Emperor’s return

ishan_emperorImmaginatevi la scena: venerdì lavorativo in data 2 agosto 2013, caldo insopportabile e stress micidiale, approfitto di una pausa di 10 minuti per bermi una cosa e aprire facebook per leggermi le solite cazzate giornaliere, quando comincio a vedere spiattellato da ogni parte in tutto il suo splendore il logo degli Emperor. Faccio un respiro profondo e comincio ad approfondire i vari link in questione; una volta cercate conferme anche da altre parti, mi rendo conto che tutto corrisponde a verità. Ihsahn si è presentato alla conferenza stampa di presentazione del suo prossimo concerto al Wacken, ma non da solo: accanto a lui c’era anche il suo vecchio compare Thomas Haugen (per gli amici Samoth, che poi non è altro che il suo nome al contrario), e i due tra la sorpresa generale hanno annunciato che saranno gli headliners della prossima edizione del festival, esattamente a 20 anni di distanza dalla pubblicazione di quella sublime perla nera che risponde al nome di In The Nightside Eclipse, che pare (ripeto “pare” perché non c’è nulla di ufficiale e a proposito) verrà riproposto per intero. Non si sa ancora se la cosa si limiterà solo a qualche show o il tutto verrà poi suggellato dalla pubblicazione di un nuovo album (in tutta franchezza, spero di no), già nel 2006 gli Emperor avevano fatto qualche show di reunion ma poi la cosa si era conclusa lì, staremo a vedere cosa accadrà adesso.

Piccola nota personale: leggo già in giro sul web ominidi che emettono sentenze tipo “basta con ‘ste reunion”, “non se ne sentiva nessun bisogno” e bla bla, la solita sfilza di puttanate che si sentono in questi frangenti. Ora, a parte il fatto che oramai è una cosa consolidata tra tutti i gruppi di un certo spessore, ricordo che stiamo parlando degli EMPEROR, di gente che ha contribuito a codificare un generale musicale, di un ragazzo che a 16 anni e mezzo componeva il riff portante di “I Am The Black Wizards”, di quelli che hanno scritto “With Strength I Burn” (brano che sostengo da anni debba essere insegnato nelle scuole di musica) e potrei andare avanti all’infinito…Per cui, una volta aver mostrato il vostro dovuto rispetto per questa leggenda vivente, potete pure tornare nei vostri loculi a trastullarvi con l’ultima perfida fatica dei malvagissimi Watain o a giocare a fare i vichinghi con gli Amon Amarth in sottofondo.

Io ci sarò, c’ero nel 2006 e presenzierò ancora nel 2014, a tributare loro il giusto omaggio e per ringraziarli di tutti i magnifici momenti che mi hanno saputo regalare in questi anni. Satana è grande, Hail Emperor.

7 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...