Skip to content

Matt Pike si mette una maglietta e salva il mondo dagli alieni

14 maggio 2015

High On Fire

La notizia è di quelle che ridefiniscono intere categorie esistenziali e consolidati limiti spazio-temporali: Matt Pike ha indossato una maglietta. Ma attenzione, non si tratta di una delle solite canottiere sporche di ketchup e birra con cui talvolta capita di incontrarlo dopo i concerti. No, stiamo parlando di una t-shirt vera e propria, tipo quelle utilizzate da noi comuni mortali.
L’incredibile evento è stato immortalato nelle foto promozionali del prossimo album degli High On Fire, Luminiferous, in uscita il 23 giugno via eOne Music. Stando alle immagini, Pike sembra aver quasi ultimato la metamorfosi in Danny Trejo, anche se i baffoni alla messicana non sono una sorpresa per chi ha avuto la fortuna di vederlo all’opera ultimamente.

Registrato presso i GodCity Studios del fido e sapiente Kurt Ballou, il successore di De Vermis Mysteriis è anticipato dal singolo The Black Plot, probabilmente il pezzo più ignorante uscito nella prima metà del 2015: solito sound grasso e furioso, ritmica serratissima e headbanging assicurato.
Secondo ciò che il bel Matt ha confessato a Rolling Stone, il brano affronta la spinosa questione di come gli alieni rapiscano la gente e manipolino il nostro passato, presente e futuro: gli extraterrestri, infatti, vivrebbero tra noi fin dalla notte dei tempi e avrebbero costruito sia le piramidi d’Egitto che le ziqqurat mesopotamiche. Il vero problema, tuttavia, è che da millenni queste creature senza cuore si tromberebbero sistematicamente le donne migliori del pianeta, e capite che in tal caso ci sarebbero tutti gli estremi per scatenare una guerra galattica.
Il cantante degli High On Fire, in quanto good human being (cit.), ha perciò deciso di smascherare l’orribile complotto, aprendo gli occhi agli sprovveduti e difendendo la nostra razza con gli unici mezzi a sua disposizione: la voce e i riff.

Non so voi, ma io di lui mi fido ciecamente. Perché Matt Pike non è l’eroe che meritiamo, ma quello di cui abbiamo bisogno.

5 commenti leave one →
  1. Snaghi permalink
    14 maggio 2015 13:25

    perchè la notte è più buia poco prima dell’alba

    Mi piace

  2. Joe Stromboli permalink
    14 maggio 2015 14:59

    Che bell’articolo….pieno di cose belle…davvero mi sento meglio…grazie Matt!!!

    Mi piace

  3. Saebi permalink
    14 maggio 2015 20:58

    È un guardiano silenzioso. Un cavaliere oscuro.

    Mi piace

  4. sergente kabukiman permalink
    15 maggio 2015 13:45

    matt con i suoi high on fire è uno dei pochissimi (oltre a tom warrior e boh?) che può vantarsi di suonare DAVVERO heavy, non è una questione di blastbeat o cazzi vari, è riuscito a prendere il metal anni ’80 e innalzarlo con prepotenza. peccato solo che abbiano ormai perso la vena doom rock che li ha accompagnati fino a blessed black wings che per me è il loro capolavoro

    Mi piace

Trackbacks

  1. HIGH ON FIRE – Luminiferous (E1 Music) | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: