Skip to content

Graspop Metal Meeting 2015

10 luglio 2015

IMG_20150621_221745Non appena ritorno da un festival per svariati giorni provo una pulsione irrefrenabile a volerne parlarne a chiunque mi capiti a tiro. Purtroppo sono davvero pochissime le persone che ti vogliano davvero stare a sentire, di solito la gente superato il generico interesse iniziale si stanca abbastanza presto di questi lunghi racconti corredati di minuziosi particolari. Ancora peggio va quando provo a raccontare di essere stato partecipe di esperienze paranormali, di avere assistito a coincidenze significative cariche di significati superiori. Le poche le volte che l’ho fatto mi sono reso conto che a tirare fuori la natura mistica delle cose in relazione a roba tipo Alice Cooper la gente rischia di prenderti per matto vero. Insomma, sono grato al blog perché il live report è un’ottima scusa per dare sfogo alla diarrea verbale che mi assale in ogni post-festival.

Tanto per chiarire subito: il Graspop è una figata. Dopo due anni di Hellfest per una serie di ragioni ho dovuto rinunciare alla gita a Clisson. Però, dato che non è mai veramente estate senza un bel festivalone (e senza un concerto dei Red Fang), dopo aver studiato tutte le alternative possibili, la soluzione migliore è stata fare due giorni al festival belga che, tra le altre cose, quest’anno festeggiava il ventesimo anno di attività. Per prima cosa un po’ di info utili sul festival così potrete prenderlo in considerazione per gli anni a seguire. Il Graspop Metal Meeting dura tre giorni come la maggior parte dei festival metallozzi europei. L’aeroporto più vicino è in Olanda (Eindhoven). Ci sono cinque palchi in totale e il Main Stage è doppio (come all’Hellfest). L’offerta è parecchio ricca e copre un po’ tutti i generi ma non è organizzata con palchi tematici a sottogeneri (manca una cosa tipo il Valley). Si sente bene ma sui palchi principali il volume può essere un po’ bassino se stai in mezzo, quindi bisogna scegliere bene dove piazzarsi. L’allestimento è perfetto, l’area è grande e progettata in maniera molto funzionale. I palchi satellite poi sono fantastici, molto più capienti e comodi di quelli visti in Francia o a Donington. Mai più di quaranta secondi per avere una birra e cibo merdoso di ogni razza possibile. Ci sono il mercato (magliette, toppe, dischi, qualsiasi cacata), la ruota panoramica ma anche l’autoscontro e la pesca delle paperelle coi premi (!). Una roba spettacolare insomma, nessuna delle merdate che rifilano a noi italioti.

IMG_20150621_111203

la bancarella preferita da Rob Halford

Giorno 2
Io e l’immarcescibile Conte Max siamo arrivati direttamente il sabato. Il giorno prima suonavano i Kiss, un sacco di roba violentona tipo Cannibal Corpse, Marduk e vari recuperi dai ‘90 tipo Body Count e Life Of Agony quindi non ho dubbi sia stato bellissimo. Buona parte del sabato va via tra voli, spostamenti vari e un inquieto girovagare in cerca dell’hotel. A parte queste piccole difficoltà di assestamento è tutto ok, l’unico problema vero è che dalla mattina presto ho appiccicate in testa alcune canzoni di Antonello Venditti. Come molte delle persone che mi conoscono già sanno, provo una morbosa fascinazione per Nello e nei giorni appena prima del concerto mi sono sottoposto all’ascolto ripetuto del suo ultimo album Tortuga, lavoro intitolato come un bar davanti alla scuola che sia io che lui abbiamo frequentato (a molti anni di distanza, spero sia ovvio che non ho sessant’anni). L’apice di questo delirio lo raggiungo al cesso dell’albergo in cui mi ritrovo a canticchiare Ti amo inutilmente terribile pezzo electropop che nei sogni dell’autore presumo voglia divenire l’hit dell’estate o qualche altra follia del genere. Spotify maledetto, rendi tutto troppo facile, una volta non sarebbe stato così semplice avere accesso a certe cose. Davanti allo specchio rivolgo una sorta di preghiera affinché Rob Halford più tardi riesca a togliermi questa cosa dalla testa. Posso anticipare già da ora che il vecchio frocione pelato riuscirà nell’impresa, guadagnando ulteriori punti di stima eterna da parte mia. Si perde ulteriore tempo (e conseguentemente anche gli Exodus) alla ricerca del luogo dove si svolge il festival. Dessel è una città fantasma, sembra di stare su un set di David Lynch, alle 4 di pomeriggio di sabato non vedi per strada una persona che sia una nonostante ci sia un raduno con centomila birromani dieci metri fuori il paese. Scovato il luogo e parcheggiato il mezzo, avvicinandosi all’entrata si sentono da lontano i Godsmack e non posso far altro che chiedermi a chi possa ancora interessare una band del genere nel 2015. Espletate le formalità di rito, in fase di sopralluogo si butta un occhio patriottico ai Lacuna Coil; lei è figa ma oltre a quello non capisco cosa ci trovi la gente. Nell’indecisione si va a vedere i Five Finger Death Punch di cui ho sentito parlare qui sul blog ma di cui non ho mai ascoltato una sola nota. Non sono manco malaccio, musicalmente anche meno cafoni di quello che mi aspettassi. Pensavo fossero una band da semi anonimato e invece il pubblico apprezza e c’è veramente tantissima gente che ha le loro magliette, cappellini, eccetera, in occasioni come queste mi rendo conto di essere abbastanza fuori dal mondo.

Finito lo show, a livello di pura curiosità (detta anche fregna) avrei voluto vedere anche la arcinota Alissa ‘assumo solo proteine liquide’ White-Gluz con gli Arch Enemy ma lascio stare che preferisco prendere posti decenti per lo spettacolo di Alice Cooper. Il Sig. Furnier è annoverabile tra i primi amori demoniaci di un epoca in cui ero poco più che un pupo. Lui è un ottuagenario che regge ancora il palco con classe immensa, non si sa esattamente come abbia fatto a mantenersi così; presumo sia in parte dovuto al caratteristico make-up che quando era giovane lo rendeva decrepito e quindi oggi che è davvero cadente non fa granché differenza. I primi quattro pezzi sono altrettante coltellate al cuore, Department Of Youth che non si sa se sia più inappropriata o ironica, a seguire subito No More Mr. Nice Guy, Under My Wheels e poi Welcome To My Nightmare, questo giusto per fare capire lo standard dello spettacolo. Forse nel proseguo c’è qualche concessione di troppo al suo repertorio anni novanta: se Poison nella sua leggerezza è comunque un pezzo caruccio, Hey Stoopid è veramente una cacata. Ma insomma non ha molto senso lamentarsi perché nel complesso è un grande show, strapieno di fregnacce e scenette varie che come da copione culminano nella decapitazione del maestro nella totale euforia collettiva. I’m Eighteen mi emoziona e la canto con trasporto, pezzo totale, inno alla confusione e al non appartenere, significativa oggi come ieri. Cioè veramente la gente non sa cosa si perde. Venditti è già un po’ più lontano.

judas priest

Il preserata è piuttosto affollato con sovrapposizioni varie quali Everytime I Die, Korn, Alcest e At The Gates. I Korn fanno tutto il primo disco per qualche insulso anniversario, mi sento giusto Blind in apertura che è sempre un gran pezzo e poi mi concedo una buona porzione dello show degli At the Gates che servono un bell’antipasto di schiaffoni prima che sul palco principale salgano i Judas Priest. Volendo sintetizzare al massimo, la scelta di essere a questo festival oggi è stata dettata principalmente dalla necessità di vedere questa band. Bisogna essere realisti, quando questi gruppi ultra stagionati annunciano un altro tour e tu non li hai mai visti, l’unica cosa sensata da fare è prendere un aereo e andare ovunque suonino, perché il rischio reale è che non ci possa essere un’occasione ulteriore. Questa gente è già ben oltre le più ottimistiche previsioni di longevità di carriera, è una questione di ora o mai più. “La coperta comincia ad essere corta” annuisce saggiamente il Conte Max nei minuti che precedono l’attesa. Non è tollerabile una lunga militanza metallara senza aver visto i Priest e quest’onta verrà lavata stasera. Per come la vedo io i Judas Priest sono il vero metallo nella sua espressione massima, forse ancor più dei Maiden. Quei cazzo di riff sparati a tremila, il sound urbano, sono una cosa che mi fa perdere completamente il controllo. Luci accese, parte War Pigs come intro e già mi gira la testa. A parte questo però l’inizio non è dei migliori: Halford è caracollante, non sembra stare benissimo (eufemismo) e il concerto fatica a decollare. Per quel che mi riguarda la svolta avviene su Turbo Lover, inno a cui generazioni di giovini con il chiodo hanno ispirato le proprie prestazioni sessuali. Cominciano a sparare classici e il climax viene raggiunto nella tripletta Jawbraker, Breaking The Law, Hell Bent For Leather in cui Halford arriva in sella ad una coattissima mega motocicletta. Il momento in cui la folla all’unisono si unisce in un improbabile falsetto urlando You’dont know what it’s likeee è poesia pura. Posso morire felice, o quasi. Magari riesco a vivere un’altra ventina di minuti per sentire You Got Another Thing Coming e Painkiller (qui il pelato stava per lasciarci le cuoia). Appena prima della mezzanotte parte Living After Midnight e io boh non lo so, non lo puoi spiegare, queste sono cose che devi capire da solo. Saluti e abbracci, i Judas Priest sono nel mio curriculum a Antonello Venditti è definitivamente cancellato. Catartico. Birrino e qualche pezzo degli spippinotti ma giusto perché non ci sono alternative (dalle 10 di sera in avanti al Graspop ci sono solo i due mainstage) e poi via per la lunga camminata per andare a riprender la macchina. Nonostante sia parecchio tardi nel paese in cui alloggiamo è ancora piena movida, cerco di convincere il conte ad entrare in un bar fighetto pieno di strappone locali ma a lui non regge la pompa. Abbasso la fregna, viva il metallo. Va bene così.

Giorno 3
GMMIl giorno seguente inizia sotto una pioggia battente e buona parte della mattinata viene passata a fare air guitar con degli ombrelli e il nuovo degli High On Fire in sottofondo (video disponibile su richiesta). Non appena la situazione meteo migliora si fa un salto al mercatino del paese, tra il ciarpame vario c’è anche un banchetto di dischi che ha un grosso numero di 45 giri, ad occhio è quasi tutta monnezza pop fiamminga anni ‘70 ma sono determinato a trovare qualcosa. La ricerca tirerà fuori roba di calibro quale Righeira e Sabrina Salerno. Mio fratello ad un certo punto fa “ecco quello che cercavi” e mi passa fra le mani il singolo in vinile di Still Loving You, un chiaro segno del destino dato che i crucchi di Hannover si esibiranno in serata. Per gli Scorpions per me vale lo stesso discorso fatto per Alice Cooper, tra i primissimi inconsapevoli approcci al rock and roll; Still Loving You in particolare è un pezzo che da ragazzino mi faceva impazzire, ancora oggi la considero la power-ballad per antonomasia, sono abbastanza sicuro che sia il brano con cui ho capito come si fa a scegliere un brano dal vinile districandomi tra le varie tracce di World Wide Live. Acquisto obbligato, prendo anche altre cose parecchio carine, il vecchio proprietario è talmente rincoglionito che per resto mi da più soldi di quanti gliene avessi dati io. Ho un piccolo sussulto di onestà presto represso e decido che è ora di andare. Non ricordo bene in che ordine vediamo cose tra le più disparate: dei tipi hardcore nuova scuola che mi pare si chiamassero Counterparts (non male), black metal degli Ensiferium (boh) fino alla merda vera di una band che si chiama Equilibrium e fa tipo tarantelle in scream. A questi ultimi resisto un pezzo e mezzo e non un secondo di più, tra i peggiori di sempre. In mancanza di alternative ci si butta sul classico con gli Airbourne che sono casinari quindi ok ma non mi prendono granché, infatti ad un certo punto mi sbrago sul prato a semi dormire. Al risveglio un buon gelatino e Lamb Of God in attesa dei Motorhead. Fare oggi un discorso sensato su Lemmy & Co. non è possibile. I Motorhead sono il punto G dei metallari. Il pubblico, fino a quel punto partecipe ma controllato, va completamente fuori di testa, è tutto un enorme unico pogo indistinto, il crowdsurfing è selvaggio, sembra di stare sotto una cascata di esseri umani, mi ritrovo pure un tizio a cavacecio, un altro po’ mi spezza l’osso del collo ‘sto cojone, lo butto via dandogli una capocciata sulle palle. I pezzi li conosciamo tutti, cito solo Lost Woman Blues perché una di quelle recenti ma davvero scintillante. Ragazzi ve lo dico, Lemmy non sta bene, è dimagrito troppo, un teschio con i porri, quando parla è impastatissimo e non si capisce nulla di quello che dice; il tempo sembra arrivato a fargli pagare il conto pure a lui. Quando grugnisce sui pezzi però è sempre ok e stargli davanti è come osservare la divinità. I miei occhi difficilmente vedranno mai nulla di meglio di questo vecchio zozzone. Superiori, punto. Andare sul palco dopo questi deve essere davvero una storiaccia. L’organizzazione infatti punta al diversivo e mette subito dopo la band di una tizia con le tettone. Devono essere delle glorie locali dato che parlano in una lingua a me del tutto ignota, vado volentieri a farmi un giro. Butto un occhio anche ai Children of Bodom ma anche sticazzi.

scorpions

Adesso è l’ora dei Scorpions dalla cermania, altra band che non ho mai visto e che tra le altre cose doveva anche essere il mio primo concerto (1990 o giù di lì) ma poi la data fu annullata. Chiariamo subito una cosa, non mi rompete il cazzo sugli Scorpions, non voglio sentire che non vi piacciono, che so’ froci o roba così, non sento ragioni. Gruppo di una classe immensa, Rudolf Schenker chitarrista dal gusto unico, Klaus Meine ugola inarrivabile. Fatta eccezione per le sboronate del batterista, un americanozzo che fa sfoggio del tipico buongusto della gente della sua terra, fanno un set in tutto e per tutto fantastico e suonato in maniera perfetta. Schenker sfodera una serie di Flying V custom assolutamente improbabili: quella acustica, la versione Ferrari ed addirittura un modello metallizzato con annessa marmitta fumante che viene usata durante Big City Nights. Chiusura clamorosa con Still Loving You (alè) e Rock You Like A Hurricane. Vittoria a mani basse e poco altro da dire. Una decina di minuti scarsi di silenzio e poi andrà in onda l’ultimo atto. Chiusura del festival affidata ai Faith No More e mi riesce difficile a pensare a nulla di meglio nella vita, dato che sono solo uno dei miei gruppi più preferiti di tutti i tempi. Tra l’altro, checché ne dica Charles, Sol Invictus è un album coi controcazzi. Il concerto è fantastico e si sente benissimo, il volume è bello sparato, setlist senza punti morti che va a coprire tutta la loro storia, quindi oltre a varie del nuovo ci sono svariati pezzi da Angel Dust che qui brillano particolarmente, il singolone Epic (immenso) e alcuni tra i brani da me più amati da King For A Day (album nella mia top ten personale di sempre). Mike Patton canta in maniera divina, una goduta lunga un’ora e mezza. Il pezzo che avrei voluto ascoltare più di ogni altro è Just A Man, la mettono come chiusura del bis. Momento trascendentale. Il giorno dopo sono andato a controllare su setlist.fm, in questo tour non l’hanno mai fatta tranne quella sera e in generale erano circa tre anni che non veniva suonata dal vivo. Lo reputo un regalo speciale di non so cosa e non penso proprio di averlo meritato, in ogni caso ne sono davvero grato. Si spengono le luci, la fine perfetta di un weekend eccellente. L’anno prossimo scegliere dove andare sarà ancora più difficile.

 

11 commenti leave one →
  1. Pesso permalink
    10 luglio 2015 12:17

    Ci sono stato anche io al Graspop, festival paura! Poco conosciuto dalle nostre parti, ma merita davvero.
    Due cose però te le sei perse, cioè Danko Jones sabato pomeriggio, che è uno che spacca culi a destra e sinistra e gli Slipknot, che possono non piacere (a me su disco non fanno impazzire), ma dal vivo sono delle cazzo di macchine da guerra. Ci sono poche band con la loro padronanza del palco.

    Mi piace

    • chippy_bones permalink
      10 luglio 2015 12:42

      danko jones l’avrei visto volentieri in una situazione del genere, purtroppo tra i vari giretti sono arrivato tardi.
      gli slipknot ne ho visto un pezzetto dopo i priest, fanno un bel casino lo ammetto (li avevo beccati anche ad altri festiva in passato) ma ho perso l’interesse in quello che fanno dopo il primo disco

      Mi piace

      • Pesso permalink
        10 luglio 2015 13:10

        Capisco cosa vuoi dire, in realtà mi riferivo esclusivamente alle loro performance dal vivo. On stage io li trovo una delle migliori in circolazione. Poi de gustibus

        Mi piace

  2. 10 luglio 2015 13:08

    che gli “spippinotti” facciano casino ok… io li ho visti a imola nel 2011 e mi regalarono un bel mal di testa … le macchine da guerra pero’ salirono sul palco dopo di loro, non c’e’ storia, con i Maiden ti passa qualsiasi cosa !

    Mi piace

    • Pesso permalink
      10 luglio 2015 17:03

      Il tuo discorso non sta in piedi, io adoro gli Iron Maiden, li ho visti dal vivo 8 volte, so suonare decine di loro canzoni e il solo pensiero che anche nella peggior giornata della mia vita posso ascoltare The Number of the Beast o Piece of Mind, mi risolleva il morale. Sono unici, non c’è nessun altro come loro. Però, per quanto mi riguarda, un gradino sotto come abilità live c’è un ristretto gruppo di band che spaccano culi. Tra questi per me ci sono gli Helloween, gli AC/DC, Alice Cooper e appunto gli Slipknot. Il fatti che non siano i migliori, non vuol dire che non siano bravi. Poi le canzoni possono non piacere, può non piacere il loro stile e tutto, ma l’abilità di calcare il palco va riconosciuta. Accusarli di non essere come gli Iron Maiden non ha senso, altrimenti tutte le band del mondo sarebbero una merda in confronto e non andremmo a nessun concerto.

      Mi piace

      • 10 luglio 2015 19:00

        non sto accusando nessuno, dicevo solo che gli spippinotti mi hanno fatto venire mal di testa, e se vogliamo dirla tutta sono andati un sacco di volte fuori tempo… Mi arrangio a suonare anche io e ho visto 10 volte i Maiden, oltre a tante alte band storiche come gli Slayer… Gli Spippinotti hanno suonato subito dopo i Motorhead e appena prima dei Maiden e almeno per quello che posso capirne io di musica suonata non sono paragonabili a nessuno dei gruppi citati ne da me ne da te… poi appunto c’e’ da valutare il gusto, o magari potevano essere in una giornata no… il mio discorso sta in piedi, dipende da che lato lo guardi… che poi tu possa non essere daccordo e’ un altro paio di maniche ;)

        Mi piace

  3. sergente kabukiman permalink
    10 luglio 2015 16:43

    grande report! sugli scorpions nulla da dire, il prossimo inverno metterò da parte la mia vena stoner-doom-thrash-grind bimbumbam e me li vado a vedere soldi permettendo. ma ora vogliamo il video con gli HOF

    Liked by 1 persona

    • chippy_bones permalink
      10 luglio 2015 17:03

      confesso che speravo di sfruttare il video in scambio di fotine osè delle lettrici, fin’ora non sta funzionando però

      Mi piace

  4. Supermariolino permalink
    11 luglio 2015 01:04

    Grandi Scorpions! Sentiti l’anno scorso a Pd e devo dire che Rudolf ha un’energia che sembra gli ultimi 30 anni non siano mai passati!!!

    Mi piace

Trackbacks

  1. ROCK FEST @Barcellona, 23-25 luglio 2015 (Day 3) | Metal Skunk
  2. Bonded by Blog: le playlist del 2015 dei tizi di Metal Skunk | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: