Avere vent’anni: SYMPHONY X – V – The New Mythology Suite

Non so se l’ho già scritto in qualche altra occasione, ma mi mancano questi Symphony X. Non che gli attuali non mi piacciano, tutt’altro (pure se l’ultimo Underworld era un po’ deboluccio), però i Symphony X attuali non sono quelli di V, o meglio, non sono quelli dei dischi fino a V. Sono una sorta di progressive spoglio di quegli elementi progressivi (ehm) e neoclassici che li caratterizzavano nel panorama prog metal dell’epoca con un contemporaneo ispessimento del suono, specie per quanto riguarda chitarra e voce. Russell Allen è sempre un cantante fantastico, e ovviamente Michael Romeo è indiscutibile, ma pezzi come Communion and the Oracle, tanto per dire, non esistono più nella discografia dei Symphony X. Cioè non è che non sappiano più fare bellissime canzoni, vedi le varie When All is Lost o Paradise Lost, ma le atmosfere sognanti e appunto vagamente progressive di Communion and the Oracle o di The Accolade sono finite per sempre. E mi spiace parecchio.

Come mi spiace che adesso Allen ruggisca bene ma si sia scordato di fare gli stacchetti a cappella, che pure contribuivano a rendere il suono dei primi Symphony X così dannatamente personale. Qualcuno li definì un misto di Queen, Malmsteen e Dream Theater in proporzioni variabili e tendenzialmente sono d’accordo per quanto riguarda la prima parte di carriera, anche se la seconda fase è composta più da una salda base Malmsteen con qualcosa dei Pantera e una vaga spruzzata di Dream Theater, insomma tutta un’altra cosa. E i prodromi di quel cambiamento un po’ si avvertivano già in V, che in effetti è il loro primo concept album ed il primo con delle piccole porzioni strumentali a collegare la varie parti: Fallen per dire già è abbastanza dura da poter stare in uno dei lavori che seguiranno, le manca solo la produzione più spinta degli ultimi dischi. È un pezzo che mi piace un casino, peraltro. Ma di V mi piacciono tutte, a cominciare da Evolution fino a Rediscovery che, con dodici minuti e rotti, è la classica piccola suite che di norma chiude i dischi dei Symphony X. Secondo me il miglior album degli americani rimane The Divine Wings of Tragedy, ma V si colloca in una vicinissima seconda posizione. Poi i Symphony X mi piacciono comunque, adoro Michael Romeo e ritengo che restino in ogni caso una spanna sopra a tantissima gente. Però i primi lavori sono un’altra cosa. Gli ultimi belli e tutto, ma i primi rimangono proprio un’altra cosa. Con questo V si chiude un’era, fate un tuffo nel passato e riascoltatelo per i suoi vent’anni, che merita tantissimo. (Cesare Carrozzi)

2 commenti

  • Il mio preferito loro… Non lo ascolto da una dozzina d’anni, bisogna che rimedio

    "Mi piace"

  • Andrew Old and Wise

    Cesare, te lo devo dire, hai espresso perfettamente ciò che anche io penso. The Odissey ( la suite, non l’album intero ) è forse l’ultima cosa che ‘sa’ di primi Symphony X. Concordo sulla debolezza di Underworld, che ha il difetto di voler ostinatamente continuare su una china già discendente. La magia del gruppo era proprio in quella commistione fra tecnica heavy/thrash e spirito neoclassico. Per carità, Iconoclast è un album suonato benissimo ( e certo superiore a Underworld e Paradise Lost), ma, al momento, ho trovato molto più dello spirito Symphony X nell’ultimo album soista di Romeo, non a caso ascoltato varie volte in più rispetto a Underworld, il che mi fa pensare che la colpa dell’involuzione non sia solo sua (certi eccessi da guitar hero ‘nuovo millennio’ a discapito della matrice malmsteeniana) . Metto ‘V’ giusto un passo dietro The Divine Wings of Tragedy ma uno avanti a Twilight in Olympus. E spero cmq che al prossimo giro, se ci sarà, ritrovino un po’ del pathos perduto. Cmq, recensione perfetta.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...