CRIPPLE BASTARDS // TSUBO // GALERA @Traffic, Roma, 29.11.2013

CB_Giulio

Misantropo a senso unico è uno dei miei dischi preferiti. È parte integrante di me, quanto un Reign In Blood o un Covenant. Ma per ragioni ben diverse, che tentai di spiegare in modo accettabilmente succinto in italianoChitarra. Criminally Insane e Sworn To The Black non esprimono chissà quale visione del mondo, almeno non tramite le liriche. I Cripple Bastards invece parlano della vita, quella reale, che – come scrissi da qualche parte ai tempi di Variante alla morte – non farà sempre schifo ma quando fa schifo è come  te la raccontano i Cripple Bastards. Perché, se quei testi non riuscite a capirli, non significa che siete più ottimisti o meno sfigati di me. Significa solo che un certo tipo di sensibilità non l’avete. Buon per voi. Misantropo a senso unico è un grido di dolore che – per quanto appartenesse a un Giulio più giovane, che non aveva ancora perso del tutto l’innocenza rispetto al nichilismo cinico (e dunque più adulto) trasudato da Variante –  gli anni hanno reso solo più fragoroso e lancinante. L’album è stato appena rimasterizzato dalla FOAD, l’etichetta gestita dal cantante (la stessa che aveva pubblicato la raccolta di cover Frammenti di vita), e il gruppo sta promuovendo la ristampa con alcune date in giro per la penisola e una scaletta incentrata per metà su quello che resta il loro disco più amato. Impossibile mancare, dunque.

galeraAl Traffic la delegazione di Metal Skunk si presenta abbastanza nutrita. Ci sono Charles e Stefano Greco, che non sono troppo avvezzi al genere ma c’era voglia di negatività nell’aria. C’è il Masticatore, accompagnato dall’esimio Negro. Non siamo però ancora in molti quando, verso le undici, salgono sul palco i GALERA. Roma Isterica, ep d’esordio del quartetto romano, che raccoglie tre membri dei disciolti Ebola e il batterista dei Payback, non era affatto male, tuttavia, dato che la produzione era quella che era, mi era rimasta la curiosità di risentire quei pezzi in versione live. Curiosità positivamente soddisfatta, perché il loro post-hardcore moderno e incazzato dal vivo spacca, compatto (bel lavoro della sezione ritmica, anche se ci stiamo ancora chiedendo perché il bassista suonasse coi guanti) e pulito il giusto, come meritano canzoni dalla struttura anche abbastanza complessa, tra sfuriate alla Converge (Padre Pedofilo, che resta il mio brano favorito) e momenti più storti e rallentati. Tocca poi agli TSUBO, che stanno portando in giro il loro primo full in studio, l’ottimo …Con cognizione di causa. Il Masticatore, che è il più grande fan degli Tsubo esistente (all’Interiora Horror Fest credo stesse cantando addirittura i testi ma non ci giurerei perché ero troppo ubriaco), sorride come un ergastolano finito nelle docce della sezione femminile nel corso di un tentativo di evasione e muove la testa a ritmo. Come faccia non si sa, date le velocità di esecuzione supersoniche che caratterizzano i latinensi. Nè si sa come faccia il batterista a reggerle per un intero concerto, intensissimo e con pochi rallentamenti. La gente è un po’ freddina, a dire il vero. Ve state a divertì? Che a me me pare che ve state a rompe er cazzo, ci apostrofa Giorgio. Io mi sto divertendo abbastanza ma il contesto un po’ li penalizza. I Cripple richiamano un pubblico sorprendentemente eterogeneo, “curiosi” inclusi, quindi ci sta che non tutti siano avvezzi a farsi trapanare le orecchie da una sventagliata di grind ferocissimo e sparatissimo che non lascia tirare il fiato nemmeno per un secondo.

I Bastardi partono con la title-track di Misantropo e mi butto sotto il palco, mezzo invasato. Se Der Kommissar si muove troppo, mi dà la chitarra in faccia. Per me è ok. Urlo le parole del testo come se dovessi attirare l’attenzione di una squadra di soccorso. L’unico che mi segue in prima fila è il Negro, che poco dopo si farà sfasciare gli occhiali nella bolgia, per poi mostrarli a Giulio con un sorriso trionfante, come se fossero un trofeo di guerra. La prima parte della scaletta è basata su quell’album, tra inni da stadio (quello di Belgrado durante una rissa tra il primo e il secondo tempo del derby) da intonare nel caldo abbraccio collettivo dell’odio (Morte da tossico, Il tuo amico morto) e roba che dal vivo non si sentiva da parecchio (Peso inutile, Quasi donna… Femminista). Io ero arrivato quasi a sperare che lo suonassero tutto di fila, Flashback di un massacro compresi. La psicotica presenza scenica di Giulio – che, se ci parli al banchetto (dove Charles rischia di comprare il nuovo dei Rotting Christ per la seconda volta: l’Alzheimer inizia a diventare un fenomeno preoccupante tra gli autori di questo blog), è la persona più gentile e pacata del mondo – mantiene una potenza espressiva raggelante. Quando si china, quasi raggomitolandosi sul microfono, sembra volersi chiudere a testuggine per attutire l’impatto di quegli orrori quotidiani e concreti che si abbattono su tutti noi ogni giorno. Quando si rialza e incrocia i pugni in alto ci dice che neanche questa volta lo hanno schiacciato. Vaffanculo, non ci avranno. Mai. La seconda parte del concerto pesca soprattutto da Variante. La violenza diventa più lucida e controllata. Stupro e addio è una delle più acclamate. Non mi fanno Sangue Chiama, che è una mia hit personale, pazienza. Più trascurato Desperately Insensitive, rappresentato dalle sole I Hate Her e Get Out And Bite Them, che chiude le danze insieme a qualche classicone più datato, tra cui le immancabili Italia di merda e Prospettive limitate, sulle quali il pogo si fa ancora più brutale e catartico. Usciamo dal Traffic rinfrancati e la strada, là fuori, è sempre a senso unico.

7 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...