Skip to content

Musica di un certo livello #17: PROGENIE TERRESTRE PURA, SKILTRON, TYR

10 febbraio 2014

03

E dopo cena me ne torno di là per onorare il rituale serale sigaretta/bicchierino di Fundador/peto allegro-ma-non-troppo-che-mi-sentono; cerco di trovare una posizione vagamente accettabile su quella maledetta seggiola ergonomica, comoda quanto la croce di Cristo, che ho preteso di avere in casa versando tante centomilalire del vecchio conio all’azienda svedese specializzata in ‘sto cazzo perché l’intenzione era quella di non diventare gobbo e mi appresto a scrivere, perché devo fare l’introduzione a questo pezzo. Penso sia arrivato il momento giusto per affrontare il discorsone MA DOVE STA ANDANDO IL BLACK METAL? Eh, ma dove starà andando ‘sto scemo? Così, mentre ci ragiono, smanetta qui, spippola là, ti scopro il nuovo pezzo dei Fadades ed è un attimo che perdo la capacità di intendere e di volere rapito dall’alieno canale Youtube del tizio dei Fadades. Chi è Tatiana? Tatiana è l’amica mia grassa, tarmente grassa che se sale sulla bilancia, la bilancia je fa: fermete! Te peso a occhio. Il tizio dei Fadades, dovete da sapere, è una specie di goblin skywalker assetato di sangue e carico di livore nei confronti di tutto ciò che vive e respira. La rabbia disumana gliela puoi leggere negli occhi (che ogni tanto si illuminano tipo un gatto di notte) e nelle smorfie di questo viso deforme che si storce, se contorce; ‘ste mani che imprecano la madonna alsaziana e che fanno tutte ‘ste mosse nervose che semmevienisolopiùvicinoteaprocomenacozzateloggiuro. Immagine4E sta così incazzato dentro che non sa che deve fare, trema tutto, ti imbruttisce, fa le linguacce; epperò trema perché non riesce ad esprimersi, vorrebbe scatenare l’inferno in cielo come in terra ma non c’ha proprio un filo di voce. Cioè, è spompato come una ruota bucata e non gliela fa a cacciare fuori tutta la cattiveria compressa che se lo magna dall’interno. Fa questa faccia infastidita tipica del bambino che si sforza di cacare nel pannolino e che poi ti guarda con un’espressione tra il disprezzo e l’interrogativo tipo ‘embé, volevi che la facessi e l’ho fatta, puliscimi adesso stronzo’. Ma che da piccolo lo chiudevano in un sacco e lo bastonavano come si fa coi pitbull da combattimento affinché diventasse un vero blackster?  Qualcuno aiuti quest’uomo a smettere di soffrire. Vabbé, niente discorsone su dove ha deciso di andare in vacanza il black metal che è finito lo spazio a disposizione. Ora comincia il pezzo, quello vero, il nuovo video dei Fadades ve l’ho messo alla fine.

Progenie-Terrestre-Pura-U.M.A.PROGENIE TERRESTRE PURA – U.M.A. (Avantgarde Music)

Qualcuno ha azzardato definirli space black metal. Discettando con l’oscuro Manolo Manco, nuovo e pregiato acquisto di codesta rivista digitale, ci si diceva che un tale appellativo poteva stare bene, al limite, agli Oranssi Pazuzu. E comunque queste definizioni cominciano un po’ a darmi ai nervi ma non è colpa loro e poi i PTP sono italiani e noi, generalmente, vogliamo bene agli italiani. Ci hanno fatto discutere, un poco. A Giovanni, per esempio, sono piaciuti tanto, qualcuno ha promesso che li avrebbe ascoltati, non so tutti gli altri che ne pensino. Anche in me i Progenie hanno destato interesse ma non riescono a sfondare il muro della mera curiosità. Purtroppo per loro, dopo l’abuso di post-bm dell’anno scorso, ho deciso di inaugurare il 2014 con un ritorno al tradizionalismo black metal più reazionario possibile quindi non me la sento di dare giudizi definitivi, né tantomeno umorali, soprattutto su degli esordienti, dall’aspetto un po’ nerd, ma così bravi e coraggiosi e che tanto endorsement hanno di già raccolto. Se se ne riparlerà sarà solo per merito loro, anche se il black metal non sarà probabilmente la migliore chiave di lettura per farlo.

31739521SKILTRON – Into The Battleground (Hellion Records)

Alla pugna coi belli e impossibili Skiltron. Diamine come pompano questi. Sono i cloni degli Skyclad ma c’hanno la cazzimma dei Grave Digger più cciovani e la quadratura crucca degli assoli alla Running Wild. Sono argentini, il che te li fa amare quasi a prescindere. Per intendersi, questi fanno una roba tipo celtic metal, con le cornamuse, le war drums, i kilt e il restante corredo marziale, parlano di Bannockburn e il loro moniker sta a significare una formazione da battaglia tipica dell’esercito scozzese. Ma vengono da Buenos Aires. E nei primi quattro pezzi è tutto un fantastico pompare di cori e tamburi fino all’apex rappresentato dalla stupenda On the Trail of David Ross, dopo la quale si viene schiaffeggiati dall’assurdo power death flamenco di Besieged By Fire, per poi ricominciare coi ritmi marziali, maschi e cazzuti, che a noi gran frocioni fanno dare di matto. Hanno molto a che spartire con quei collettivi folk tipo Folkearth/Folkodia ma viaggiano su tragitti più strettamente heavy metal e non sbagliano una virgola. Da segnalare infine che si avvalgono della collaborazione di uno zampognaro fenomenale e, in The Rabbit Who Wanted to Be a Wolf, di Jonne Järvelä. Disco da consumare.

Tyr-ValkyrjaTYR – Valkyrja (Metal Blade)

Noi abbiamo tante cose belle. Per questi invece è un casino: dopo anni passati a parlare di Valhalla, vichinghi e balene, ma che ti inventi? Sulla carta i Týr hanno tutto quello che dovrebbe farmi andare fuori di testa. Sono infatti identificati nel filone (filone?) progressive folk metal. Nei fatti non mi hanno mai detto più di tanto e quest’ultimo corso intrapreso con Valkyrja poi non ha veramente nulla a che spartire con le suddette categorie. Resta più un disco power che altro e neanche malaccio, insomma, però trascurabile. Alcuni momenti nel disco sono piacevoli (tipo l’opener tamarra, il pezzo cantato in lingua madre, Fánar Burtur Brandaljóð bingobongo, e quello che parla di fica, Mare of my Night) mentre in altri è molto difficile trattenere lo sbadiglio. Alla cover di Where Eagles Dare, invece, la palpebra dell’occhio destro ha iniziato a sbattere da sola e a quella di Cemetery Gates ho definitivamente perso il controllo di entrambe. Rispetto al passato (per coloro che ne ricordano gli esordi) sembrano un bel po’ spompati e fuori fuoco, sebbene qui si siano avvalsi delle pelli di quel warhorse di razza che di nome fa George Kollias (Nile), il quale si limita a timbrare il cartellino eseguendo una prestazione ordinaria, nonostante i frequenti e repentini cambi di tempo e la precisione impeccabile che lo contraddistinguono. Peccato perché con un filo in più di personalità avrebbe potuto addirittura ribaltare le sorti del disco. Poi ci sta pure quella bonazza di Liv Kristine, l’indimenticata, dolce, voce di Aégis, il mio disco da lenzuola preferito. Nemmeno il carro di buoi vi servirà a indorare la pillola. Ecco, magari rispetto a questo dibattito sull’uccisione ‘eticamente responsabile’ delle balene delle Fær Øer (Heri Joensen, che pare abbia molto a cuore l’argomento, si raccomanda di usare sempre la lancia spinale con la giusta cautela) potete trovarmi pure d’accordo. È un animale bellissimo, indifeso e sarebbe un peccato farlo soffrire inutilmente, ma io sto ancora aspettando che Giuliano D’Amico se ne scenda a Roma con la bistecca di balena che mi promette ormai da anni. (Charles)

Ok, fine. Tanto lo so che siete arrivati fin qui solo per vedere questo:

8 commenti leave one →
  1. Scene_six permalink
    10 febbraio 2014 11:02

    Grandi Progenie Terrestre Pura, ascoltate il disco che è davvero bellissimo!

    Mi piace

  2. sergente kabukiman permalink
    10 febbraio 2014 11:53

    sto fadades è uguale a un mio amico. che bello!

    Mi piace

    • Luca permalink
      10 febbraio 2014 22:00

      il video dei Fadades lo dice chiaramente “dove va il black metal”, al manicomio…comunque è già un grande risultato rispetto alla discarica, dove lo porterebbero i dimmu borgir & co.

      Mi piace

  3. fredrik permalink
    10 febbraio 2014 22:39

    PTP una spanna sopra tutti… per me una delle poche evoluzioni del black metal che mi sento di seguire e supportare,

    Mi piace

  4. 11 febbraio 2014 17:17

    PTP uber alles

    Mi piace

  5. Phlegias permalink
    11 febbraio 2014 23:08

    Dalle mie parti per i Fadades si dice: Ogna piggliadda bba lu guru….
    Dai è una presa in giro, non può essere seria la cosa….

    Mi piace

Trackbacks

  1. Fare la rotta di Kessel in meno di 12 Parsec con Darkspace e Progenie Terrestre Pura | Metal Skunk
  2. Radio Feccia #16 | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: