Skip to content

RUNNING WILD – Resilient (SPV)

20 novembre 2013

running wild pentagramLa premessa, prima di iniziare a parlare del nuovo Running Wild, è che a me il precedente Shadowmaker era piaciuto tantissimo. Ne ho parlato qui e da allora quel disco è stato eletto a colonna sonora ufficiale di svariate cene-sfascio insieme a Ciccio e Charles, fidati compagni del culto dell’amatriciana. Lo dico perché al resto del mondo Shadowmaker ha fatto pressoché unanimemente schifo; e davvero, mi dispiace per tutti loro. Non ci si poteva aspettare un disco al livello di Port Royal, e fin qui siamo d’accordo; ma non ci si poteva aspettare neanche un disco sullo stile di Port Royal: Kasparek è cambiato, noi siamo cambiati, tutto è cambiato. Oddio, in realtà Kasparek non è cambiato mai (e neanche noi, alla fine), però se Shadowmaker suonava più hard rock, meno veloce, meno pompato, meno sparato e con un profilo più basso rispetto a Port Royal i motivi penso che siano pure abbastanza palesi. Rimando alla mia vecchia recensione e nel frattempo invito tutti a riascoltarlo con un animo più rilassato. Ora parliamo di Resilient.

Resilient, quindicesimo album della lunghissima e onoratissima carriera dei Running Wild, è molto simile al precedente per stile e per produzione. Però i pezzi sono generalmente meno carini. Potrebbe esserne un “part II”, come se i due dischi fossero stati scritti e registrati insieme, con il secondo che si è beccato gli scarti. Resilient si riduce fondamentalmente a tre canzoni: The Drift, Desert Rose e Fireheart, che arrivano a metà disco dopo una serie di pezzi mosci iniziali, e con le quali inizi a pensare che dai, se anche le successive sono tutte così magari si può pensare di mettere il disco nella playlist di fine anno. L’assolo di Fireheart, in particolare, è una di quelle cose per cui ringrazi il Signore di ascoltare heavy metal. Invece, appena finita questa tripletta, ci si ammoscia di nuovo con la successiva Run Riot, e via dicendo. Il lungo tentativo epico in chiusura è brutto e noioso come tutti i lunghi tentativi epici in chiusura dei dischi dei Running Wild, e qui quantomeno siamo in linea con la tradizione. Si sente che Rock’n’Rolf ci crede ancora tantissimo e che soprattutto si diverte ancora, ma purtroppo stavolta, pur credendoci, siamo noi a non divertirci.

Alla fine Resilient è sul podio dei dischi peggiori mai fatti dai pirati di Amburgo, e ve lo dice chi ancora riascolta spessissimo Shadowmaker. Chiaramente tutto ciò non frega niente a nessuno perché l’importante è che loro siano ancora in giro così da poterli vedere dal vivo e fare casino su Powder & Iron. Sempre viva. (barg)

running wild meme

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: