Skip to content

Distruggere tutti i mostri con i RAVEN

23 marzo 2015

Raven_01_band

Tra i gruppi cardine della New wave of british heavy metal, i Raven furono tra le band che contribuirono, nei primi anni ’80, ad alzare l’asticella della violenza sonora oltre limiti fino a quel momento mai violati, aprendo la strada al nascituro thrash. Quando nel 1981 uscì Rock until you drop, nessuno andava veloce come loro, al di fuori del punk. E, a differenza di Venom e Motorhead, i Raven di punk non avevano un bel nulla. Erano una sorta di figlio bastardo ipervitaminizzato di Sweet e Judas Priest, un qualcosa di mai sentito prima, tanto da costringere la Neat Records a inventare per loro il neologismo “Athletic rock”. E, ad ascoltarli bene, i primi Gamma Ray e Helloween dovevano molto più ai Raven che ai connazionali Accept o agli stessi Priest. Il successivo Wiped out, per me il loro capolavoro, andò ancora oltre e li consegnò definitivamente alla storia.

A metà anni ’80, arrivò inevitabile la decadenza. I fan trovarono proprio nel thrash emozioni più vivide e la band, dopo la fallita svolta commerciale di The pack is back, proseguirà la carriera tra alti e bassi e lunghi silenzi, senza però mai gettare davvero la spugna o cedere a compromessi. Fino ad arrivare ai giorni nostri, nei quali la parola d’ordine è nostalgia e una reunion non si nega nemmeno ai gregari più sfigati. Nel 2010, dopo oltre un decennio di silenzio discografico, esce l’eccellente Walk through fire, che riporta di prepotenza i fratelli Gallagher sulla ribalta, di fronte a un pubblico divenuto nel frattempo sempre più passatista. Il disco è una bomba e gli inglesi salgono sempre più in alto nelle bill dei festival. Se lo meritano, niente da dire.

A fine aprile uscirà il nuovo disco dei Raven, ExtermiNation, finanziato con una campagna di crowdfunding. Il primo singolo, Destroy All Monsters, riprende il titolo di un loro vecchio live e spacca decisamente i culi. Da una parte, sarebbe carino esaltarsi altrettanto per gruppi molto più giovani, dall’altra fa un piacere enorme vedere questi vecchi ragazzi in tale forma dopo quarantun anni di carriera:

Se volete approfondire, potete leggere una mia intervista a John Gallagher, realizzata proprio in occasione dell’uscita di Walk through fire, a questo indirizzo (Ciccio Russo).

3 commenti leave one →
  1. weareblind permalink
    23 marzo 2015 19:50

    Bhe, che carica!

    Mi piace

  2. 23 marzo 2015 22:17

    “The real Gallagher brothers band”.

    Liked by 1 persona

Trackbacks

  1. ENFORCER – From Beyond (Nuclear Blast) | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: