Skip to content

MOTÖRHEAD – Aftershock (UDR)

17 dicembre 2013

AftershockUna delle poche cose che penso di sapere del cosiddetto giornalettismo rock è che quando si recensisce un nuovo album dei Motörhead è sempre necessario precisare che sia “perfettamente uguale a qualsiasi cosa abbiano inciso negli ultimi quindici anni”, ho letto questa frase (con minime variazioni) su ogni singola recensione che abbia riguardato una nuova uscita di Lemmy & Co. Con grande professionalità mi stavo dunque accingendo a scriverlo quando mi sono reso conto che, in effetti, degli ultimi album dei Motörhead non credo di averne sentito neanche uno per intero. Certo che se però sono tutti come Aftershock allora mi sa che ho un bel po’ di dischi da recuperare. Pezzi sparati a tremila, occasionali incursioni nel blues sofferente, spruzzate di machismo, mentre lo ascolto mi rendo conto che non ho bisogno di molto altro quando ho voglia di arroventarmi le orecchie. Forse è solo la suggestione della cronaca che ci racconta di un Sig. Kilmister un po’ acciaccato, ma Aftershock mi sembra pervaso da una sorta di fiera stanchezza, il grugnito di Lemmy è particolarmente dolorante, potrebbe quasi essere un correspettivo metallozzo di American IV: The Man Comes Around di Johnny Cash. Questi, in breve, i motivi espliciti per cui in questi giorni sto dedicando il mio tempo libero ad ascoltare musica rumorosa incisa da un vecchio ubriacone; ci sono poi tutta una serie di motivazioni più astratte (e se vogliamo, ehm, filosofiche) che mi fanno apprezzare particolarmente questa robaccia. 
Aftershock è tutto l’opposto di ciò che non sopporto. Non sopporto i virtuosi, il G3 tour, le scale impossibili, il basso a sei corde. Ancora di più detesto i fan di questa roba e i loro commenti tecnici volti ad analizzare presunte imperizie nell’esecuzione, non sopporto quella faccia da caciottaro di James LaBrie e tutti quelli che indossano le magliette del suo gruppo pensando che sopra ci sia scritto Beethoven. Trovo patetico chi apprezza queste cacate e parla di grandi musicisti ed effettivi meriti artistici. Se proprio dovessi provare a convincere qualcuno del perché il metallo è una figata gli direi che è bello perché è fastidioso e le mamme lo detestano, perché ti rende ebete e alla lunga ti fa anche diventare sordo. Non mi importa nulla di essere ricercato o acculturato, non devo fare bella figura con te e con nessun altro. Io sono quello che disegna i cazzi in ascensore, sono quello che attacca le caccole sul muro del bagno dell’ufficio e piscia fuori apposta nel cesso dei locali. Quando faccio passare prima una signora non è galateo, è che le devo guardare il culo. Sì, vado molto fiero del mio essere un mezzo deficiente, è la parte migliore di me.
Birra, rutti, Motörhead: l’insostenibile leggerezza dell’essere metallaro. (Stefano Greco)

21 commenti leave one →
  1. Davide EquAzioni permalink
    17 dicembre 2013 12:02

    “Quando faccio passare prima una signora non è galateo, è che le devo guardare il culo. Sì, vado molto fiero del mio essere un mezzo deficiente, è la parte migliore di me.
    Birra, rutti, Motörhead: l’insostenibile leggerezza dell’essere metallaro. ”

    sarai mezzo deficiente, ma per l’altra meta’ sei un genio poeta!

    Mi piace

  2. Simo Sarge permalink
    17 dicembre 2013 12:58

    mi son commosso

    Mi piace

  3. sergente kabukiman permalink
    17 dicembre 2013 13:53

    recensione da insegnare a scuola anche se a noi la scuola non ci piace. siamo metallari

    Mi piace

  4. Phlegias permalink
    18 dicembre 2013 19:04

    “Non mi importa nulla di essere ricercato o acculturato, non devo fare bella figura con te e con nessun altro”

    Onore e Gloria a Stefano Greco. Questo è metal.

    Mi piace

  5. 8 marzo 2014 20:48

    Sto piangendo per la bellezza di questa recensione. Mi hai commosso.

    Mi piace

Trackbacks

  1. CYNIC – Kindly bent to free us (Season of Mist) | Metal Skunk
  2. INCANTATION – Dirges of Elysium (e altre cose che fanno bene a Satana) | Metal Skunk
  3. Radio Feccia #7 | Metal Skunk
  4. Il Cenone Fattone: menù per un Capodanno massiccio | Metal Skunk
  5. Nell’ultimo numero Dylan Dog ascolta gli Slayer | Metal Skunk
  6. GEHENNAH @Closer, Roma, 6.2.2015 | Metal Skunk
  7. Tirare la barba a Odino con gli UNLEASHED | Metal Skunk
  8. Distruggere tutti i mostri con i RAVEN | Metal Skunk
  9. OVERKILL / SANCTUARY @Klub Mega, Katowice, 14.03.2015 (ovvero: la notte in cui le bottiglie volarono) | Metal Skunk
  10. Radio Feccia #17 | Metal Skunk
  11. Graspop Metal Meeting 2015 | Metal Skunk
  12. Avere vent’anni: luglio 1995 | Metal Skunk
  13. Skunk Jukebox: summer of hate | Metal Skunk
  14. Impressioni di settembre | Metal Skunk
  15. DEATH ALLEY / JOY @Sinister Noise, Roma 12.09.2015 | Metal Skunk
  16. R.I.P. Lemmy Kilmister (1945 – 2015) | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: