Skip to content

HIGH ON FIRE – Luminiferous (E1 Music)

6 agosto 2015

luminiferousUltimi romantici in un mondo in piena decadenza, gli High On Fire prendono l’assioma di Lemmy “se non piace ai tuoi genitori, allora va bene” e lo portano all’estremo. Il giorno in cui schiatterà, Matt Pike non vorrà essere certo ricordato come grande artista quanto piuttosto come “disturbatore della quiete”. Luminiferous, come qualsiasi dei loro dischi precedenti, è un esercizio nel riportare il metal a casa, un lavoro la cui caratteristica fondante e irrinunciabile è quella di essere fastidioso e non importa certo che il risultato finale possa essere a tratti poco fruibile. Volume, feedback, distorsione. Rumore. E’ in primo luogo un discorso di integrità, gli High On Fire possiederebbero tutti gli elementi per poter fare dischi più carini, di riff ne hanno a tonnellate e anche le intuizioni melodiche non mancano (The Falconist e The Cave, due dei pezzi in cui si fermano un secondo a ragionare, lo dimostrano ampiamente). A pensarci bene, se opportunamente direzionati e senza dover rinunciare a granché in termini di identità, potrebbero tranquillamente provare a fare un disco leggermente più smussato e completo (maturo, si dice)  e nessuno avrebbe nulla da dire. La credibilità di Matt Pike non ne uscirebbe in alcun modo intaccata.

Katy Perry arrives on the red carpet for the 56th Grammy Awards at the Staples Center in Los Angeles, California, January 26, 2014. AFP PHOTO ROBYN BECK        (Photo credit should read ROBYN BECK/AFP/Getty Images)

sei troppo figa, quindi ti perdoniamo

Però il disco maturo degli HoF a cosa servirebbe? A prendere il voto alto su Pitchfork? A fare quindici paganti in più a sera nel tour estivo? Cui prodest? A nessuno, e infatti continuano ad incidere il miglior disco possibile: lo svuotapista, quello che metti su per mandare a casa la gente quando decidi che si è fatto tardi e la festa è finita. La missione degli High On Fire è portare l’ascoltatore allo sfinimento, e dopo quattro pezzi generalmente ci riescono. Vedete voi se finita Slave The Hive non è il caso di mettere un secondo in pausa e farsi un bicchiere d’acqua. Per Luminiferous quindi vale un po’ lo stesso discorso fatto per Time To Die qualche tempo fa; gente come gli HoF o gli Electric Wizard sono più di semplici band, sono guardiani dei confini e i loro album continuano a segnare lo spartiacque tra quello che è una parruccata e ciò che è reale. Viviamo in un mondo  in cui le celebrity hollywodiane si fanno fotografare sul red carpet in posa con le corna e la lingua di fuori. Se entri da H&M, Primark o un altro di questi grandi magazzini puoi trovare senza difficoltà vagonate di magliette di gruppi opportunamente infighettite o giacchette agghindate con loghi di band fasulle. Per strada è pieno di ragazzine col ciuffo fucsia e la maglietta dei Misfits che non hanno mai ascoltato Earth A.D. La pagliacciata incombe, gli High On Fire sono l’antidoto.

14 commenti leave one →
  1. weareblind permalink
    6 agosto 2015 15:32

    Chi è la figa?

    Mi piace

    • chippy_bones permalink
      6 agosto 2015 15:35

      katy perry, zio, katy perry

      Liked by 1 persona

      • weareblind permalink
        6 agosto 2015 17:16

        Va a mio merito, ritengo, non sapere chi minchia sia costei. In ogni caso 4 colpi di nerchia glieli diamo di sicuro. Oggi mi sento cavernicolo.

        Mi piace

  2. Seguace di Vindsval permalink
    6 agosto 2015 15:34

    A me sembra che abbiano cominciato a fare album tutti uguali. La vera sorpresa sono state proprio The Falconist e The Cave, per cui spero che almeno per un disco tirino un po’ il freno.

    Mi piace

  3. 7 agosto 2015 18:40

    Il voto alto su Pitchfork l’hanno preso. Concordo in ogni caso: all’uscita di ‘Snakes for the Divine’ avevo commentato ‘per veri uomini e vere donne’…

    Mi piace

  4. sergente kabukiman permalink
    7 agosto 2015 23:05

    disco pazzesco, ha almeno 4-5 pezzi da insegnare direttamente a scuola tipo the sunless year, matt( che poi gli altri non sono da meno, des è uno dei migliori pestatori in circolazione e jeff viene direttamente dagli zeke quindi vince a mani basse) continua la sua missione: sbattere il vero metal in faccia a una scena che è quanto di più patetico e fichetto si sia mai visto, e a pensarci bene non è una missione da poco. le uniche critiche che mi sento di fare riguardano il fatto che hanno quasi del tutto abbandonato la vena doom rock e i suoni, non so perchè ma ballou continua a darmi fastidio, riesce a rendere i suoni gonfi ma allo stesso tempo più poveri e la cosa mi infastidisce perchè jeff e matt sono tra i pochissimi che ancora oggi prestano attenzione alle distorsioni. secondo me steve albini fece un lavoro migliore limitandosi a mettere i microfoni in sala con la band che suonava in diretta, perchè conscio della ruvida potenza dei 3. ma togliendo queste pippe mentali, questa è roba per veri uomini. (scusate la lunghezza, ma gli hof mi toccano nel profondo)

    Liked by 1 persona

    • chippy_bones permalink
      8 agosto 2015 10:57

      è così, è veramente bestiale. più lo sento e più mi piace. servono tanti ascolti (come per tutti i loro dischi) ma quando passi l’ostilità iniziale ti rendi conto che è zeppo di idee in qualsiasi momento anche in quelli di sbrocco assoluto. in quel che fanno sono tipo senza rivali

      Mi piace

      • sergente kabukiman permalink
        8 agosto 2015 17:24

        verissimo, anche nei momenti più d’assalto ci sono particolari che noti dopo vari ascolti, e pezzi come the falconist sono dei capolavori e te ne rendi conto dopo un po’ di ascolti. secondo me è da troppo tempo che meritano posti alti nei cartelloni dei festival, posti che però non arrivano

        Mi piace

    • weareblind permalink
      8 agosto 2015 15:17

      Per me sono una novità. Belli marci e pesanti, però molto pastosi. Troppo per me, che preferisco un po’ di velocità in più. Me li sto ascoltando un po’ su Spotify.

      Mi piace

  5. Ranx permalink
    14 agosto 2015 20:28

    Finalmente un disco da veri zozzoni. Lo sto ascoltando a ripetizione, davvero bello. Gli High on Fire sono quello che succede mentre sei troppo occupato ad aspettare un nuovo disco degli Sleep.

    Mi piace

Trackbacks

  1. SPEEDFEST 2015 – 21.11.2015, Eindhoven | Metal Skunk
  2. Bonded by Blog: le playlist del 2015 dei tizi di Metal Skunk | Metal Skunk
  3. Year of the Goat: i dischi del 2015 secondo Metal Skunk | Metal Skunk
  4. Avere vent’anni: COLLE DER FOMENTO – Odio Pieno | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: