Skip to content

Mai più senza: il bagnoschiuma dei Grave Digger

13 luglio 2012

Come potete agilmente vedere dall’immagine, i Grave Digger hanno messo in vendita sul loro sito codesto prodotto di bellezza per vari manowar. E se vi state domandando PERCHÉ, io ho una teoria. Chris Boltendahl e compari sono solitamente indicati come i classici metallari tedeschi sporchi e puteolenti, di quelli che ti immagini passare le giornate a sbrodolarsi addosso birra e wurstel per poi rotolarsi nel fango di qualche festival scureggiando nelle pozzanghere per fare l’idromassaggio. E invece no!, avranno detto loro, noi siamo delle persone civili e ve lo dimostriamo simbolicamente producendo questo raffinato cosmetico in modo tale che nessuno possa più dire che siamo fetenti. Questa è la mia teoria. Ovviamente se continuate a chiedervi PERCHÉ lo capisco benissimo, dato che una notizia del genere non si può commentare altrimenti. Comunque converrete con me che trattasi di tipico caso di excusatio non petita, accusatio manifesta, con un meccanismo simile a quella regola di buona educazione che vieta di regalare profumi e saponi per un compleanno perché altrimenti sembra che stai dicendo al festeggiato che puzza. Magari ai Grave Digger gliene hanno regalati tanti, di profumi; che ne sai. Un malpensante potrebbe anche insinuare che la scelta di una roba che è shampo e bagnoschiuma allo stesso tempo dimostra la poca dimestichezza con queste cose. Io per esempio prodotti del genere li ho visti solo nei negozi dei cinesi, dove si trovano anche i boccioni di sapone liquido da mezzo litro a un euro – e io sono convinto che sia sempre la stessa roba che vendono come detersivo per piatti.

Oltre a tutto ciò, informiamo anche che i nostri amici crucchi rilasceranno a breve due nuove raccolte di riff da trattoria: il 27 luglio l’ep Home At Last, composto di tre tracce inedite e tre live; e il 31 agosto l’album Clash Of The Gods, tra le cui undici tracce troviamo anche Death Angel & The Grave Digger, che più che il nome di un pezzo ci starebbe bene come headliner dell’Agglutination. La band promette orgogliosamente di non aver deviato minimamente dal loro classico stile, e noi di Metal Skunk tendiamo a crederci. L’edizione limitata di Clash Of The Gods conterrà un comodo borsello a tracolla in cui riporre i vostri insaccati e le vostre lattine di Faxe quando vi recate gioiosi ad un concerto di metallo tetesco. La gente non lo sa proprio, che si perde.
(barg)

8 commenti leave one →
  1. Arkady permalink
    13 luglio 2012 11:25

    Yuko Yamashita approva

    Mi piace

    • fredrik permalink
      13 luglio 2012 21:34

      in realtà vedendo la pecora morta che porta in testa boltendahl sarebbe un fallimento completo…

      Mi piace

  2. 14 luglio 2012 00:09

    Riff da trattoria mi fa scoppiare ogni volta. UNITED WE STAND.

    Mi piace

  3. Nervi permalink
    14 luglio 2012 20:44

    Beh dai il design della bottiglia è stiloso, resta da vedere se il prodotto vale qualcosa. Secondo me è all’aroma muschio selvaggio o qualcosa del genere, quegli odori tipici che vanno bene per i guidatori di suv neri sui 50 anni con la pancetta, la polo a righe e che lavorano in banca o presso qualche usurificio.

    Mi piace

Trackbacks

  1. Noi veggiam, come quei c’ha mala luce, le cose che ne son lontano « Metal Skunk
  2. La mensa di Odino #9 « Metal Skunk
  3. GRAVE DIGGER – Clash Of The Gods (Napalm) « Metal Skunk
  4. blog di donne belle #11 | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: