne metta, ma prima della definizione c’era spesso “la nuova frontiera del” davanti. Io ho superato i quindici anni da un pezzo, sono cresciuto con Sodom, Madball, Slayer, Agnostic Front e Massacre e per me ‘sta robaccia è solo immondizia che ha la stessa ragione di esistere dei risvoltini, dei capelli ad ananas o della fila alla posta. E che non se ne parli mai più. Addio per sempre, Lamb of God. La prossima volta che mi ritroverò bloccato in casa mi farò una pera tra le dita dei piedi.

11 commenti leave one →
  1. Fomentor permalink
    5 ottobre 2015 11:05

    Ohhh ci voleva il messicano per dire pubblicamente che i Lamb Of God fanno cacare a spruzzo. E io sottoscrivo pienamente. Bravi quanto ti pare eh, ma facessero altro, tipo i turnisti dei Megadeth

    Mi piace

  2. Arkady permalink
    5 ottobre 2015 11:24

    O mio dio ma è veramente Andrea Pirlo

    Mi piace

  3. Luca permalink
    5 ottobre 2015 12:01

    bravo messicano, su altri siti sta cacata è stata perfino disco del mese. Quello che non capisco è la logica secondo cui in USA gente non proprio giovanissima (Blythe sembra mio zio coi capelli lunghi) scrive musica per quindicenni scemi…e pensare che per sentire questa “overlord” ho pure messo in pausa il cd degli Jesu. che sacrilegio

    Mi piace

  4. 5 ottobre 2015 12:05

    Ti dico, avrò ascoltato forse quattro o cinque canzoni nel corso degli anni e più di qualche sbadiglio non mi hanno mai causato.. Purtroppo è proprio quel tipo di Metal che mi rompe le palle subito. Definitely not my cup of tea.

    Ps: hanno suonato un paio di anni fa a Bruxelles e hanno fatto pienone.

    Mi piace

  5. Cure_Eclipse permalink
    5 ottobre 2015 13:38

    A me piacciono i LOG, forse proprio perché sono cresciuto coi Pantera e li ritengo uno dei pochi gruppi ad aver perpetuato la lezione groove di Dimebag e soci (anche se con meno varietà e, ci mancherebbe, meno qualità). Certi riff e parti di batteria mi caricano parecchio – non nego che restano un gruppo tutto sommato “facile” da ascoltare (ecco il perché dei fan 15enni), ma molto efficace.

    Quest’ultimo disco m’è parso piacevole, abbastanza vario e più digeribile del precedente che andava troppo per le lunghe. Poi sono d’accordo sul fatto che è sempre la solita roba da parte loro, ma esistono tanti altri gruppi che non hanno spostato di una virgola il proprio sound dagli esordi…e logicamente se ti/vi hanno sempre fatto schifo questo album non cambierà nulla.

    Quindi non discuto la recensione, anche se non la condivido, ma dissento su una cosa in particolare: l’accostamento delle parti melodiche al metalcore recente, con cui c’entrano poco niente. “Overlord” mi sembra più vicina a certe sonorità southern (alcuni, probabilmente sotto effetto di non so quale sostanza, hanno tirato in ballo gli Alice In Chains…ma per favore) mentre su “Embers” c’è sua maestà Chino, che nel mio mondo perfetto potrebbe cantare la lista della spesa e piacere anche ai sordi.

    Mi piace

  6. analviolence permalink
    5 ottobre 2015 17:48

    Piuttosto che ascoltare sta roba spruzzo la mia diarrea per aria e cerco di berla al volo.

    Liked by 2 people

  7. 5 ottobre 2015 21:32

    però bella la maglietta del tizio nel video.

    Mi piace

Trackbacks

  1. E CHI SE NE FREGA #9 | Metal Skunk
  2. Avere vent’anni: AT THE GATES – Slaughter Of The Soul | Metal Skunk
  3. Bonded by Blog: le playlist del 2015 dei tizi di Metal Skunk | Metal Skunk
  4. MEGADETH: in difesa di ‘Dystopia’ | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: