E CHI SE NE FREGA #7

simone_simons_live_BiIWhXr.sized

Approfittiamo della prima scusa utile per mettere una foto della cavallona degli Epica a beneficio dei rattusi più old school che non seguono Alissa White-Gluz.

Cari bambini, bentornati a E chi se ne frega, la rubrica, spudoratamente copiata da Cuore, che raccoglie i titoli più stupidi e inutili usciti sul sempre benemerito Blabbermouth.

Iniziamo dal gossip.

La cavallona degli EPICA è diventata mamma.

Sebastian Bach chiede alla nuova fidanzata di sposarlo.

Slash divorzia.

Ma forse a voi interessano le novità discografiche.

I SOULFLY entrano in studio.

È il decimo disco. Qualcuno li fermi.

MARILYN MANSON: in streaming il nuovo album The Pale Emperor.

Sappiate inoltre:

bb

I TOOL danno un breve aggiornamento sulle lavorazioni del nuovo album.

Scherzo, so che molti di voi lo attendono con ansia. Io, personalmente, no.

La earMUSIC caccia l’ex sostituta di Tarja nei NIGHTWISH, Anette Olzon, nove mesi dopo la pubblicazione del primo album solista.

Povera piccola. Ricordo come abbastanza straziante lo psicodramma che riguardò l’allontanamento di Anette dalla band (che vede ormai da quasi due anni Floor Jansen al microfono) ma, chissà perché, non ebbi mai molta voglia di approfondirlo.

Secondo Bjorn Gelotte degli IN FLAMES, gli OPETH sono come i DREAM THEATER ma con vocals più fiche.

Se lo dice lui…

Ace Frehley: non sono un virtuoso e faccio un sacco di errori negli assoli.

Perché sei un drogato.

Rob Zombie fa cinquant’anni.

Auguri.

Si sciolgono i RISE TO REMAIN, il gruppo del figlio di Bruce Dickinson.

In compenso Austin ha già lanciato un nuovo progetto chiamato “As Lions”. Evviva. Non sapevo che Bruce Dickinson avesse un figlio chiamato Austin.

Gli show dei PAPA ROACH sono “imprevedibili” e “spontanei”, asserisce il bassista Tobin Esperance.

Credo di non averli mai ascoltati volontariamente. Qualora anche un solo lettore possa essere interessato, che il dovere di cronaca è il dovere di cronaca, vai col nuovo singolo:

Pronto a breve il dvd didattico del chitarrista dei SEVENDUST.

I Sevendust sono il classico gruppo che ricordi come carino ma hai smesso di seguire nel 2003.

Stephen Pearcy: la porta è chiusa a ogni ipotesi di reunion dei RATT.

I riuniti SNOT (chi?) vorrebbero scrivere nuova musica.

David Draiman: un giorno i DISTURBED si riuniranno.

Mi mancavano i titoli su David Draiman. Grazie, Blabbermouth.

Dave Evans: non seguo molto gli Ac/Dc.

E ci crediamo tutti.

Scott Ian: “preferisco il culo alle tette”.

Se volete esprimervi su questo eterno dibattito nei commenti, fate pure.

Vi lasciamo col nuovo video dei meravigliosi THE AGONIST con la sgallettata greca che, come vi ha spiegato Trainspotting, ha sostituito Alissa White-Spruz, oggi cantante degli Arch Enemy e regina incontrastata delle chiavi di ricerca. Alè:

8 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...