Vai al contenuto

La finestra sul porcile: Through The Never

11 novembre 2013

MET_Never_TeaserPoster_2013-05-17_3D_TypeArchiviati con più danni che altro i due capitoli che dovevano segnare la loro rinascita artistica, i Metallica tornano a fare quello che hanno fatto negli ultimi venti anni: inventarsi cazzate per mascherare la totale mancanza di idee. Se l’idea del ritorno al sound classico dietro Death Magnetic era l’ultima carta spendibile ed è stata giocata male, ancora peggio è andata a finire con Lulu, album di una bruttezza tale che lo renderà nel tempo oggetto di culto e che tragicamente risulta essere l’ultima cosa incisa dal grande Lou Reed.
Riposta qualsivoglia velleità artistica, si diceva, i Metallica ritornano a mettere in scena il grande spettacolo di se stessi, dei loro ego gonfiati e delle loro chitarre tronfie, una band alla costante ricerca del primato delle fregnacce (proprio pochi giorni fa annunciavano il primo concerto rock di sempre in Antartide o qualche altra stronzata del genere). Through The Never, ‘il film’ dei Metallica, si inscrive perfettamente in questa serie di operazioni volte ad ottenere inutili primati di qualche tipo; posso immaginare il borioso Ulrich affermare “siamo la prima band al mondo fare un film in 3D” o qualche amenità del genere. Perché è ovvio che Through The Never è solo una parruccata per mascherare l’ennesimo live / dvd truccandolo per qualcosa di diverso e mai fatto prima. L’operazione è poi ancor più senza senso se ripensiamo alla band integerrima dei primi album: ricordate quelli che si rifiutavano di fare i clip promozionali, quelli che il primo home VHS che fecero uscire era una raccolta di bootleg video di pessima qualità volta ad omaggiare il grande soldato caduto che rispondeva al nome di Cliff Burton? Questi tizi il nostro rispetto se lo erano meritato per davvero, non solo per i dischi clamorosi che avevano inciso ma anche per essere alfieri di una purezza metallara e una visione del mondo che poteva e doveva essere presa come esempio da imitare.

ricordiamoli così

ricordiamoli così

Il presunto film è quindi in realtà un semplice concerto al quale al quale si sovrappone una storia senza senso che vado brevemente a sintetizzare: un roadie del gruppo deve recuperare una borsa dal contenuto misterioso (la valigetta di Marcellus Wallace insomma) e per farlo gliene succedono di tutti i colori. Through The Never è la pornografia secondo i Metallica, una trama insulsa al servizio delle scene hot, con James Hetfield al posto di culi e tette. Le ricordate le scene recitate dei pornazzi? Certo che le ricordate, erano quelle che si potevano mandare avanti in fast-forward perché totalmente irrilevanti. La classica situazione tipo: lei suona il campanello del vicino, lui apre, lei si presenta. “Ciao sono Tiffany mi sono trasferita da poco dall’Illinois”. Lui: “Piacere, sono Bobby, lo sai che hai delle tette meravigliose? Entra, ti offro qualcosa da bere.” Lei gli slaccia la patta dei pantaloni e finiscono a scopare sul tavolo della cucina.
Ecco, il tenore della trama del film è di questo tipo, ma qui è talmente senza senso che fa sembrare il finale di Lost una cosa quasi comprensibile. Il problema vero è che però un film porno forse possiede più soluzioni possibili all’interno delle scene d’azione: può arrivare il postino, lei può chiamare una sua amica che passava di là e per caso, può finire benissimo in gang bang senza che uno stia a farsi particolari domande. Qui invece sai benissimo che bisognerà passare per Enter Sandman e Master Of Puppets (che poi, ricordiamolo, è una canzone contro la droga). Insomma, si sfiora il paradosso che sia un film porno in cui la cosa che delude di più è proprio la trama. La scaletta ovviamente è poi impietosa nel fotografare una carriera tragicamente in discesa, unico brano degno del periodo non classico è quella The Memory Remains che all’epoca (geni!) riuscirono a rovinare con il tragico apporto di una Marianne Faithfull in versione Gabriella Ferri.
hetfieldUno dei pochi momenti fichi del film è quando il palco crolla e loro attaccano a suonare sotto poche luci e con solo l’essenziale. Peccato che sia tutto finto e soprattutto già visto e noto dai tempi del tour di Load, quindi Hetfield che si aggira con fare preoccupato prendendo poi la decisione di continuare lo show è solo l’ennesimo documento del falso storico che questi tizi oggi rappresentano. E mi piange davvero il cuore a dirlo, perché io a quattordici anni a questa gente avevo consegnato tutto me stesso, sono state persone importanti per me. Quando attaccano Hit The Lights qualcosa nel mio profondo ancora si smuove, quello è il primo pezzo del disco che in assoluto mi ha traumatizzato di più. Kill’em All è il primo album metal che ho assimilato e adorato in maniera cosciente e consapevole, quei trenta secondi di casino iniziale sono il mio personale big bang, la scossa che ha dato origine a tutto, come se qualcuno mi avesse acceso l’interruttore e mi avesse ficcato un jack su per il culo. A metà canzone però mi rendo conto di quale sia il problema, io questi tizi che suonano non so chi siano: c’è un gorillone che si aggira ridicolo completamente slegato dal contesto, un tizio semi pelato con la pancetta e la faccia da cazzo che suona la batteria, poi c’è questo omone coperto di tatuaggi che sta lì a cantare e fa le facce cattive ma non ci crede manco lui. Boh, non lo so, io me li ricordavo diversi: sobri, essenziali, gente in missione per conto del metal. Ricordavo una roba in cui non c’era alcuno spazio per le cazzate e invece mi ritrovo al circo. Sai quando la ragazza del liceo ti dice che non ti ama più, ti dice che sei cambiato. Tu stai lì e pensi a “che stronzata, ma questa di cosa sta parlando?” Cara Maddalena, io l’ho capito solo oggi al cinema quello che intendevi, sono dovuti passare vent’anni ed è stato necessario sottomettermi volontariamente a quell’impietoso spettacolo del tempo che passa che si chiama Through The Never. Cari Metallica, siete cambiati, non siete più quelli di una volta e io non ho nessuna intenzione di guardarmi indietro. Mi sa che stavolta fra noi è finita per sempre. (Stefano Greco)

10 commenti leave one →
  1. Luca Dell'Oca permalink
    11 novembre 2013 12:16

    Certe cose dovrebbero rimanere nei ricordi e non essere più ravvivate.
    E’ come quando ritrovi la bellona del liceo su facebook dopo 20 anni, e adesso ha la panza, le rughe, e un faccione da melone; in un attimo ti sei distrutto due decenni di ricordi.

    Io mi sono fermato al black album, da li in poi per me non esistono più. Vedere Avril Lavigne che su MTV ricantava Fuel (che già mi faceva un pò schifo in originale…) e soprattutto loro in platea a sorridere gioiosi di questa cosa, è stato il chiodo definitivo sulla bara di questo gruppo.

    Ricordo nel video del making of del Black Album Newsted che scherzava dicendo “coi soldi che stiamo facendo potremmo comprarci uno Stato”. Ecco, avrebbero dovuto farlo, e ritirarcisi nell’aura del mito di chi erano. Ma han voluto sputtanare tutto restando in giro….

    "Mi piace"

  2. yukluk permalink
    11 novembre 2013 16:47

    Bellissimo articolo, scritto con il cuore, penso che in migliaia di persone si ritroveranno nelle tue parole…
    Il fatto è soltanto uno, sono ormai diventati dei signori milionari borghesi.. fine della discussione.. ricordiamoli come erano e le emozioni che ci davano.. e lasciamo che si arricchiscano però dalle tasche di altri, non dalle nostre..

    "Mi piace"

  3. halbermensch permalink
    11 novembre 2013 21:19

    gran bell’articolo…mi hai smosso un misto di malinconia e rabbia. Ma forse fa parte del gioco illudersi fino all’ultimo senza accettare la realtà (quasi 20 anni ormai): fanno schifo anche a loro stessi, ma ci campano co’ ste stronzate e continuano a brutalizzarci i ricordi.
    Proprio come una donna a cui hai donato il cuore e ti tradisce con il tuo migliore amico.

    "Mi piace"

  4. Supermariolino permalink
    11 novembre 2013 23:49

    Amen!

    "Mi piace"

  5. pepato permalink
    12 novembre 2013 10:33

    Il concerto in Antartide mi ricorda il pilot di Metapocalypse….

    "Mi piace"

  6. sergente kabukiman permalink
    12 novembre 2013 15:19

    per me so praticamente morti dopo kill ‘em all(scusate, ma neanche quelli dopo sono mai riuscito a digerire)..ma in effetti la rabbia ci sta tutta, va bene crescere, ma sputare sulle convinzioni di un’intera carriera non va bene

    "Mi piace"

    • yukluk permalink
      12 novembre 2013 17:34

      Ognuno ha i suoi gusti e non li discuto, ma caspita, dopo il primo album già non ti piacevano più? Quasi un talebano sei :-P scherzo ovviamente.. ;-)

      "Mi piace"

  7. max von g permalink
    16 novembre 2013 10:00

    la foto di loro agli inizi e di Hetfield stile Briatore in infradito con la busta di Armani dice tutto.. mi fanno schifo e pena.. io non ce la faccio più neanche a sentire i vecchi dischi per la repulsione..

    "Mi piace"

Trackbacks

  1. Mai più senza: la raccapricciante moda dei maglioni natalizi dei gruppi | Metal Skunk
  2. Avere vent’anni: SOULFLY – st | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: