Vai al contenuto

Prendere a mazzate la gente senza motivo: SACRED STEEL – The Bloodshed Summoning (Cruz Del Sur)

9 aprile 2013
mazzate

violenza

I Sacred Steel all’inizio li pigliavano per culo perché avevano questa vocina ridicola e andavano in giro con i chiodi borchiati proprio quando era di moda il revival del metal classico, quindi li credevano quattro ragazzini coglioni raccomandati o al limite un’operazione commerciale. Invece si sbagliavano un po’ tutti perché questi non solo ci credevano, ma probabilmente ci credevano più di tutti, e il fatto che sembrassero così sopra le righe e fuori posto era proprio perché stavano talmente di sotto con la roba anni ottanta da non concedere nessun tipo di compromesso, anche a costo di suonare fastidioso e ridicolo e grottesco. Una presa di posizione da veri Manowar che fa onore ai cinque mangiapatate capitanati da Gerrit Mutz, peraltro rimasti  più o meno sempre gli stessi. La cosa che faceva più ridere era la combinazione tra i testi violentissimi, una roba da far cacare sotto gli Immolation, e la vocina da gatto in calore di Mutz, che si approcciava all’interpretazione di testi tipo Carnage Rules the Fields of Death o Purified by Pain col vocino tipo Zecchino d’oro. Ma tutto questo è parte del loro spirito; e lo abbiamo capito col tempo, sia perché noi continuavamo a scoprire gruppi sconosciuti degli anni ottanta grazie alle interviste di Mutz, sia perché loro hanno continuato ad esistere, e a migliorare, laddove la maggior parte dei gruppacci dell’epoca si è sciolta come neve al sole dopo pochi anni, o ha cambiato genere, o ha cominciato a fare schifo. I Sacred Steel invece no: loro sono ancora qui a mangiare cinghiale e suonare heavy metal, pensando che sia non solo il modo migliore, ma l’unico modo di vivere la vita. Il loro suono si è gradatamente indurito, così come Mutz ha preso a cantare come un cantante normale; io li avevo persi di vista da qualche anno e mi ritrovo una specie di Slayer tedeschi che puzzano di crauti e cercano di uscire fuori dagli amplificatori per prendermi a calci in faccia finché non muoio. Se prima si limitavano a esporre  le proprie influenze, ora le riformulano. Questa loro fantastica verve nello scrivere di omicidi, aggressioni, sacrifici umani e bombe nucleari si è estesa anche alla musica e il tutto è diventato davvero una cosa parecchio aggressiva. Nel primo pezzo le persone vengono chiamate future corpses e in confronto i Primal Fear sono delle mezze checche anche se li battono in numero di fischi di chitarra. Non vorrei bestemmiare ma siamo quasi ai livelli degli Iced Earth di metà anni novanta, pure se i Sacred Steel in fondo si capisce che scherzano e che alla fine vogliono solo farsi un barbecue con te ascoltando la discografia degli Stormwitch fino a collassare nel proprio vomito in mezzo alle vacche in collina. Jon Schaffer invece non scherza mai; e possiede un fucile. Per il mio personalissimo parere, se The Bloodshed Summoning ti fa schifo hai qualche problema, o quantomeno hai una visione del metal opposta alla mia e non ricaverai mai nulla di buono leggendo una mia recensione ai Sacred Steel. Quindi vaffanculo. The Bloodshed Summoning è bello fondamentalmente per lo stesso motivo dell’ultimo Darkthrone, sia per una questione stilistica come ho spiegato io (ovviamente due generi diversissimi, ma molto simili in spiritu); sia, e soprattutto, per le stesse cose di cui ha parlato Stefano Greco qui. Ancora una volta, mi permetto di rubargli la chiusa: quando non mi piacerà più questa roba, sarà davvero finita. (barg)

Ps: e se volete proprio amarli, c’è anche la cover dei Misfits.

5 commenti leave one →
  1. Helldorado permalink
    9 aprile 2013 10:40

    Li ho ascoltati ai tempi dell’esordio e non potei trattenere le risate…però sono curioso di sentire che frutti ha portato “l’indurimento” :D

    Mi piace

  2. MorphineChild permalink
    9 aprile 2013 11:34

    il cantante vocalmente sembra l’incrocio tra Mille Petrozza e Warrel Dane. spero per lui che nell’aspetto non sia egualmente simile alla fusione del suddetto duo

    Mi piace

  3. Gore78 permalink
    11 aprile 2013 23:43

    Ennesima recensione azzeccatissima, complimenti!

    L’album è sul serio na bella mazzata di metallo \m/

    Mi piace

  4. frank goiters permalink
    16 aprile 2013 18:04

    all’inizio facevano cacare i cani quindi, dopo un ascolto per curiosità, mi sono scordato di loro senza rimpianti. Sono poi andato a ripescarli causa clamore suscitato dalle recensioni positive di ‘sto disco e devo dire che…cazzo se pesta! Ora propongono un ruvido thrash che se lo ascolti troppo forte ti graffia la faccia! Gran disco!

    Mi piace

Trackbacks

  1. Playlist 2013: i dischi dell’anno secondo i tizi di Metal Skunk | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: