I RAGE si rifanno una verginità

O almeno ci provano con l’ennesimo cambio di formazione: fuori il chitarrista Marcos Rodriguez (che di buono aveva il nome da narcotrafficante) e dentro due tizi sconosciuti (almeno per il sottoscritto), un po’ come fu dopo l’abbandono di Manni Schmidt e l’arrivo di Spiros Efthimiadis e Sven Fischer, si spera con risultati migliori nel lungo termine, ma dopotutto ormai chi può dirlo? Questa sarà la millesima formazione da quando esistono i Rage, ma almeno Peavy rimane saldo al comando e se ce lui c’è tutto quello che serve, anche se ormai sembra una sorta di padre Pio metallaro dalle Wastelands. Vabbè. Oh, il pezzo non è male, nel senso che non è nulla di che ma poteva anche essere molto peggio, il che di questi tempi mi porta a vedere il bicchiere mezzo pieno. Val la pena di aspettare l’album, dai. (Cesare Carrozzi)

3 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...