Skip to content

Skunk Jukebox – Alissa White-Gluz e altre storie

4 ottobre 2015

alissa white-gluz boobs alissa white-gluz tease alissa white-gluz sex alissa white-gluz xxx alissa white-gluz toys alissa white-gluz deepthroat alissa white-gluz anal alissa white-gluz hitachi alissa white-gluz bsm alissa white-gluz threesome alissa white-gluz blowjob alissa white-gluz teen alissa white-gluz milf alissa white-gluz gmilf alissa white-gluz nilf alissa white-gluz lolita alissa white-gluz youporn alissa white-gluz youjizz alissa white-gluz free download naked gallery alissa white-gluz bikini alissa white-gluz perizoma alissa white-gluz panties alissa white-gluz bra alissa white-gluz bra&panties alissa white-gluz marco materazzi alissa white-gluz kim kardashian alissa white-gluz justin bieber sucks giant rhino cocks alissa white-gluz pees in public alissa white-gluz hair alissa white-gluz dick alissa white-gluz cock alissa white-gluz nunzio lamonaca alissa white-gluz doggy alissa white-gluz bondage alissa white-gluz gangbang alissa white-gluz gang bang alissa white-gluz solo alissa white-gluz alissa white-gluz

My Eternal Dream è diverso dalle ultime cose degli STRATOVARIUS, troppo pereppeppè, troppo sinfonico, troppo bombastico, sembra quasi opera di un loro gruppo clone del 2002. Comunque vedere materialmente gli Stratovarius senza Timo Tolkki fa proprio impressione, è tipo vedere i Mercyful Fate senza King Diamond, non so. Il pezzo mi sembra scemo quanto il video: la famiglia in bianco e nero tra le macerie della guerra che scappa dal soldato e poi il bambino trova una colomba e la fa volare con intenso trasporto emotivo. Rabbrividiamo. Del resto questi sono riusciti a fare uscire copertine del genere e appartengono a una popolazione che usa gli zoccoli di legno con i calzini bianchi, quindi non è che proprio il buon gusto. Peraltro My Eternal Dream è una delle migliori dell’album, giusto per prendere le misure alla cosa. Carrozzi farà uscire una recensione a breve.

Poi ci sono anche i mirabolanti KAMELOT che non ci fanno mai mancare niente e quindi ci presentano il video dal loro ultimo album Haven (nulla a che vedere con l’omonimo dei Dark Tranquillity, purtroppo) che vede la strabiliante partecipazione della nostrissima Alissa White-Gluz. Avete capito bene: Alissa White-Gluz. Sapete che più volte viene scritta una parola all’interno di un articolo, maggiori sono le possibilità per quell’articolo di essere indicizzato su Google? Insomma sì, posso togliervi qualsiasi dubbio: quella che appare è proprio Alissa White-Gluz. Specifichiamo subito una cosa però: Liar Liar dei Kamelot non è un SEXTAPE, e non vi viene raffigurata alcuna GANGBANG; è meglio mettere le cose in chiaro, nel caso qualcuno potesse pensare che ALISSA WHITE-GLUZ potesse essere coinvolta in un SEXTAPE. Ribadiamo che questo non avviene: ALISSA WHITE-GLUZ non viene coinvolta in alcun SEXTAPE, anzi, la signorina è copertissima e vestita come Rob Zombie vent’anni fa. Ai nuovi lettori che mi avranno preso per pazzo consiglio di cliccare sui link qui sopra. Sono articoli su Alissa White-Gluz. Sul pezzo in sé le cose più argute che riesco a tirare fuori sono che l’assolo è bello, ma troppo corto, e che il break lento sembra una canzone neomelodica napoletana (comprese le immagini del video). 

Purtroppo la nuova dei CHILDREN OF BODOM è proprio una cacatina molliccia senza ragione di esistere. So che nessuno ci si aspetta più niente ormai, ma non sai mai il colpo di coda.

Non avevo invece sentito il disco degli ANGRA con Fabio Lione alla voce e quindi non sapevo cosa aspettarmi da questa Black Hearted Soul. Devo essere sincero: non è per niente male. Mi sembra che la voce di Lione dia alla band brasiliana qualcosa di diverso, forse addirittura qualcosa in più, anche se dovrei recuperare il disco intero per azzardare qualcosa di più definitivo. Nel frattempo DAJE col doppio pedale.

6 commenti leave one →
  1. 4 ottobre 2015 12:44

    Mammamia la copertina di Infinite, non la ricordavo così seapunk.

    Mi piace

  2. bonzo1979 permalink
    4 ottobre 2015 13:02

    l’ultimo angra con lione alla voce è tra le uscite migliori di questa annataccia. tutti gli altri, miei assidui e regolari ascolti tra 97 e 2003, ho quasi paura ad ascoltarli. comunque la suddetta white-gluz, aldià di ogni inevitabile considerazione sessuale, è proprio brava, mi sbilancio. e intendo a cantare.

    Mi piace

  3. fredrik permalink
    4 ottobre 2015 14:04

    io comincio a rompervi la coglia per un articolo sui malevolent creation e il loro ottimo ritorno.

    Mi piace

  4. Vanni Fucci permalink
    4 ottobre 2015 15:02

    Mi manca totalmente l’aspetto “affettivo” perché per motivi di età ho scoperto la band alla fine dell’era Tolkki, ma guardando solo alla musica non c’è paragone tra gli Strato post-Tolkki e quello che lui ha composto dal 2003 in avanti…. e anche a me l’ultimo ha deluso.

    Mi piace

  5. weareblind permalink
    4 ottobre 2015 18:02

    Che dolore i COB, erano così bravini…

    Mi piace

  6. Cattivone permalink
    6 ottobre 2015 20:23

    Ecco, per colpa di questo articolo non posso più leggere Metal Skunk a lavoro che il filtro automatico legge zozzerie sul conto di Alissa e pensa che sia un sito porno.
    Va bene cercare nuovi adepti del demonio, ma almeno cercate di non perdere quelli vecchi!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: