Monthly Archives: novembre 2017

Avere vent’anni: NIGHTWISH – Angels Fall First

Il debutto dei Nightwish, ascoltato nel 1997, non lasciava prevedere niente di ciò che la band finlandese sarebbe diventata successivamente. E cioè, nell’ordine: nuova sensazione del power metal, poi idoli per le goticone e, alla fine, gruppo spaccaclassifica con chitarrine all’acqua di rose, sempre con la costante di essere la band più amata dal pubblico femminile dei festival. Riascoltandolo adesso,

Continua a leggere

A METALHEAD AND ITS FISHING TRIP: i cinque dischi da ascoltare mentre siete a pescare

Il web pullula di immagini di George Fisher dei Cannibal Corpse con in mano salmonidi o centrarchidi catturati nelle acque locali. Spero solamente che non sia stato il cognome ad avvicinarlo a questa diffusa pratica, bensì il soprannome Corpsegrinder, poiché sono piuttosto sicuro che se ne nutra mentre sono ancora vivi o in preda ai riflessi post-mortem. Io non ho un

Continua a leggere

Sessantenni che non hanno capito come stanno le cose: DANZIG – Black Laden Crown

Per uno come Danzig ero pure disposto a chiudere un occhio: sette anni fa mi è capitato di doverlo fare con Deth Red Sabaoth, un disco che ha fatto schifo a un sacco di gente, ammettendo che vantava una discreta opener e che perlomeno nella prima metà si difendeva benino. La verità è che all’ex voce dei Misfits voglio particolarmente bene. Questo

Continua a leggere

THE IMMOBILIZER è uscito dal gruppo

Non so se vi ricordate degli australiani Lagerstein. Ne parlai in questo articolo, quando suonarono di spalla agli Alestorm in una data romana, lasciando un ricordo indelebile del tutto slegato dall’aspetto musicale. Non ricordo una nota di quella band, che non ho peraltro mai più ascoltato, ma li porterò per sempre nel cuore per i seguenti motivi: sono stati i

Continua a leggere
« Vecchi articoli Recent Entries »