Skip to content

FOLKSTONE – Oltre… l’abisso (FolkStone prod.)

2 dicembre 2014

Questo è il quarto album dei Folkstone, se escludiamo quello acustico, e perlomeno da queste parti era aspettato con un’ansia spasmodica che ormai riserviamo quasi solo agli Alestorm o giù di lì (per altri gruppi il sentimento prevalente è la paura, con conseguenze tipo la notte insonne prima dell’uscita del penultimo Agalloch); un’ansia che in questo caso era dovuta a molteplici fattori, tipo il fatto che il precedente Il Confine fosse un capolavoro maturo e compiuto che si beveva tranquillamente la stragrande maggioranza della scena più in voga in quel momento, quella folk. Per arrivare a parlare di Oltre… l’abisso, bisogna considerare che i Folkstone arrivano da un percorso piuttosto lineare e, nel bene e nel male, l’ultimo album ne è la logica prosecuzione. L’omonimo, nel 2008, era solo un disco folk metal nettamente superiore alla media, con due-tre pezzi entrati di diritto nelle colonne sonore delle scampagnate domenicali in montagna con barbecue e cannoni nello zainetto; per inciso, la sola Alza Il Corno vale parecchie discografie di gruppi più blasonati di loro. Il secondo, Damnati ad Metalla, era una dimostrazione di sensibilità musicale rarissima ed elevava quanto c’era di buono nel precedente a vette di lirismo che, in una scena sempre più arida i cui nuovi portabandiera paiono essere niente meno che gli Eluveitie, sembrava riportare alla magia pastorale dei primi In Extremo. Quelle atmosfere rarefatte sono poi state sublimate nell’acustico Sgangogatt e poi in pratica eliminate nel successivo Il Confine, che vedeva una composizione più quadrata, classica e, in generale, metallara. Il Confine è un capolavoro, ma l’aver iniziato a perdere per strada quella vecchia magia era insieme un gran peccato e un rischio. Il rischio era appunto quello di trovarsi Oltre… l’abisso come quarto disco dei Folkstone; che non è un brutto album, e magari finisce anche in playlist a fine anno, ma è come se fosse il frutto di un altro gruppo rispetto a quello che sapeva comporre delle atmosfere così vere, così vive, che ti faceva sentire davvero orgoglioso che in Italia ci fosse un gruppo così. Ora c’è un gruppo più rodato, con maggiore aderenza alla forma-canzone, di sicuro meno personale e indispensabile; sempre meglio degli Eluveitie, per carità, ma niente che possa riuscire a commuovermi come prima. Prima i Folkstone suonavano come nessuno; adesso in certi momenti sembrano i Modena City Ramblers, in altri i Nomadi, in altri ancora, per fortuna, i Folkstone de Il Confine. Ad esempio: Mercanti Anonimi ha una melodia molto bella, e anche la voce di Roberta è molto bella, però l’arrangiamento mi sembra dozzinale, fatto in due minuti con la mano destra legata dietro la schiena, e davvero pare una cosa uscita fuori dal concertone del primo maggio. Nella mia fossa, per fare un altro esempio, non è frutto di un’evoluzione, ma di una involuzione; persino le canzoni più dirette e semplici del disco precedente, come Non Sarò Mai, erano molto più curate negli arrangiamenti e nella struttura; qui invece spesso sembra che, una volta trovata la melodia giusta, tutto il resto vada in secondo piano, e in qualche modo le cornamuse ce le infiliamo comunque. Ovviamente il disco non è tutto così: confermo tutte le belle parole spese per il singolo In Caduta Libera, che però rimane il picco dell’album. In generale i pezzi migliori sono quelli iniziali, soprattutto Prua Contro Il Nulla, Le Voci Della Sera e Respiro Avido. Non mi è piaciuta neanche la cover di Tex, e d’accordo che il giudizio è parziale perché Tex è la mia canzone preferita dei Litfiba, però anche qui mi sembra che sia stata arrangiata in cinque minuti, esattamente come la arrangerebbe un qualsiasi gruppo svogliato e alle prime armi. Mi dispiace enormemente dovermi esprimere così perché penso che i Folkstone siano la cosa migliore uscita da tutta l’Italia da non so quanto tempo a questa parte, e perché io davvero dopo aver consumato Il Confine avrei voluto non dico qualcosa a quel livello, ma quantomeno un disco in cui riconoscere quello stesso gruppo. (Roberto ‘Trainspotting’ Bargone)

9 commenti leave one →
  1. Luca permalink
    2 dicembre 2014 11:07

    per me le voci sono davvero terribili e troppo in primo piano sul mix. In più certe strutture banali, da sagra del cinghiale, ricordano perfino gli Arkona (però senza figa alla voce). Non esattamente un complimento……

    Mi piace

  2. Pesso permalink
    2 dicembre 2014 11:28

    Il discorso che fai fila, però io non sono d’accordo. Per dire, “Il Confine” mi era piaciuto come disco, ma non sono mai riuscito a vederlo come un capolavoro e soprattutto “Damnati ad Metalla” nella mia classifica personale gli stava due o tre tacche sopra. Sarà che è il disco con cui li ho scoperti, ma all’epoca ci rimasi letteralmente folgorato, mentre il Confine è “solo” un ottimo disco. Detto questo, quando ho messo su “Oltre…l’Abisso” ho ritrovato le stesse emozioni di quando ascoltai “Damnati ad Metalla”. Non che i due dischi si assomiglino, basta stare ad ascoltare i testi per capire che le cose sono cambiate e anche musicalmente c’è una certa differenza. Però questo disco non riesco a smettere di ascoltarlo e per quanto mi riguarda se la gioca come disco del 2014 (ma in fondo fregacazzi, io sono un signor nessuno :-D ). Non è che io riesca a razionalizzare più di tanto questa sensazione, semplicemente mi piace. Tanto. Più de “Il Confine”, più di “Folkstone” e quasi quanto “Damnati ad Metalla”.

    Mi piace

  3. MorphineChild permalink
    2 dicembre 2014 17:07

    il debut dei FolkStone per me è una questione di cuore e fegato, piombe colossali, amici che salgono abusivamente su un furgone e poi si lanciano dal mezzo in corsa, urlare OH MY GOD IT’S GOLDBERG e farsi le spear sui prati del Celtic Fest in quel di Ome

    tolta questa bucolica reminescenza, mi ritrovo completamente nella recensione. Ottima l’opener, qualche altra canzone tra il bello ed il piacevole, ma ci sono 6 brani che non mi dicono nulla. e cazzo, una canzone dei FolkStone che non si ricorda è una canzone inutile! poi dal vivo spaccheranno, come sempre, ma il disco è mediamente deludente

    Mi piace

  4. MELIS PHILIPPE permalink
    1 marzo 2015 12:56

    le meilleur disque de rock celtique de ces 10 dernières années !

    Folkstone est le meilleur groupe Italien de sa génération et avec leur nouvel album “Oltre l’abisso ” ils ont encore progressé ! Cet album est magnifique ! il faut plusieurs écoutes pour se rendre compte de l’extrême qualité des compositions .
    pour l’instant j’ai un faible pour “in caduta libera ” avec son interméde celtique ; ” Mercanti anonimi ” avec la voix magnifique de Roby ; “Le Voci della Sera” avec son final violon /cornemuse et “Nella mia Fossa ” son rythme frénétique et sa cornemuse Ecossaise .
    la voix de Lore est parfaitement exploitée et sylvia est plus présente sur cet album , ce qui enrichi la palette musicale de Folktsone . Je crois que maintenant on ne pourra plus faire de références au Folk Metal Allemand , ( je n’ai d’ailleurs jamais compris ces références car l’utilisation par Folkstone de la cornemuse sur les phrases mélodiques est plus proche de la Bretagne , la Galice ou l’Ecosse que de l’Allemagne ) Folkstone a su créer un nouveau style : le style ” Folkstone ” une musique résolument Celtique , une base rhytmique ” hard rock ” ( mais pas Metal ) des mélodies magnifiques , une touche de féminité enivrante et des textes qui dénoncent toutes les dérives de ce monde .
    alors les Folkstone , encore un petit effort : venez en France !

    Mi piace

  5. MELIS PHILIPPE permalink
    19 settembre 2015 14:49

    Folkstone est le meilleur groupe Italien de sa génération et avec leur nouvel album “Oltre l’abisso ” ils ont encore progressé ! Cet album est magnifique ! il faut plusieurs écoutes pour se rendre compte de l’extrême qualité des compositions .
    pour l’instant j’ai un faible pour “in caduta libera ” avec son interméde celtique ; ” Mercanti anonimi ” avec la voix magnifique de Roby ; “Le Voci della Sera” avec son final violon /cornemuse et “Nella mia Fossa ” son rythme frénétique et sa cornemuse Ecossaise .
    la voix de Lore est parfaitement exploitée et sylvia est plus présente sur cet album , ce qui enrichi la palette musicale de Folktsone . Je crois que maintenant on ne pourra plus faire de références au Folk Metal Allemand , ( je n’ai d’ailleurs jamais compris ces références car l’utilisation par Folkstone de la cornemuse sur les phrases mélodiques est plus proche de la Bretagne , la Galice ou l’Ecosse que de l’Allemagne ) Folkstone a su créer un nouveau style : le style ” Folkstone ” une musique résolument Celtique , une base rhytmique ” hard rock ” ( mais pas Metal ) des mélodies magnifiques , une touche de féminité enivrante et des textes qui dénoncent toutes les dérives de ce monde .
    alors les Folkstone , encore un petit effort : venez en France !

    Mi piace

Trackbacks

  1. FOLKSTONE // NANOWAR @Orion, Ciampino 28.11.2014 | Metal Skunk
  2. Il Natale del Male: le playlist 2014 dei tizi di Metal Skunk | Metal Skunk
  3. Corni, corna e cornamuse: FOSCH FEST 2016 | Metal Skunk
  4. FOLKSTONE // CRISTINA D’AVENA @Luccacomics 2016 | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: