Skip to content

Una gothic girl non fa primavera: MOONSPELL – Extinct (Napalm Records)

17 marzo 2015

479427Se la prima volta non ci si bada e la seconda può essere ascritta al semplice caso, dalla terza in poi si potrebbe pure pensare a una qualche tendenza. Mi riferisco al poco gradevole trend di questo periodo che vede gruppi più o meno blasonati anticipare brani definibili palesemente come belli che, quindi, ti portano a sviluppare un’aspettativa ragionevolmente alta nei confronti del nuovo album che poi, alla prova dei fatti, ti impone di rivalutare la cosa, con tutti i fastidi annessi e connessi. Sto parlando, nel mio caso, prima di Marduk, poi Negura Bunget e, adesso, di Moonspell. Sui lusitani abbiamo già detto tutto quello che potevamo dire, abbiamo espresso incondizionata adorazione per i gloriosi esordi e rispetto complessivo per una carriera che non ha mai subito flop clamorosi, come invece accaduto alla stragrande maggioranza dei gruppi storici della nostra gioventude. Non mi resta che dire questo: che occasione sprecata. Sì, che peccato, perché Extinct, date le anticipazioni, si proponeva come il degno successore stilistico dell’ultimo gran disco dei Moonspell che è stato, almeno secondo il parere di chi scrive (ma anche a giudizio di altri qui dentro), Darkness and Hope.

Le anticipazioni, dunque, il male assoluto: se da una parte ti danno un’immagine, per quanto sbiadita, di ciò che sarà, dall’altra ti falsano il giudizio quando non ti confondono proprio le idee. Sta all’equilibrio di chi ascolta non farsi trascinare nel perverso meccanismo, direte voi. Giusto, ma andatelo a dire a qualcun altro, non a chi è cresciuto coi Moonspell costantemente nel walkman. Se il meccanismo perverso è questo e non ci possiamo fare nulla, non resta che svuotare la testa da ogni idea preconcetta attraverso l’ascolto reiterato e vedere cosa ne rimane. Nel caso di Extinct a me rimane un profondo senso di occasione sprecata. Dicevamo sempre a proposito delle anticipazioni che si sentiva forte la matrice darkettona alla Sisters of Mercy ed è sensazione confermata (The Last of Us e Medusalem). Ma si diceva pure che il gotico maschio, quello tutto voci profonde e potenti giri di basso (tipo Breath e la title track), era l’unico digeribile arrivati a quest’età anagrafica (anche se il tema nei testi è pur sempre l’amore o versioni più lussuriose di esso) e che le divagazioni sinfoniche a lungo andare trasformano tutto in caramello appiccicoso e quindi sono da temere più di ogni altra cosa. In Extinct c’è sia questo, sia quello. È per questo motivo che parlo di occasione mancata. Melodie e ritornelli anche molto belli (quello di Domina è talmente efficace che ti viene da cantarlo mentre fai le abluzioni quotidiane nel hammam sotto casa) ma rovinati, si può dirlo, da un eccessivo uso di archi o da ridondanti effetti di rebab elettrico (rebab, attenzione, non kebab, anche se alla fine è la stessa cosa). Il disco, banalmente detto, è carino (sicuramente un pezzo avanti a Alpha Noir) ma a lungo andare si appiattisce invece di mostrarsi nelle sue varietà. Speravo di immergermi in una nuova versione di D&H (magari ancora più cupa) e ne avevo pure ben donde visti gli ammiccamenti e i richiami più o meno espliciti ad esso (basta vedere il video sotto per capirlo subito, se avete presente la copertina di quell’album), invece devo accontentarmi di una via di mezzo. (Charles)

7 commenti leave one →
  1. weareblind permalink
    17 marzo 2015 20:53

    Per me sono un gruppo “nuovo”, non me li sono mai considerati. Questo pezzo quindi non ho modo di valutarlo pensando al passato, e una sua ragion d’essere ce l’ha. Ma Bububu resta per me insuperabile. Io una volta ogni paio di giorni me la sento. E’ come vaccinarsi. O forse è come rinascere.

    Mi piace

  2. luisflyfree permalink
    19 marzo 2015 22:26

    Ma sono l’unico che ha apprezzato “The antidote”? Per me è quello il loro ultimo grande disco, come sono lontani i tempi di Wolfheart, anche questo disco a mio parere, non fa altro che confermare la loro crisi compositiva (

    Mi piace

Trackbacks

  1. Avere vent’anni: EVOL – The Saga of the Horned King (raccontato da Giordano Bruno/ Prince of Agony) | Metal Skunk
  2. Bonded by Blog: le playlist del 2015 dei tizi di Metal Skunk | Metal Skunk
  3. Avere vent’anni: luglio 1996 | Metal Skunk
  4. Avere vent’anni: ottobre 1997 | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: