Vai al contenuto

VIRGIN STEELE – The Black Light Bacchanalia (SPV)

3 novembre 2010

Posto che il precedente Visions of Eden era una roba talmente tremenda che mi sono rifiutato di sentirlo più di due volte dopo averlo comprato, lo sconforto e il senso di rassegnazione con cui mi sono accostato a The Black Light Bacchanalia sono stati talmente forti che, dopo averlo sentito le prime due volte, mi ero convinto che fosse un discaccio orrendo e avevo anche cominciato a scrivere una lunga recensione imperniata fondamentalmente intorno ad un interminabile pippone iniziale sui cartoni animati delle tartarughe ninja. Ovviamente detta così sembra una cosa imbecille ma posso garantire che mi serviva per arrivare al punto. È successo che, mentre scrivevo la recensione e riascoltavo il disco (ho un processo di composizione lento, posso metterci ore a scrivere un articolo, anche se poi per la maggior parte del tempo scrivo e cancello e poi la recensione finale la scrivo di solito di getto in mezz’ora, e mentre faccio tutto questo ascolto ossessivamente il disco che sto recensendo), ho cambiato idea. Succede, no? Solo gli stupidi non cambiano mai idea. Quello che è successo è che ho trovato il senso del disco, la sua poesia. Allora ho cancellato tutto quel pippone sulle tartarughe ninja e ho ricominciato da zero, ed eccomi qui. The Black Light Bacchanalia è un disco d’accademia, e questa è comunque la cosa più evidente appena si preme play. Riprende pedissequamente gli stilemi dell’ultima loro parte di carriera, da Invictus in poi, addirittura stereotipizzando alcuni tratti caratteristici, specie nella voce di DeFeis. Il minimalismo degli ultimi album qui è teorizzato, reso paradigma, e più che negli altri è esso stesso l’essenza dell’epicità dei Virgin Steele. Sarebbe complicato spiegare in cosa consista questo minimalismo, dalla scarnezza dei riff alla monotona ossessività delle linee di batteria, ma chi non ha ascoltato quantomeno Invictus e il primo House of Atreus non dovrebbe stare a perdere tempo a leggere le mie righe ma dovrebbe procurarseli al più presto e morire sulle note di Veni Vidi Vici

I Virgin Steele dell’anno duemiladieci sono un gruppo molto più intimista che in passato. La fregatura sta tutta nell’opener, By The Hammer Of Zeus (And The Wrecking Ball Of Thor), altisonante e strombazzante almeno quanto il suo titolo, una specie di Kingdom Of The Fearless tamarra e spinta al parossismo del panzone che rutta al festival tedesco: per il resto il disco ha un’atmosfera soffusa, in punta di piedi, ammantata di una malinconia autunnale che poco ha a che spartire con il lato ottantiano ortodosso della band. Ci sono sprazzi di lirismo intenso: la doomeggiante To Crown Them With Halos, howardiana ai livelli di Hail to England; la splendida ballad The Torture’s Of The Damned, che ricorda Garden of Lamentation; la struggente Eternal Regret; e così via con altri superlativi sparsi. Poi c’è When I’m Silent (The Wind Of Voices), pezzo paraculissimo col ritornello sullo stile delle ballatone street anni ’80 con assolone alla Slash incluso, ma che poi ritorna Virgin Steele con un favoloso crescendo tra tastiera e voce e poi riesplode nello spandex e negli accendini per aria. Meraviglioso. Assurdo che fossi partito in quarta per scrivere una stroncatura. Quantomeno accenno ai lati negativi: il disco ha dei cali. Il lirismo è sparso qua e là, abbondantemente ma non proprio capillarmente; il disco ha anche una sua atmosfera particolare, ma in certi punti si va sopra le righe e la magia si rompe; la produzione così secca mi piace, è anche funzionale, ma i suoni di batteria sono un po’ fastidiosi e soprattutto il suono del charleston sembra quello di una pallina da ping pong. Non sto scherzando, all’inizio pensavo fosse un campionamento ma poi ho visto che si ripeteva per tutto il disco quindi allora. L’ultimo pezzo è uno spoken word di mezz’ora di David DeFeis. Possibile sorpresa nella top ten di fine anno. (barg)

21 commenti leave one →
  1. Andrew D permalink
    3 novembre 2010 15:58

    Non mi è piaciuto, niente da aggiungere

    Mi piace

  2. Charles permalink
    3 novembre 2010 20:13

    l’ho riascoltato incredulo: ma davvero all’inizio si sente un “Miaaooo”?

    Mi piace

  3. Salvo permalink
    5 novembre 2010 11:35

    no, si sente un bau-bau-micio-micio :D

    comunque, l’album secondo me aveva un grande potenziale che è rimasto inespresso. è senza mordente, infarcito di mid-tempo. arriva il punto che pensi “beh, ora partono e tirano un pò”, ma poi ci rimani deluso perchè continua così per quasi tutta la sua durata, che già non è poca, ma alla fine dell’ascolto sembra di avere ascoltato un triplo cd, ognuno di 70 minuti.

    peccato. mi sa che i VS come una volta ce li possiamo sognare. a meno di un miracolo, è chiaro che questo è il nuovo corso che intendono mantenere. pazienza, ci sono tanti altri gruppi che meritano.

    Mi piace

  4. MasterPaskua permalink
    5 novembre 2010 11:55

    Sono tornati!
    Il disco lo devo ancora ascoltare, gustare ed assorbire!
    P.S.: non centra una beata cippa ma Bargone perché ti sei impegnato nell’elaborazione di un pippone teorico-recensivo imperniato proprio sulle tartarughe ninja?
    Anche tu sei dell’opinione che quando queste ultime gridano “cowabunga!”, date le ultime faccende della cronaca politica italiana, aspirino ad “inchiappettarsi una mucca” (Cow-a-bunga)?

    Mi piace

  5. Gianan permalink
    24 ottobre 2011 00:34

    non va il link all’intervista, anche scorrendo le pagine di gennaio 2011 non la trovo proprio… esiste?

    Mi piace

  6. RAISER permalink
    29 novembre 2011 18:51

    LA PRODUZIONE DI QUESTO DISCO è PRESSOCHè PERFETTA,IN PARTICOLARE LA BATTERIA.FORSE SAREBBE IL CASO DA SPIEGARE AL RECENSORE COSA SIA UN CHARLESTON.I BRANI SONO SPETTACOLARI,IL DISCO è SUPERIORE ALLA MEDIA VS:SFIDO UN QUALSIASI GRUPPO A SFORNARE UN DISCO SIMILE DOPO 27 ANNI DI CARRIERA E UNA DECINA DI DISCHI.

    Mi piace

  7. Stiv permalink
    25 marzo 2014 11:07

    tutto maiuscolo

    Mi piace

  8. Epic permalink
    21 luglio 2018 13:10

    Capolavoro totale, solo i Virgin Steele riescono a creare un’opera del genere dopo trenta anni di carriera, la malattia alla gola di Defeis ha inciso sulla sua voce, più pacata rispetto agli altri album ma sempre sublime, inoltre alcuni punti prolissi non lo rendono perfetto, ma parliamo di un disco incredibile. E consiglio di ascoltare Visions of eden remix, album da 9 su 10

    Mi piace

Trackbacks

  1. Cry for Casoria: intervista ai VIRGIN STEELE « Metal Shock
  2. Haters gonna hate: LUCA TURILLI’S RHAPSODY // FREEDOM CALL // ORDEN OGAN @Orion, Ciampino 24.11.2012 « Metal Skunk
  3. SKUNK EMAIL #5 [to forget] | Metal Skunk
  4. Radio Feccia #9 | Metal Skunk
  5. Avere vent’anni: marzo 1995 | Metal Skunk
  6. Avere vent’anni: dicembre 1995 | Metal Skunk
  7. WITHERFALL – Nocturnes And Requiems | Metal Skunk
  8. Avere vent’anni: VIRGIN STEELE – Invictus | Metal Skunk
  9. Il disco definitivo dei Virgin Steele | Metal Skunk
  10. Jack Starr’s BURNING STARR – Stand Your Ground | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: