Skip to content

Fare la rotta di Kessel in meno di 12 Parsec con Darkspace e Progenie Terrestre Pura

14 dicembre 2014

maxresdefault

Ossessione e inquietudine. Due parole potrebbero bastare a riassumere l’essenza di questa strana entità. Invece, se volessimo cimentarci nel descrivere di quale genere si tratta, avremmo bisogno di spendere qualche parola in più. La base è un black metal atmosferico; sopra, in mezzo e in ogni dove, sono stratificati suoni disturbanti e rumori provenienti dallo spazio profondo che ci porterebbero a parlare di drone music, di elettronica, di dark ambient, di avantgarde. Il minimalismo e una logica ferrea nel numerare in modo progressivo i brani di ogni album la fanno da padrone, insieme a una gelida drum machine e uno screaming cacofonico. Le figure dei tre svizzeri, Zorgh, Zhaaral e Wroth (nomi che non a caso sembrano usciti da un cult movie fantascientifico degli anni ’50), sono altrettanto inquietanti. Dark Space III I è il quarto full-length (gli altri, per la cronaca, sono III, II, I e poi la demo -I) e sembra perfetto come colonna sonora di uno degli Alien a caso. Per chi necessitasse di una immediata full immersion nel più profondo stato di angoscia c’è il link alla pagina Bandcamp del gruppo. 

interstellar

Se i Darkspace mi fanno pensare a un viaggio senza ritorno dentro un wormhole, i Progenie Terrestre Pura è facile immaginarseli rilassati sulla plancia di un incrociatore nel fare rischiosissimi slalom tra le comete della nube di Oort. Pur avendo messo agli atti un ottimo esordio, al momento preferisco i due giovani veneti in questa veste puramente elettronica e sci-fi ambient. “Se se ne riparlerà sarà solo per merito loro, anche se il black metal non sarà probabilmente la migliore chiave di lettura per farlo”. Così dicevo dopo aver ascoltato U.M.A. e sembra che i fatti mi stiano dando ragione. Va anche considerato che siamo solo agli inizi della carriera dei PTP e Asteroidi è un EP, quindi è tutto ancora da vedere. Se queste sono le premesse, sono realmente curioso di scoprire come si evolveranno. (Charles)

5 commenti leave one →
  1. fredrik permalink
    14 dicembre 2014 16:13

    i PTP sono stati una delle migliori uscite recenti, sarà che l’avantgarde “alla norvegese” non mi piace molto, invece questo modo di reinventare il black metal lo trovo originale e mi prende non poco. idem per i darkspace anche se sono ben più feroci… roba da pianeta yuggoth :-)

    Mi piace

    • Charles permalink
      14 dicembre 2014 20:58

      i Darkspace ammetto di non averli seguiti con la giusta attenzione, fino ad ora. devo dire che sono veramente disturbanti. anche i due album precedenti meritano.

      Mi piace

Trackbacks

  1. Il Natale del Male: le playlist 2014 dei tizi di Metal Skunk | Metal Skunk
  2. Musica di un certo livello #22 | Metal Skunk
  3. Musica di un certo livello #23: MANEGARM, MOVIMENTO D’AVANGUARDIA ERMETICO | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: