Monthly Archives: aprile 2020

Avere vent’anni: aprile 2000

NECROMANTIA – IV: Malice Trainspotting: Il terzo disco dei Necromantia si chiama inspiegabilmente IV: Malice, forse perché nel conteggio consideravano anche lo split coi Varathron del 1992. Comunque sia, quest’album arrivava a cinque anni di distanza dal precedente Scarlet Evil Witching Black, capolavoro assoluto che aveva contribuito a fissare le coordinate stilistiche del black metal greco, corrente di cui abbiamo

Continua a leggere

Avere vent’anni: DESTRUCTION – All Hell Breaks Loose

Il fatto è che a questa band, nonostante il mio dichiarato amore per brani come Death Trap e in particolar modo per l’accoppiata a distanza Infernal Overkill – Release from Agony, non sono mai riuscito ad affezionarmi fino in fondo. Per cui, ogni volta che ne scrivo, mi sento sempre un po’ condizionato. I Destruction del 2000 dovevano sentirsi un

Continua a leggere

Avere vent’anni: DECAPITATED – Winds of Creation

Il batterista era sedicenne, e i membri più anziani non superavano i venti. Ero abituato a osservare le band heavy metal come gente grande che aveva affrontato un percorso, raggiunto degli obiettivi, e che in certi frangenti si era sputtanata o aveva definitivamente mandato il gruppo all’aria: fica, accrescimento tecnico, il parere del manager, ognuno di questi aspetti rischiava di mandare

Continua a leggere
« Vecchi articoli