Il ritorno dei NOVEMBRE e l’Italia patria della melodia

novembre-tour-ursa

Nel 1997, quando uscì l’omonimo EP di debutto dei Lacuna Coil, Luca Signorelli scrisse su Metal Hammer che l’Italia, in un modo o nell’altro e al di là di qualsiasi genere musicale, era stata e sarebbe restata la patria della melodia. Nel commentare, con la giusta sorpresa, le qualità dell’EP, Signorelli sottolineava come quel sound fosse sì figlio dei Paradise Lost ecc. ecc., ma aveva un’italianità che andava fatta risalire alla nostra musica leggera, Sanremo compreso, che piacesse o no ammetterlo ai metallari. Proprio questo elemento permetteva ai Lacuna Coil di uscire da una altrimenti mera imitazione di altre band.

Che queste si rivelassero essere le prime e le ultime cose positive che si potessero dire sui Lacuna Coil, ancora non lo sapevamo. Ma l’osservazione di Signorelli mi ha dato molto da riflettere ogni volta che due dei miei gruppi preferiti, Novembre e Klimt 1918, se ne uscivano con un nuovo album. Sicuramente, c’entrava un po’ la malinconia dell’expat, ma mi sono spesso ritrovato a pensare che, effettivamente, senza Claudio Villa Roberto Murolo Domenico Modugno Mina Gino Paoli Fred Buscaglione Francesco De Gregori Francesco Guccini Fabrizio De André Piero Ciampi Massimo Morsello, né i Klimt né i Novembre avrebbero avuto granché da dire. Non c’entra solo il talento, non c’entrano le capacità tecniche, è una questione di melodie che paiono stare nel sangue. Io non capisco come facciano a capirli all’estero, i Novembre. Che cosa ci trovino, senza il bagaglio culturale inconscio necessario per comprenderli. Del resto gli unici forestieri (che fanno musica decente, s’intende) a spezzare una lancia per la canzone melodica italiana sono stati Erlend Øye e Mike Patton, il che è tutto dire.

Il fatto che, ora, uno di questi gruppi che quasi davo per persi (che fine han fatto i Klimt 1918?) ritorni con un singolo strappalacrime e un album in uscita il 1 aprile, riporta alla luce tutti questi fantasmi e la nostalgia per quell’EP dei Lacuna Coil (che ho riascoltato oggi per la prima volta in quasi vent’anni e che mi pare contenga intatta tutta la genuinità che la band perse un attimo dopo). Tornando ai Novembre, onestamente non riesco a trovare tutte queste grandi differenze e/o evoluzioni nel sound dall’ultimo The Blue, nemmeno nel drumming del nuovo batterista, ma mi sembra ininfluente. La musica italiana è rimasta nei Novembre ora come dieci anni fa, e mi pare il miglior aperitivo in vista dell’uscita di Ursa. (Giuliano d’Amico).

PS Il release party di Ursa si terrà a Roma il 9 aprile al Traffic. Seguiranno dieci date in tutta Italia. Io sarògiàalla volta del Roadburn, mannaggia. (Ciccio)

11 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...