Monthly Archives: maggio 2018

Avere vent’anni: CURRENT 93 – Soft Black Stars

A Torino, negli anni Novanta, c’era un negozio che si chiamava Officine 23. Era in via Bellezia, una traversa della via Garibaldi dello struscio, ma sufficientemente appartato in quel poco di architettura medievale che la mia città ancora conserva. Era gestito da persone vicini ai Larsen, un gruppo post-rock all’epoca abbastanza rilevante, e vendeva le cose più strambe. Dischi di

Continua a leggere

Nuclearblastati: AMORPHIS – Queen of Time

“Non mi sentirete mai pronunciare una stroncatura nei confronti degli Amorphis.” Prima lezione da apprendere, cari amici: non pronunciate mai, dico MAI, affermazioni definitive tipo questa, perché poi ci fate una pessima figura quando siete costretti a contraddirvi. Però c’è da dire pure che sono quasi dieci anni che gli Amorphis mi vendono questa merda e sono dieci anni che

Continua a leggere

ContrAppunti Prog #4: Concerto Grosso per i NEW TROLLS

Morire… dormire… forse sognare. Qualcuno forse si ricorderà di questa rubrica. Per gli smemorati riprendo il vecchio disclaimer: Cosa è ContrAppunti Prog: uno spazio dedicato alla progressive italiana; un appuntamento (si spera) fisso dove riscoprire e approfondire piccoli capolavori del rock nostrano più o meno noti; un salto in un passato musicale che va dalla fine degli anni ’60 alla

Continua a leggere

W la foca: RIOT V – Armor of Light

I Riot sono, insieme ai Voivod, uno dei gruppi heavy metal con la proporzione diretta più clamorosa tra meriti artistici e sadico accanimento del destino cinico e baro, accanimento culminato in entrambi i casi con la morte prematura del chitarrista e compositore principale seguita da una reunion improbabile ma riuscita contro ogni presupposto. Agli statunitensi, forse, andò ancora peggio che

Continua a leggere
« Vecchi articoli Recent Entries »