Skip to content

blog di donne belle #10

14 gennaio 2015

BENTORNATI su blog di donne belle, la rubrica in cui si esplora il lato più torbido dell’animo umano attraverso le chiavi di ricerca con cui ignoti internauti sono capitati su Metal Skunk. Il meccanismo è sempre quello: grazie a una funzionalità di wordpress noi scopriamo che gente è andata su google digitando, non so,

tutte le troie del cast centovetrine

e poi è finita qui su MS. Capito, no? Dovete sempre immaginarvi un tizio che la sera torna a casa, si mette in ciabatte, va al computer e cerca

dottoresse ciccione

e per qualche motivo clicca su un link di qualche articolo di Stefano Greco o che so io. Il grado di nonsense delle chiavi di ricerca è spesso inquietante, e da quando curo questa rubrica ho perso qualsiasi residuo di speranza che riponevo nella specie umana. Cosa esattamente potrebbe spingere mai qualcuno a cercare su google

frank sinatra la minchia

Me lo spiegate voi? Certo, spulciando tra tutte queste sfumature di grottesco a volte si trovano intuizioni geniali che avresti voluto avere tu, tipo:

dove si buttono i vaporizzatori usati

Non ci avevo mai pensato. TUTTI ALLA DISCARICA DI VAPORIZZATORI!

pannella regala fumo

Sei in ritardo di una ventina d’anni, compare. Capisco che in tempi di crisi ci si attacca a qualsiasi speranza, ma ho paura che anche questa volta dovrai rivolgerti al solito maghrebino dei giardinetti.

immagine di Pannella Neofolk

immagine di Pannella Neofolk

imola entrare al concerto senza biglietto

Il concerto degli Ac/Dc sarà un bel casino, già lo so. Io sono riuscito a recuperare un biglietto, ma penso di essere l’unico qua dentro; tutti gli altri saranno condannati ad avere a che fare coi bagarini per riuscire a entrare, a meno che non vi mettiate d’accordo per scavalcate tutti insieme, magari lasciando Ciccio Russo come esca umana per la security mentre gli altri scappano avanti fortissimo.

as/ds malcom yang gitarista

Ecco, se vi aggregate a quest’altro genio del male sono sicuro che riuscirete a entrare fin dentro ai camerini senza farvi vedere. 

compro una scimmia vera a 1 euro

Certo, come no. Con un euro viene proprio il ministro dell’Ambiente a portartela a casa. Ma che ci vuoi fare esattamente? Vestirla, imboccarla e trattarla come un essere umano, aspettando il momento che ti mangerà la faccia come di solito succede a chi si prende una scimmia in casa? Ora non c’entra niente, ma ogni volta che penso alle scimmie mi viene in mente questo film:

metal shock armi da fuoco

Il miglior slogan possibile.

perchè nicolas cage muore negli ultimi film??

Si sta allenando. Sappiamo tutti che è immortale, ma a un certo punto dovrà pure far finta di morire per non farsi scoprire, no?

le meglio zoccole di anzio

Di solito finiscono in pasto ai cani di Matteo Ferri. Lui ha tre bestie gigantesche nel giardino di casa e che ci vuoi fare, qualcosa dovranno pur mangiare. Dei tre (un rottweiler, un pastore tedesco e un maremmano) pare che il maremmano sia proprio stronzo. “Oh Mattè, ma è tranquillo il maremmano?”. “Beh insomma. Però se entri con me e gli offri un biscotto, e rimani vicino a me tutto il tempo, è tranquillo”. Il che è il principale motivo per cui non siamo ancora piombati nel suo giardino armati di barbecue e con Cesare Carrozzi tenuto a insalatine per tre giorni al fine di fargli cucinare le salsicce con maggior cattiveria. A pensarci è un gran peccato perché, visto che Matteo tiene tutte quelle signorine appese sui ganci di macellaio giù in cantina, potevamo risparmiare sugli hamburger.

Stallone nel momento in cui decide di prendere Carrozzi per il prossimo Expendables

Stallone riflette se prendere Carrozzi per il prossimo Expendables

conoscete persone che si sono rincoglionite con la droga?

Non so di cosa stai parlando.

schelotto metallaro

No guarda, probabilmente non ha neanche questa giustificazione. Chiunque voi siate, ovunque vi troviate, vi auguro con tutto il cuore di non dovervi trovare con Ezechiele Schelotto a incespicare sulla fascia destra della vostra squadra del cuore.

mille petrozza uomo intelligente e sensibile

Si narra che una volta Mille Petrozza, mentre suonava in Germania, vide dei naziskin tra il pubblico, si scaraventò giù dal palco e gli si avventò contro dall’alto del suo metro e venticinque. Che va bene la pasta di grano duro, va bene l’alta moda, va bene la Ferrari, ma il made in Italy che più siamo fieri di esportare è LA CAZZIMMA.

cosa fuma phil rudd?

In questo periodo riceve talmente tante ingiunzioni dal tribunale che può fumarsi quelle. Comunque fai poco lo spiritoso che lui deve fumare per contratto, ha presentato regolare certificato medico.

persone che regalano soldi

Tu sei il cugino di quello della discarica di vaporizzatori, no? Soldi purtroppo non ne regala nessuno, però se proprio sei disperato puoi provare a citofonare a Pannella insieme a quell’altro di prima.

ma un posto per metallari in sicilia??

Siracusa a Capodanno. Devi sapere che Ciccio Russo e Matteo Ferri si sono fidanzati con due siracusane, e quindi sono andati lì a festeggiare l’anno nuovo, brindando all’amore, agli Inchiuvatu e agli arancini col ragù. Matteo Ferri si è organizzato dirottando un’intero pullman di anziani diretti a San Giovanni Rotondo, così che i suoi cani avessero di che mangiare mentre lui è fuori per le feste.

iced earth hanno fatto solo cover

Di sé stessi, sì. Peraltro ho scoperto con gioia che non sono l’unico a essere fissato col fatto che Jon Schaffer abbia costruito la propria fortuna su QUEL riff:

Ovviamente la sua fortuna deriva anche dal fatto che emette tuoni e fulmini dal culo, eh. E anche dal fatto che ha i presidenti tatuati sul braccio. Però principalmente per QUEL riff.

la troia del clima

Visto che ora va tantissimo infervorarsi per qualsiasi cosa, propongo la prossima minoranza discriminata da difendere: le tipe che presentano il meteo. Nel caso la cosa funzionasse, direi di andare in anticipo sui tempi e inventarsi un nome specifico per questo tipo di discriminazione: tipameteofobia? Meteotipofobia? Meteorismo?

funghetto allucinogeno “cambiato la vita”

D’accordo, ve la racconto. Uno scribacchino di Metal Skunk, la cui identità non verrà qui rivelata per non rovinare quel poco di dignità che gli è rimasta, quando aveva 18 anni andò ad Amsterdam coi suoi amichetti. A quei tempi, circa quindici anni fa, erano ancora in vendita i funghetti allucinogeni, e lui chiaramente non si volle tirare indietro per tutti e tre i giorni di permanenza oranje. Questa persona , pur avendo girato tutta la città in lungo in largo da bravo turista, è come se ad Amsterdam non ci fosse mai andata: non si ricorda neanche l’esistenza della Damrak, o un canale che sia uno. Eppure la Damrak l’ha vista: l’ha percorsa tutta in bicicletta, è arrivato fino alla fine, e invece di girare a destra come tutti i suoi amici ha proseguito velocissimo dritto fino a schiantarsi su un banchetto del mercato dei tulipani e finire disteso, tipo un sequel de La Pallottola Spuntata.

Purtroppo non si ricorda neanche il momento che (come i suoi amici gli racconteranno successivamente) è stato l’apice assoluto del viaggio. Museo di van Gogh: il nostro simpatico amico è davanti al Campo di grano con volo di corvi, lì fermo, e lo ammira. Tutta la vita ha sognato di poterlo vedere, van Gogh gli piace molto, e ora è lì, davanti a uno dei suoi quadri preferiti. Purtroppo però è fatto come una pigna, quindi oltre al quadro vede i mostri, i folletti e il conte Burzum che balla la macarena. Guarda il campo di grano, e il grano oscilla al vento. I corvi svolazzano sul campo, e lui è lì, placido, che guarda la scena col suo sorriso da fattone. A un certo punto vede i corvi uscire dal quadro e avventarglisi contro. Lui inizia a gridare, poi a scappare, e si fa tutto il museo di van Gogh di corsa, gridando, e guardandosi continuamente alle spalle, sempre gridando, perché vedeva i corvi dietro che continuavano a rincorrerlo. Ora però astraetevi da questo pensiero; e immaginate un tranquillo signore olandese di mezza età che sta lì a guardarsi un autoritratto di van Gogh immerso in un piacevole silenzio, e a un certo punto sente un urlo in lontananza che si fa sempre più forte, e poi vede il nostro eroe che corre a perdifiato, gridando e guardandosi indietro, con la faccia stravolta dal terrore, e poi si allontana velocemente insieme al suo urlo terrorizzato che si fa via via più fievole, tipo effetto Doppler. E il diretto interessato non si ricorda nulla di tutto ciò. Questa è la gente cara ad Odino, fratelli del vero metal. Questa è la gente a cui viene giustamente permesso di scrivere su internet così che bimbi e adolescenti vengano traviati e pervertiti al demonio. In teoria questo discorso dovrebbe chiudersi con un bestemmione esortativo ma su wordpress non si può, mannaggia.

Vincent_van_Gogh_(1853-1890)_-_Wheat_Field_with_Crows_(1890)

Ricordate Alissa White-Gluz, no? Ne abbiamo parlato, ehm, tantissime volte, ma forse in maniera più approfondita qui: lei è la cantante metal più amata dagli utilizzatori di Topexan, e da quando abbiamo pubblicato qualche articolo  per attirare i gonzi nella nostra rete, qui arriva gente che digita

alissa white-gluz desnuda
alissa white-gluz sextape
sexy alissa gluz
alyssa white gluz sodomy
alissa white-gluz boobs
the agonist alissa white-gluz nuda porno

eccetera. Ma la nostra beniamina del falso metallo suscita anche profonde riflessioni di simbologia linguistica:

perché si chiama alissa-white gluz

Se una rosa non si chiamasse rosa, eccetera. Dato che oggi sono buono rispondo seriamente: non credo che sia un nome d’arte, altrimenti avrebbe evitato di chiamarsi come il verso del tacchino; in quel caso si sarebbe chiamata direttamente Alissa White-Boobs così da renderci il lavoro più semplice. Però, nel caso volesse scegliersi un nome d’arte, potrebbe seguire il consiglio dell’anonimo internauta che è finito qua sopra cercando

alissa white nipple

E, a meno che non stesse cercando una pornostar di nome Alissa con la caratteristica di avere i capezzoli bianchi, direi che ha vinto lui. Come primo premio vince una nuova foto di Alissa White-Gluz, affinché nuovi rattusi arrivino qui per rendere l’anima al Demonio e finire infine sul prossimo blog di donne belle.

alissa white-gluz boobs alissa white-gluz tease alissa white-gluz sex alissa white-gluz xxx alissa white-gluz toys alissa white-gluz deepthroat alissa white-gluz anal alissa white-gluz hitachi alissa white-gluz bsm

video porno donna col cambio delle marce nel culo

Ammetterai che nel traffico dev’essere una vera seccatura.

dolcis in culo

Sì. Direi che è giunto anche questa volta il momento di partire di slancio con la consueta carrellata di sporcaccioni che, chissà, sono diventati assidui lettori di Metal Skunk dopo aver digitato le seguenti chiavi di ricerca:

video porno gratis che urinano quando godono
benne con il cazzo bizarre
sesso e pippe sul treno pubblico (sembra il titolo di un film di Nando Cicero)
giochi di un video di donne nude con la figa di fuori le tette
fare sempre chiavate di femmine bone (se l’avesse sentita Cat Stevens sarebbe diventato un verso di Father And Son)
siti porno estremo cacca e merda 
belle donne con le pupe grose
donne che sborrano mentre mangiano merda (sicuro di stare bene, amico?)
filmati di donne nude che massaggiano il cazzo al maschio
foto buttane senza niente a dosso
come scopano le donne pelose di casa (se sono molto pelose gli conviene usare direttamente l’aspirapolvere)
donne rumene che trombano con uomini nani
negro che sborra caldamente
vidioporn donne da 50 mi scopa un racazzo (Gegia, sei tu?)
porno donne con il naso da porco
montain bike dalle ruote grosse fighe sborrate

e31

porno di persone di catania che potrei conoscere (magari c’è un’applicazione di facebook per cercare tra i propri contatti)
ragazze puttane alcolizzate fanno sesso
quindicenne scopa la nonna con forza
femmine che la loro fica la danno a tutti video gratis (potrebbe metterla Youporn come sottotitolo del sito)
sexi blogger mogli col culo di fuori
teschio di donne nude (premio Monty Python 2015)
magre ma col culone immaggini
video porno con ano che butta fuori palline (io ci metterei pure un canestro per rendere la cosa più divertente)
video gratis di belle ragazze che pisciano x cellulari
nel porno italiano donne fottono con animali non umani (gli animali umani non ci attizzano)
video porno con donne che hanno il cazzo e scopano altre donne
troie trombano i masculi siciliani
trombare romina sulla panchina

E il vincitore assoluto:

quanto può essere lungo uno yeeeee di ozzy osbourne

Al momento attuale massimo 5 secondi prima che arrivino gli omini col defibrillatore. Buon anno a tutti voi, amici cari. Qui le puntate precedenti.

alissa white-gluz threesome alissa white-gluz blowjob alissa white-gluz teen alissa white-gluz milf alissa white-gluz gmilf alissa white-gluz nilf alissa white-gluz lolita alissa white-gluz youporn alissa white-gluz youjizz alissa white-gluz free download naked gallery alissa white-gluz bikini alissa white-gluz perizoma alissa white-gluz panties alissa white-gluz bra alissa white-gluz bra&panties alissa white-gluz marco materazzi alissa white-gluz kim kardashian alissa white-gluz justin bieber sucks giant rhino cocks alissa white-gluz pees in public alissa white-gluz hair alissa white-gluz dick alissa white-gluz cock alissa white-gluz nunzio lamonaca alissa white-gluz doggy alissa white-gluz bondage alissa white-gluz gangbang alissa white-gluz gang bang alissa white-gluz solo alissa white-gluz alissa white-gluz

“Carrozzi ce l’ha piccolo così. Gliel’ho visto, lo giuro, è così.”

 

15 commenti leave one →
  1. 14 gennaio 2015 11:29

    A “teschio di donne nude” mi stava venendo un conato di vomito dal ridere.

    Mi piace

    • Davide permalink
      15 gennaio 2015 09:01

      wow! quindi quella che sembra una delle piu grosse cazzate, si rivela avere un grosso risvolto culturale. anche in questo caso pero, rimane da capire perche sia finito su Metalskunk! :-)

      Mi piace

    • Matteo Ferri permalink
      15 gennaio 2015 14:46

      Secondo me è più probabile che tra i nostri affezionati Indiana Jones del porno, ci fosse qualcuno alla ricerca delle mitologiche Scopacranio https://larivistasplinder.wordpress.com/2011/12/01/hello-world/

      Mi piace

      • sergente kabukiman permalink
        18 gennaio 2015 16:50

        a me ha fatto venire in mente la scena di buio omega dove sciolgono nell’acido la tipa nuda

        Mi piace

  2. Supermariolino permalink
    14 gennaio 2015 15:22

    Fratello, il resoconto da Amsterdam è da lacrime agli occhi!

    Mi piace

  3. 14 gennaio 2015 22:19

    eppure sono cazzo SICURO che della storia del quadro di Van Gogh avevi accenato in una qualche preistorica shock mail…
    Vorrei inoltre ricordare al popolo tutto che voci considerate (da me, wow!) piuttosto affidabili indicavano petrozza come proveniente da ARISCHIA, il Carrozzi dovrebbe informarvi circa la geolocalizzazione…

    Mi piace

    • lorenzo permalink
      15 gennaio 2015 10:52

      Arischia è un paesello poco sopra l’aquila, semi distrutto dal terremoto, davvero Petrozza viene da lì ? 100% cazzimma abruzzese!

      Mi piace

      • 15 gennaio 2015 14:12

        Conoscevo una ragazza tedesca che abitava (o abita ancora, boh, a L’Aquila venti chilometri a volte sono equivalenti ad una transoceanica) ad Arischia,la quale mi diceva di sapere di ‘sti “tizi tedeschi metallari” che ogni tanto capitavano da quelle parti l’estate…dopo un po’ di ricerche appuro’ che pare che la famiglia di petrozza fosse originaria appunto di Arischia…devo riscandagliare qualche conoscenza autoctona, sempre che riesca a parlare con qualcuno proveniente dai paesi qui intorno senza finire a ettolitri di alcol e cicolane a pressio’…

        Mi piace

  4. Saebi permalink
    14 gennaio 2015 22:20

    Aspettavo il ritorno di questa rubrica come il deserto aspetta la pioggia.
    Ma non è che il meraviglioso resoconto da Amsterdam riguarda Ciccio? Nel pezzo di qualche anno fa “Angela Gossow è una fattona (un appello a Mario Monti) veniva descritto un episodio simile, me lo ricordo perché credo sia stato uno dei primi articoli di questo blog che ho letto e riletto fin quasi a impararmelo a memoria, e allora vi seguivo ancora da poco tempo…

    Mi piace

  5. 15 gennaio 2015 11:01

    chiaramente non posso rivelare l’identità del soggetto, quindi per dirla alla moggi ‘non confermo né smentisco’.

    Mi piace

  6. sergente kabukiman permalink
    16 gennaio 2015 20:52

    tutto ciò è fantastico

    Mi piace

Trackbacks

  1. E CHI SE NE FREGA #7 | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: