Avere vent’anni: METALLICA – S&M

Cesare Carrozzi: Quando un lavoro, che nelle premesse doveva essere epocale, finisce per misurare un valore totale inferiore (e di molto) alla somma dei suoi singoli componenti, vuol dire che qualcuno andrebbe appeso per la palle. Nel caso di S&M questo qualcuno risponde ai nomi di Michael Kamen e, ovviamente, Lars Ulrich: il primo per aver arrangiato delle parti d’orchestra che andrebbero prese ad esempio su come non fare il proprio mestiere, l’altro perché sta sempre in mezzo come il prezzemolo e siccome non capisce un cazzo ma lo lasciano fare (per economia degli equilibri nel gruppo. Anche perché solo uno fondamentalmente innocuo ed erbivoro come Jason Newsted si sarebbe potuto sorbire il nonnismo di Hetfield e – soprattutto – Ulrich, capiamoci. Un qualsiasi normodotato alla seconda stronzata lo avrebbe ficcato sano sano dentro un timpano e buttato per le scale) fa casino e danno su qualsiasi cosa abbia a che vedere con la gestione dei Metallica, dall’omettere il basso in And Justice For All, passando per la svolta grunge/alternativa di Load e Reload, per poi proseguire con lo ‘sdeng’ del rullante di St. Anger fino a, immagino, la scelta di Kamen come arrangiatore e direttore d’orchestra (la lista non è cronologicamente corretta ma avete afferrato il punto). Insomma una cacata mortale, ora come vent’anni fa. E pensare che Lingua Mortis dei Rage, precursore di S&M di tre anni e arrangiato mille volte meglio, non ha certo avuto lo stesso riscontro di pubblico. E’ un mondo difficile.

Marco Belardi: Benché il dono della sintesi non m’abbia mai assistito, tenterò, fallendo, di contestualizzare nel modo più breve possibile la situazione in cui giacevano i Metallica nel 1999. Non avevano ancora rinnegato la fase costituita da Load e Reload. I Metallica di Garage Inc., e di questo periodo qua, erano come riversi in uno strano limbo.

Come testimoniato dalla scaletta di S&M, Load e Reload erano un progetto del quale i Metallica andavano ancora fieri. Allo stesso tempo si erano rapidamente accorti d’avere fatto il passo più lungo della gamba, e iniziarono a reinserire il metal, a piccole dosi. In poche parole sbugiardarono tutte quelle interviste in cui Lars Ulrich la sparava grossa sul genere intero, e, rivoluzionario o ingrato che fosse, un giorno il tennista avrebbe rimesso la coda fra le gambe e accettato le cose per come erano sempre state.

Le novità di S&M consistevano in rare testimonianze di una fase dei Metallica che non abbiamo mai vissuto su disco, ovvero, una sorta di metal alternativo che qui prese forma specialmente con l’inedito Human. Zero ritornello, chitarre con un bel tiro e una discreta dose di paraculaggine. Non c’era altro, lì dentro. La precedette No Leaf Clover, ovvero la ripetizione del format vincente caratterizzato da Until it Sleeps, dalla seconda The Unforgiven e dalla buona cover di Turn The Page: i Metallica che volevano fare i maturi e un po’ anche i depressi, tuttavia, con una maggiore discrezione rispetto a quella sfoggiata davanti alla stampa. Quando penso a questa fase dei Metallica penso sempre a cosa accadde agli Alice In Chains del singolo Get Born Again, sfacciatamente moderno e dall’appeal decisamente metal: morirei per la brama d’ascoltare quell’album che mai Jerry Cantrell poté incidere sul finire dei Novanta, dato che il cantante era già cotto. E la stessa e identica curiosità la nutro verso la certificata ciofeca che avrebbe assunto la delicata funzione di intermezzo tra Reload e St. Anger. Ma Cristo, ve la immaginate una cosa che sta tra ReloadSt. Anger?

S&M era anche e soprattutto il doppio album sinfonico dei Metallica, cioè non serviva a nessuno fuorché a loro. Gli Apocalyptica incisero Plays Metallica By Four Cellos circa tre anni prima di questa roba diretta da Michael Kamen e prodotta da Bob Rock, tutto in pompa magna come da copione. In breve, i finlandesi capirono che l’unico modo di far convivere metal e musica classica consisteva nel lavorare sulle ritmiche. E non lo trasformarono in musica classica, bensì adoperarono strumenti tipici per suonare le stesse composizioni originali. Il pezzo è così, non andiamo a sfancularlo, pensarono. Michael Kamen e i trecentocinquanta porcellini che letteralmente avevano invaso il Berkeley Community Theatre si misero a suonare qualcos’altro sopra ai pezzi di Metallica. In pratica c’è la sezione ritmica, la sezione solista, e questa gente che si metteva a coprire tutto inserendo melodie aggiuntive, disturbando quelle già esistenti, e non facendoti capire più un cazzo di quello che stavi ascoltando.

Perchè i Metallica lo fecero? Lars lo sapeva, era l’ultima fase in cui la gente non ti considera un dinosauro, ed era il tramonto dei milioni di copie fatti con i dischi. I Metallica tra il 1996 e il 2000 sfruttarono ogni occasione per entrare in studio e cacciare fuori qualunque cosa che potesse ancora cavalcare l’onda lunga del Black Album. A prescindere dalla qualità e dalla dignità, sebbene il peggio dovesse ancora arrivare. Lars sapeva che nel giro di qualche anno sarebbe tutto finito, ma ignorava come e quando. E ci avrebbe fatto i conti dal 2003 in poi.

10 commenti

  • ai metallica voglio molto bene,avrebbero potuto tranquillamente campare di rendita riempendo gli stadi e suonando solo materiale vecchio invece di fare cagate azzeccando qualche bel riff solo di tanto in tanto ! questo lo hanno capito perfettamente i system of a down che potrebbero suonare ovunque i loro pezzi di sempre e la gente continuerebbe a riempire le arene, ma ammettere che non si ha piu’ niente da dire e’ triste !

    "Mi piace"

  • dai non è un capolavoro, ma ci sono alcuni brani che secondo me guadagnano abbastanza con l’orchestra. Il peggio deve ancora arrivare…

    "Mi piace"

  • La cosa più interessante dei Metallica post Black Album non è la musica, ma l’enigma di come quei semi-dei degli anni 80 abbiano potuto partorire certa robaccia. Mille ascolti per cercare in Load qualche barlume della vecchia genialità. Invano. Il dubbio tuttora irrisolto se tolti i suoni/arrangiamenti orribili, vedi sta roba con l’orchestra, ci fosse qualcosa da salvare.

    "Mi piace"

  • Per fortuna me l’hanno regalato a Natale. Purtroppo me l’hanno regalato a Natale. Come sono andate le cose dopo lo sappiamo tutti.
    E comunque, Belardi, come scrissi per il ventennale di Re-Load, ti aspetto al varco di I Disappear.

    "Mi piace"

  • Francesco Cavarra

    Concordo con gran parte delle analisi. Resta il fatto che, finché vi saranno ascoltatori che compreranno certi dischi, vedranno certi video e film, andranno ai concerti pagando spmme astronomiche e per nulla giustificate, compreranno gadget, eccetera, esattamente come accade in politica e in qualunque settore in cui il consenso fa la differenza, giusto o sbagliato che esso sia e alla faccia del buon gusto e della qualità, non potremo farci assolutamente nulla. Sappiamo bene che è il mercato a guidare la musica come qualunque altro settore, disgraziatamente è il profitto che manda avanti le macchine sia musicali e artistiche in generale sia altre macchine, persino pubbliche. Quindi non c’è proprio da meravigliarsi. Si può criticare quanto ci vuole ma più che l’offerta, io criticherei aspramente la richiesta.

    "Mi piace"

  • Francesco Cavarra

    Per non parlare di chi, sempre per ogni settore, ha opinioni totalmente diverse per la stessa identica cosa.

    https://www.rollingstone.it/opinioni/opinioni-musica/sm-2-e-un-monumento-alla-grandezza-dei-metallica/480783/

    "Mi piace"

  • E’ molto vera la parte relativa agli Apocalyptica. In generale tutti i progetti Group and Orchestra, dai Pink Floyd e i Deep Purple in poi, sono ibridi senza capo né coda. Sono fermamente convinto che certi pezzi dei Metallica, soprattutto da Ride e Master, più qualcosina da Justice, fossero molto sinfonici. Ma, per l’appunto, in un’orchestra sinfonica non c’è la batteria (e se ci fosse non ci sarebbe Ulrich a suonarla, ma è un’altra storia), non ci sono chitarre distorte, non c’è il basso elettrico, non c’è il wah wah. Un pezzo come For whom reggerebbe alla grande con soli strumenti classici e sarebbe un grande pezzo. Mi sarebbe piaciuto sentire come suonavano i pezzi dei Metallica suonati come se fossero stato scritti da Wagner. Sarebbe stato un esperimento coraggioso e interessante, poi magari usciva una cagata, ma intanto era qualcosa di diverso. Suonare i pezzi né più né meno come sul disco sovrapponendo qualche orchestrazione che – concordo – aumenta solo il casino, senza aggiungere alcun valore, rende l’inutilità di quel disco roba da record storico.

    "Mi piace"

  • Oggi ho riletto un un’articolo di Kekko di Bastonate, parlava dell’assimilazione del metal, se l’ho capito bene, ogni tanto ho bisogno di andare su di 3 righe per cercare il soggetto della frase.
    S&M é una delle tappe della cosciente e consapevole normalizzazione dei Metallica. 20 anni fa suonavano con l’orchestra e oggi se li può ascoltare un direttore di banca e le magliette di Pushead le trovi pure all’oviesse. Oggi il metal è così assimilato, accettato socialmente, che sono tornati pure a suonare heavy metal negli ultimi dischi.
    Mi pare che i Metallica abbiano fatto dell’assimilazione la loro parola d’ordine almeno dal 96 in poi. Volevano essere gli U2 o gli Oasis, ironia della sorte in un un’ipotetica storia della musica Rock minimamente sensata i Metallica occuperebbero molto più spazio dei succitati. In questo senso Load è estremamente significativo per quel momento e ha dato il via libera ai vari esperimenti, Rock-Metal (Amorphis) o Rock-Sinth Pop (Paradise Lost), la qualunque, spesso anche grandi dischi, ma più che altro indicativi del declino del genere.

    "Mi piace"

  • Alberto Massidda

    “Un qualsiasi normodotato alla seconda stronzata lo avrebbe ficcato sano sano dentro un timpano e buttato per le scale”
    sto morendo X,D

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...