Skip to content

NEGURA BUNGET – Tău (Lupus Lounge)

13 marzo 2015

478480Negli ultimi cinque anni Negru ha resettato e rinnovato completamente la formazione dei Negură Bunget per ben tre volte (modificandola pesantemente anche una quarta volta), pubblicando tre album e un EP. Il merito del fatto che il livello di qualità sia rimasto sostanzialmente buono, toccando punte anche molto elevate, lo si deve attribuire, dunque, totalmente a lui. Personalmente resto sempre ammaliato da gruppi in cui la mente fertile e la leadership siedono dietro le pelli, come nel caso dei rumeni di Timișoara.

Facciamo un attimo di storia: Negru, insieme a Hupogrammos (per comodità useremo solo i loro nomi di battaglia), diede vita a questo ‘progetto’ di folk black metal (a onor del vero ben poco folk all’inizio) nel lontano 1996; nel ’98, ai tempi dell’EP Sala Molksa, si aggiunse un’altra chitarra e voce, quella di Sol Faur. I primi anni, però, non sono molto significativi. Le cose iniziano a diventare davvero interessanti con Om, il quarto full-length (nel frattempo sono passati dieci anni dagli esordi), album in cui il trio, che si è avvalso più volte di turnisti ed esperti di musiche tradizionali (con sempre maggior frequenza e peso ogni volta che il suono si tingeva di folk), dimostra di aver raggiunto un livello di affiatamento che non si era ancora visto e che non si vedrà più con questa formazione. Il lavoro successivo, Măiestrit, essendo una reintrerpretazione del secondo album, non riesce ad appagare completamente, ma resta sicuramente un capitolo che merita di essere percorso ancora oggi. Poi lo scioglimento e la decisione, in un primo momento condivisa da tutti, di continuare ognuno per la sua strada ma con la precisa clausola (tra gentiluomini) di non utilizzare mai più quel moniker. Hupogrammos e Sol Faur si inventano un gioiellino chiamato Dordeduh, mentre Negru disattende alla clausola e se ne esce con il più bel disco mai fatto dai Negură Bunget: Vîrstele Pămîntului. Avendo ascoltato con attenzione Tău, si può tranquillamente affermare che il primato resiste. Vediamo perché.

14689

Con Vîrstele inizia la fase folk più spinta, inizia anche il valzer delle collaborazioni e quello dei cambi di line-up, ma il nome della band acquisisce finalmente una eco significativa. Anche il successivo EP di 28’, Poartă de dincolo, segue i medesimi criteri ma aggravando il suono con note ancora più cupe. È normale, dunque, che per descrivere Tău si debba necessariamente far riferimento a Vîrstele. Le differenze sono nette e potrebbero essere riassunte in due affermazioni: minor coesione tra i pezzi e minor coinvolgimento dalle atmosfere. Ed è un peccato perché entrambi i punti rappresentavano la forza dei migliori Negură Bunget, ovvero il concept espresso in modo inequivocabile grazie alla continuità che ne rendeva l’ascolto circolare e reiterabile ad libitum, almeno personalmente, e le atmosfere tradizionali che esprimevano sensazioni tattili di cose vissute, di torba e terra, di cuoio secco e legno intarsiato, di ferro battuto e pietra levigata. Tău, che come ben saprete è il primo della Transilvanian Trilogy, perde di efficacia per il semplice fatto che non riesce a rapire la mente come Vîrstele e Poartă de dincolo (in minor misura) riuscivano a fare. Sembra, inoltre, che i brani siano stati composti in periodi diversi e avvalendosi di ‘maestranze’ dal diverso spessore professionale. Ne è un esempio positivo l’anticipazione di qualche tempo fa; ne è un esempio negativo il brano con le musiche balcaniche, che vede la collaborazione di Rune Eriksen. Oltre all’opener Nămetenie e a Tărîm vîlhovnicesc, con Sakis Tolis, molto bello è il pezzo di chiusura, Schimnicește. Per il resto, si attende il secondo capitolo della trilogia, sperando che venga fuori una fotografia della Transilvania con una messa a fuoco migliore. (Charles)

 

12 commenti leave one →
  1. Breuer permalink
    13 marzo 2015 15:28

    Per qualche motivo ho sempre rimandato un ascolto serio dei Negura Bunget, pur avendo sulla carta tutte le caratteristiche giuste per farmi venire l’acquolina in bocca (tutto l’immaginario di foreste, strumenti tradizionali, folklore semisconosciuto, Transilvania…) e pur avendo ascoltato cose ben più di nicchia, tipo i Martolea. Scoprire che Negru ha piazzato Shelter tra i 3 dischi migliori del 2014 ( http://heathenharvest.org/2014/12/31/heathen-harvests-best-of-2014-artists-edition/ ) mi aveva dato l’idea che forse in fondo in fondo avevo fatto bene (prendo queste cose piuttosto sul personale…) quindi grazie per la guidina ragionata che ha riacceso un po’ di voglia di provarci!

    Mi piace

    • 13 marzo 2015 15:53

      Il mondo è pieno di grandi musicisti con gusti orrendi. Per me, pur essendo meno complessi e originali, anche i dischi precedenti a ‘Om’, valgono decisamente l’ascolto, soprattutto ‘N Crugu Bradului, forse il mio preferito per le atmosfere orrorifiche e raggelanti.

      Mi piace

  2. Lorenzo permalink
    14 marzo 2015 02:56

    Data l’occasione, posso chiedere un parere su ‘N Crugu Bradului? A me è piaciuto molto, soprattutto nelle cavalcate epiche alla Weakling

    Mi piace

    • Charles permalink
      17 marzo 2015 12:29

      quel disco non rappresenta i NB che preferisco. dovresti chiedere a Ciccio che lo ha apprezzato più di me

      Mi piace

Trackbacks

  1. Una gothic girl non fa primavera: MOONSPELL – Extinct (Napalm Records) | Metal Skunk
  2. Radio Feccia #15 | Metal Skunk
  3. NEGURA BUNGET @Closer, Roma, 28.05.2015 | Metal Skunk
  4. Bonded by Blog: le playlist del 2015 dei tizi di Metal Skunk | Metal Skunk
  5. La gente che guarda e il nuovo video dei Negură Bunget | Metal Skunk
  6. KAMPFAR / NEGURA BUNGET / SELVANS @Traffic, Roma, 10.11.2016 | Metal Skunk
  7. Nebbie in Transilvania: NEGURĂ BUNGET – Zi | Metal Skunk
  8. Make Pescara great again: TUBE CULT FEST 2016 | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: