Skip to content

La Live Nation colpisce ancora

4 giugno 2015

sonisphere_2015_poster_milanoIl giorno della festa della Repubblica a Milano, Assago per la precisione, molti italiani hanno festeggiato la 69° ricorrenza levando al cielo i loro migliori improperi indirizzati al solito e unico destinatario: la Live Nation. L’ultimo concerto, in ordine di tempo, organizzato dalla Live e che tanto sta facendo discutere il web, come dicono quelli delle testate di serie, è la data italiana del festival internazionale Sonisphere, tenutosi l’anno scorso a Roma, quello precedente in Fiera Milano, a Rho, e quest’anno alla Assago Arena, a seguito del cambio in corsa di location avvenuto circa un mese prima della data programmata a causa dell’Expo. Le accuse, le proteste, gli improperi o, più correttamente, le roboanti bestemmie degli sfortunati astanti si stanno comprensibilmente muovendo in tutte le direzioni possibili, ma ciò che più lascia basiti è che la maggior parte di esse inerisca la sicurezza e la salute. Ora, per meri motivi personali, nessuna delegazione di Metal Skunk ha potuto presenziare all’evento Metallica/Faith No More (ma c’erano pure i Meshuggah e i Gojira che, pur non essendo tra le nostre band preferite, non sono proprio gli ultimi stronzi) e qui si sta tirando un sospiro di sollievo, perché difficilmente avremmo potuto tollerare un’altra Capannelle. Chi se la ricorda la data dei Metallica del luglio scorso? Noi ce la ricordiamo benissimo, Roberto ne scrisse anche un pezzo carico di tutte quelle sensazioni umane, vere e veraci, che molti ragazzi e ragazze avranno probabilmente sperimentato sulla propria pelle il 2 giugno ad Assago. Per quel pezzo, che al momento non troverete linkato perché abbiamo pensato fosse opportuno occultarlo per evitare ulteriori problemi (e adesso capirete di cosa cazzo sto parlando), per quel pezzo, dicevo, Roberto è stato querelato! Eh, già. Proprio così. Adesso io devo stare molto attento a quello che scrivo perché il modo di rispondere alle critiche di certuni siniori è la querela e, per quanto la cosa di Roberto finirà a tarallucci e vino come spesso accade in questo paese, non mi va di caricarmi anche di questa rottura di palle. Nondimeno, non ci si può impedire di fare cronaca, no?

La Live Nation Entertainment è un colosso americano che ha sede in California, fattura svariati miliardi di dollari, ha sedi sparse in tutto il mondo e conta oltre 6.000 impiegati (dati del 2011); per coglierne le reali dimensioni operative, sappiate che quella italiana da sola fattura 100 milioni di euro (fonte: Il Sole 24 Ore) e ingurgita il 25% degli incassi totali derivanti da concerti e manifestazioni su territorio nazionale, incluse quelle di piazza, feste di paese, sagre del ciauscolo o del puparulo imbuttunato (fonte: Assomusica). I restanti 300 milioni di euro sono spalmati su 120 altri players maggiori e minori. La Live Nation Italia, quindi, è un po’ l’asso piglia tutto della situazione. Bene, ne siamo lieti. Si aggiunga al quadro strettamente finanziario della faccenda quello sociale: il 2013 (sempre fonte Assomusica) ha visto un incremento di concerti, quindi escluse le sagre del puparulo e tutto il resto, del 26%, con un aumento di pubblico del 5% e si prevede per quest’anno un ulteriore incremento di quattro punti percentuali sul fatturato. Ciò significa che dei circa 16 milioni di euro previsti la Live italiana, se tutto va bene, ne intascherà circa quattro. Ottimo e abbondante.

Giuseppe-Craca-foto-Sonisphere-Milano-2015-12

Chi bazzica il mondo delle aziende o, più semplicemente, chi legge le pagine economiche dei giornali, sa che il fatturato non è un dato assoluto e non coincide con gli utili netti che potrebbero, dunque, anche essere negativi per via, ad esempio, di costi di gestione degli eventi maggiorati, di minori sponsorizzazioni, della burocrazia, degli ingaggi degli artisti che non vendono più cd e quindi trovano la propria fonte di reddito più cospicua proprio in sede live, o per via di un sacco di altri motivi. Ci sta, stacce. Poi c’è l’indotto: alberghi, ristoranti, treni, corriere, compagnie aeree, ambulanti, chioschetti, bibitari napoletani, cingalesi o di qualsiasi altra razza. Un cospicuo giro di denaro. Voi – noi – cari metallari, di tutto questo siamo solo una goccia nel mare magnum del business concertistico, perché la Live, sapevatelo, si occupa principalmente di artisti popolari. Facciamo, però, sentire il nostro peso specifico in occasioni tipo quella del Sonisphere quando ci presentiamo in oltre ventimila, quarantamila, cinquantamila, col nostro portafoglio gonfio di buoni sentimenti e i nostri animi carichi di audaci speranze.

Il pubblico metallaro è vario ed eterogeneo, si sa; c’è quello che bazzica solo locali di zona e club underground, quello che va a vedersi i Metallica a Milano e poi c’è quello che non disdegna né l’una né l’altra cosa e poi, magari, va pure all’Agglutination, al Fosch Fest e supera i confini nazionali per sbarcare in Francia (Hellfest) e Olanda (Roadburn) carico degli stessi buoni sentimenti e audaci speranze dei nostri colleghi milanesi o degli sventurati colleghi di Capannelle l’anno scorso. Andando in giro ti fai una certa esperienza di concerti e capisci cosa si dovrebbe fare SEMPRE e cosa non si dovrebbe fare MAI. Per esempio: non si dovrebbe MAI “sequestrare” il pubblico all’interno dell’area del concerto e si dovrebbe SEMPRE rendere accessibili acqua e servizi, soprattutto d’estate, e adeguare SEMPRE lo spazio a disposizione al numero di partecipanti attesi e dunque al numero di biglietti venduti, garantire SEMPRE vie di fuga adeguate alla fiumana di gente e così via, per i motivi che non devo starvi a spiegare e che solo delle scimmie che si lanciano i propri escrementi addosso non riuscirebbero a comprendere. Sono questioni che attengono la sicurezza di un evento e la salute di chi vi partecipa.

Ora chiediamoci, bambini miei, quali sono i doveri di un organizzatore di concerti? Il buon senso mi dice:

  • Uno: garantire la sicurezza dei partecipanti;
  • Due: preservare la salute dei partecipanti;
  • Tre: mettere i partecipanti in condizione di godere dell’evento, di divertirsi, ed esprimere i propri buoni sentimenti nei modi più congeniali ma consentiti dalla legge.

Giuseppe-Craca-foto-Sonisphere-Milano-2015-301-e1433332338915

Per una serie di motivi non concordo con chi lamenta la scarsa qualità dell’audio in un festival perché, è brutto a dirsi ma è così, questo accade quasi sempre e anche fuori dai confini di questo paese che tanto vi divertite ad insultare. Non concordo nemmeno con chi lamenta spintoni e, in generale, situazioni di disagio dovute al comportamento audace di altri partecipanti: sei a un concerto metal, amico/a, non alla sagra del carciofo alla giudia, ricordalo sempre e se non sei d’accordo cambia musica. Sul capitolo sicurezza e salute, però, faccio ancora fatica a farmene una ragione. Al netto di tutte le difficoltà possibili e immaginabili, degli eventi imponderabili, del cavolo di Expo, al netto anche di quei quattro idioti che vanno ai concerti solo per fare casino e dei criticoni di professione, degli ignoranti e di quelli che fischiano ai gruppi di spalla, al netto di tutto questo schifo, faccio fatica a comprendere come un organizzatore di concerti, leader di mercato, che fattura quello che fattura, che si presuppone abbia un’esperienza enorme maturata nel corso degli anni e quindi un’organizzazione aziendale adeguata allo scopo, a sentire le innumerevoli critiche sul web, non riesca ancora a definire gli spazi minimi utili alla vita di chi va a vedere un concerto, a calcolare le quantità di viveri da mettere a disposizione e renderle accessibili, a non riuscire a trovare alternative al “sequestro di persona” all’interno di quel medesimo spazio insufficiente e dalle risorse idrico-alimentari difficilmente reperibili (“sequestro di persona”, ovviamente, inteso in senso atecnico e indicante difficoltà riscontrate dal pubblico di entrare/uscire dal pit e dall’area del concerto). O forse tutto ciò non fa parte dei doveri di un organizzatore e abbiamo frainteso tutto? A chiusura di tutto ciò c’è poi l’aspetto ben poco marginale del divertimento; eh sì, perché nessun dottore ci ha prescritto di partecipare a questi eventi e se il disagio è maggiore del divertimento, allora niente più ciccia e punti percentuali per nessuno. (Charles)

24 commenti leave one →
  1. Lorenzo (l´altro) permalink
    4 giugno 2015 11:17

    Solidarietá al Bargone.

    Mi piace

  2. Cattivone permalink
    4 giugno 2015 11:20

    Non sapevo che Roberto si fosse beccato addirittura una querela per quell’articolo; per quanto “forte” mi pareva si limitasse ad elencare una serie di mancanze oggettive di cui, per mia fortuna, non sono stato testimone. Speriamo bene, certo che è una bella rogna…

    Mi piace

  3. Arkady permalink
    4 giugno 2015 12:32

    Che bello querelare la gente solo perchè dice la verità.
    Questa gente proprio non si rende conto che campano grazie a noi poveri pirla che si fanno km su km, spende un sacco di soldi al di là del biglietto del concerto solo per arrivarci al concerto (io sono di Milano e non faccio testo), per arrivare in un posto e venire umiliati a livello umano proprio. Questa gente gioca con la passione delle persone, e tutti sanno quanto il genere che ascoltiamo noi viva esclusivamente di passione, sanno che anche se metti gli Iron Maiden il 15 di agosto a 150€ in una cava di marmo la gente ci va a decine di migliaia, sarà che siamo coglioni noi ma lo sappiamo tutti come ci si sente appena vedi le date del tour dei tuoi gruppi preferitiù: sei felice:
    Tra poco nello stesso posto di merda suonerà David Guetta: vediamo se tratteranno i fans allo stesso modo. Non credo

    Mi piace

  4. 4 giugno 2015 13:01

    Il boicottaggio è un’opzione?

    Mi piace

  5. Lorenzo (l´altro) permalink
    4 giugno 2015 13:24

    No, ma davvero, una querela? E quindi? Ci devi mettere in mezzo gli avvocati?

    Mi piace

    • 4 giugno 2015 13:45

      eh già. invece per le minacce ricevute direttamente tramite messaggio privato su facebook ho allertato alcuni ‘amici’, con nome, cognome e indirizzo del minacciante casomai mi succedesse qualcosa.

      Liked by 1 persona

      • weareblind permalink
        4 giugno 2015 18:34

        Se serve una mano a qualsiasi titolo, chiedi. Io sono su MS perché ho letto quel report.

        Mi piace

  6. Andrea permalink
    4 giugno 2015 13:36

    non c’ero…. ma è un assoluto capolavoro questo piccolo romanzo!! \m/

    Mi piace

  7. sergente kabukiman permalink
    4 giugno 2015 14:58

    la querela della live è una cosa ridicola essendo proprio loro quelli da querelare per le tonnellate di leggi che hanno infranto in questi due concerti, per il concerto di ieri posso capire la rabbia e la delusione dei fan, ma come ho già scritto da qualche altra parte, la puzza di merda l’ho cominciata a sentire già da parecchio prima, ma non perché sono un fico, ma perché la cartina della location era in rete da settimane, e non bisognava essere indiana jones per rendersi conto della location minuscola e organizzata malissimo negli spazi. Inoltre è un parcheggio in mezzo all’autostrada, ma davvero la gente pensa di trovare le querce secolari per fare ombra? Poi la questione dei servizi (così come la location) è riassumibile con due parole: live nation. Questi so da troppi anni famosi per l’organizzazione da campo profughi, eppure la gente continua a riempire i mega festival cacosi che mette in piedi ogni anno. allora ditelo che siete masochisti dai..

    Mi piace

  8. Ranx permalink
    4 giugno 2015 15:38

    Io a ‘sto concerto ci sono andato. Concentrandomi sugli aspetti principalmente musicali devo dire d’essermi divertito parecchio, anche se i volumi delle bands di supporto facevano pena e durante il set dei ‘tallica da una fila di amplificatori usciva il suono in ritardo (in particolare cassa e rullante in delay danno davvero fastidio). Prescindendo però dal metallo in senso stretto di lamentele da fare ce ne sarebbero davvero tante, mi limito quindi all’essenziale:

    1) Eravamo stipati come bestie, e il rapporto persone/metro quadro era altissimo in tutta l’area del concerto, così da impedire alle persone di dissetarsi, nutrirsi ed espletare quelle particolari funzioni biologiche tanto care ai nostri ventri gonfi di birra (un amico che era lì con me ha avuto un malore)

    2) Chi ha progettato le uscite probabilmente di mestiere fa l’asessore all’ urbanistica. In un quadro di Escher. Io e i miei pards abbiamo dovuto fare appello a tutta la nostra esperienza per defluire rapidi e senza contusioni, trovando un’uscita sul lato sinistro e correndo come matti fino alla metropolitana, lasciandoci dietro la calca. Per la prossima apocalisse zombi, noi siamo pronti.

    3) Il rapporto spillatrici di birra/popolazione invece era bassissimo

    4) Pochissimi gli addetti alla sicurezza, vie di fuga inesistenti

    5) La cosa che mi ha fatto più incazzare: i coglioni che si son messi a insultare Mike Patton

    P.S. Solidarietà a Roberto, il suo live report era magnifico.

    Mi piace

    • Lorenzo (l´altro) permalink
      4 giugno 2015 16:12

      penso quello del delay fosse un problema del danese…

      Mi piace

  9. Indec permalink
    4 giugno 2015 15:54

    E’ dal 1989 che vado in giro per concerti in Italia e all’estero, e ciò che abbiamo subito ieri è una cosa che non ho mai vissuto. Diventa difficile anche descriverlo. Tutte le critiche che si leggono in giro sono assolutamente vere. Bambini (ce n’erano molti, mai visti tanti bimbi in giro in un concerto in Italia), disabili, persone comuni stipati tutti come bestie.
    Assurdo

    Mi piace

  10. 4 giugno 2015 16:54

    Ciao ragazzi! complimenti per l’articolo, condivido tutto e ….sfortunatamente c’ero.
    Purtroppo ad ogni grande evento a cui ho partecipato in Italia (potrei elencarne decine) la situazione è SEMPRE LA STESSA. Ricordo un sonisphere ad Imola anni fa (2012 forse) dove le condizioni erano altrettanto agghiaccianti (se non peggiori)….anche in quel caso erano seguite polemiche pesanti ed era poi partita una class action conclusasi in nulla.
    Sinceramente mi aspettavo un mezzo flop quest’anno proprio per le lamentele e proteste che ogni anno Live Nation attira su di se….e invece….
    so che per molti è duro abbandonare le proprie band del cuore, ma se questa dev’essere la situazione allora preferisco starmene a casa o andare all’estero.
    Io la prossima volta lo farò.
    baci.

    Mi piace

  11. Aldo Pazuzu permalink
    4 giugno 2015 17:53

    Già nel 2011 vi inviai una mail dove parlavo dell’organizzazione pietosa del Sonisphere a Imola.
    Vedo che le cose purtroppo non sono migliorate,anzi…Evidentemente gli “organizzatori” provano piacere a stipare gente in un parcheggio arroventato con un uscita di numero larga come il buco del culo di un gatto.

    Mi piace

  12. Bravi Merdallari permalink
    4 giugno 2015 18:44

    Quanto cazzo vi voglio bene. Premetto che io non sono attualmente in Italia e che per quanto ami i Faith No More non avrei speso un centesimo per i Metallica, però davvero certe “mafie legalizzate” dovrebbero perire. Se vivessimo in un mondo diverso. Tipo un mondo senza esseri umani, probabilmente.

    Mi piace

  13. Lorenzo permalink
    4 giugno 2015 19:41

    Dispiace molto per la querela, è un brutto episodio. Avevo apprezzato molto quell’articolo, dato che di problemi simili (in scala minore) li ho avuti diverse volte ai concerti

    Mi piace

  14. Snaghi permalink
    5 giugno 2015 00:22

    Solidarietà assoluta, volevo andare meno male che son stato a casa, che se sono troppo vicino a troppi esseri umani sclero male

    Mi piace

  15. max von g. permalink
    5 giugno 2015 09:55

    solidarietà #JeSuisTrainspotting

    Mi piace

  16. luisflyfree permalink
    5 giugno 2015 21:29

    Solidarietà per Bargone, sta storia è assurda quanto patetica.
    Ma sta storia delle minacce? Ce la racconti?

    Mi piace

Trackbacks

  1. Graspop Metal Meeting 2015 | Metal Skunk
  2. AC/DC @ Autodromo Enzo e Dino Ferrari, Imola – 09.07.2015 | Metal Skunk
  3. Radio Feccia #20 | Metal Skunk
  4. … And injustice for all | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: