Skip to content

Avere vent’anni: SKINLESS – Progression Towards Evil

28 aprile 2018

Il primo degli Skinless è uno di quegli album che ci mostravano il death metal definitivamente in preda ad una nuova ondata, naturalmente più feroce e tecnica di quanto già fosse la precedente, e che rischiava in un certo senso di minare il genere stesso e la sua integrità, difesa dai classici maturati negli anni passati. Con la sua voglia di strafare e di esaltare le capacità dei musicisti in una maniera che – rispetto al death tecnico dei primi novanta – si poneva ai limiti del parossismo, correre quel rischio portò purtroppo a dei danni reali. La sensazione è che in molti stessero infatti perdendo il controllo: se ne era accorto in anticipo pure un veterano come Dan Swano, che lo rese pubblico esprimendo durante alcune interviste che il genere amato, da qualche tempo, aveva secondo lui perduto quello spirito pop che consentiva ad album come Leprosy di mostrarci grandissime canzoni come Pull the Plug. In realtà egli si stava sicuramente riferendo all’eredità ricevuta dal thrash, al mantenimento della forma canzone ed alla semplicità stessa, terreno di gioco su cui gente come gli Obituary aveva fatto le proprie fortune per un bel po’ di anni. Ma nel 1998 la sensazione di profondo cambiamento divenne più che ricorrente, con i Cryptopsy già al terzo disco – il caotico Whisper Supremacy della favolosa Cold Hate, Warm Blood – ed i Dying Fetus al cospetto del nuovo Killing on Adrenaline. Allievi che strappavano lo scettro di mano ai maestri, alcuni già inattivi o pronti per una ragione o per un’altra ad esserlo. 

Il concetto è semplice: tenendomi fuori dalla banalità o meglio dalla vastità dell’oceano delle etichette, questa nuova ondata di death metal brutale e tecnico cominciò nella maniera giusta – nello stesso anno si registrò anche il debutto dei Nile, che si sarebbero superati oltre ogni limite di immaginazione due anni dopo con Black Seeds of Vengeance – per poi generare una inevitabile classe di mal-indottrinati che, contrariamente al consiglio di Dan Swano, permisero che tutto quanto finisse più o meno in vacca. Senza generalizzare, poiché del buon death metal esce tuttora ed uscirà per molto tempo ancora, ma gli ultimi novanta sono stati probabilmente un punto di rottura di non trascurabile entità. Gli anni dei Suffocation all’apice prima della sosta, e quelli in cui i Decapitated non erano ancora – discograficamente parlando – nati, ma in cui prendevano forma le ultime band che ancora provavano a conservare quel tiro micidiale che il death metal aveva avuto per un decennio intero, a suon di Pierced From Within, Vile e di altre cose meravigliose. Con gli Skinless di Progression Towards Evil e del secondo, e anche più strutturato Foreshadowing Our Demise, si venne a conoscenza di una realtà che si sarebbe mantenuta su altissimi livelli non per molto; e per intenderci, niente sarebbe rimasto sulle vette delle prime due registrazioni in studio anche se in linea di massima non c’è niente – su cui si trovi la loro firma – che io trovi insufficiente. Tecnica ottimamente bilanciata e amalgamata a furia cieca pura: di questo si componeva la ricetta vincente del gruppo di Sherwood Webber, uno dei cinghiali del microfono che avrebbero in breve rivoluzionato ed ulteriormente estremizzato i canoni canori di un genere che, senza dare l’impressione di un imminente declino, iniziava a fare qualche passo in avanti di troppo. Ma ascoltatevi Tampon Lollipops e il suo celebre urlo straziante, posto a metà brano, e vi farà sparare tutto d’un fiato l’intero Progression Towards Evil. (Marco Belardi)

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: