Skip to content

Continua la pausa riabilitativa, niente tour per Jeff Hanneman

5 maggio 2012

E insomma, ve ne aveva già parlato il buon Ciccio in questo post. Io che all’epoca manco ero scribacchino per Metal Skunk non seppi se prendere la questione sul serio o sperare in una tranquilla convalescenza.

Però non solo col passare del tempo il buon Jeff non ha accusato alcun miglioramento, abbiamo anche scoperto che la situazione è possibilmente peggiorata. Se in principio la situazione aveva addirittura lasciato intravedere la possibilità di amputazione dell’arto, attraverso un coma farmacologico i medici sarebbero riusciti ad asportare i tessuti intaccati. In un anno ha ripreso a camminare, ha subito trapianti e ha ripreso dimestichezza con lo strumento, da cui il bis al Coachella durante lo show dei Big Four.

Ma la riabilitazione ha i suoi tempi e quindi, coi lucciconi agli occhi, gli Slayer stessi comunicano ai loro fan l’attuale stato della loro ascia.La band continuerà quindi come l’anno scorso a girare per palchi con il buon Gary Holt alla chitarra e, per la gioia di tutti i fan che credono che gli Slayer siano ancora una band da disco supremo ogni anno, annuncia anche la stesura e registrazione di nuovo materiale per il prossimo album, che dovrebbe rientrare in carreggiata non appena la band concluderà il tour.

Noi di Metal Skunk non possiamo che unirci nella speranza che Jeff stia bene, che la sua riabilitazione abbia successo e che sul prossimo disco possiamo ascoltare le sue dannate impennate di chitarra a leva scatenata.

All the best.

Postilla: pare che mo’ Gary Holt per poter sostituire Hanneman sul palco dovrà rinunciare agli impegni presi in precedenza con gli Exodus e al suo posto ci sarà, rullo di tamburi, Rick Hunolt, l’altro chitarrista originale, che se ne era andato in modo non propriamente amichevole, così come Steve Souza, dopo Tempo Of The Damned. L’idea di vederli senza l’unico membro che ha suonato su tutti i loro album ci fa un po’ specie. Gli Exodus sono Gary Holt. Messa così pare che metta i soldi al di sopra della sua band, che non è un gruppo del cazzo che si è riunito per qualche patetico show in qualche festival estivo secondario della provincia crucca più remota. Anzi, la loro è una delle reunion meglio riuscite in assoluto insieme agli Accept. Però senza di lui gli Slayer non potrebbero andare in tour e ciò ovviamente avrebbe conseguenze devastanti su tutto l’equilibrio universale. Boh, è una questione complicata.  (Ciccio Russo)

3 commenti leave one →
  1. cultistapazzo permalink
    5 maggio 2012 14:27

    io sono un fan che crede che gli Slayer siano ancora una band da disco supremo ogni anno!!!!!!

    daje Jeff! dai cazzo!

    Mi piace

  2. Randy Rozz permalink
    5 maggio 2012 23:36

    secondo me jeff si fa(ceva) le pere come gran parte dei thrasher dell’epoca (Mustaione, Rick Hunolt etc). A sta roba del ragno ci credo poco…come dire che Kerry è grasso perchè c’ha le ossa grosse.

    Mi piace

    • 7 maggio 2012 16:34

      Jeff ha avuto i suoi bei problemi di coca e alcolismo, come tutti i quattro Slayer. Però non è tanto il morso di ragno in sè il problema, quanto la terribile fascite necrotizzante che ne è conseguita. Ed è una bruttissima bestia: se il medico non l’avesse diagnosticata in tempo, sarebbe morto quasi di sicuro.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: