Skip to content

Avere vent’anni: KAMPFAR – Mellom Skogkledde Aaser

8 settembre 2017

Penso che Mellom Skogkledde Aaser sia il primo disco black metal che abbia mai ascoltato in vita mia. O questo o In The Nightside Eclipse, i ricordi si fanno vaghi. La mia lunga strada per l’inferno è comunque partita da Emperor e Kampfar, e una cosa la ricordo benissimo: dapprincipio non mi piacque per niente questa roba incomprensibile e registrata malissimo in cui un tizio urlava strozzato come in preda a un attacco di convulsioni sopra a delle chitarre a zanzarina e una batteria che faceva TZTZTZTZTZTZTZ. Avevo comprato entrambi per via del modo entusiastico con cui ne parlavano sulle riviste, ma giurai a me stesso che mai, mai, mai più ci sarei dovuto ricascare. Per quanto riguarda l’estremo io ero abituato agli Obituary, figuratevi che impressione mi doveva fare il black metal norvegese di metà anni novanta. Peraltro i Kampfar avevano anche i vocalizzi vichinghi ficcati in mezzo tipo OOOOOOOOOOOHHHHHHH che, se avessi saputo chi fosse, mi avrebbero ricordato la buonanima di Germano Mosconi e le sue epiche lotte all’arma bianca contro chi non chiudeva quella cazzo di porta che continuava a sbattere. Fortunatamente ho sempre avuto l’abitudine di riascoltare periodicamente le cose che non mi piacciono, e così dopo qualche mese sono riuscito a capire il black metal, grazie ad Emperor e Kampfar. 

Mellom Skogkledde Aaser è viking metal. Della definizione di viking metal abbiamo già parlato a proposito di Eld degli Enslaved, probabilmente il manifesto del genere – se escludiamo i Bathory. Musicalmente è un prodotto dei suoi tempi, quindi fermamente e totalmente black metal dalla prima all’ultima nota, nella composizione, nella struttura e nel suono glaciale. Era il periodo in cui il black norvegese era nel pieno della maturità, e quindi nell’album si ritrovano tutti gli stilemi tipici che ancora non avevano perso in freschezza. Una delle cose che più mi mancano di quei tempi sono gli stop’n’go col riff che riparte in solitaria, e nel debutto dei Kampfar ce ne sono quasi in ogni pezzo, a partire dalla bellissima Valdogg, posta in apertura, che da sola basterebbe per proiettare l’album sull’Olimpo del genere. Mellom Skogkledde Aaser è un disco che nel 1997 rischiava di passare in secondo piano, data la quantità spaventosa di uscite epocali nell’ambito black metal, ma adesso può essere ascoltato con più calma e apprezzato in ogni sua gelida nota. Questo è il suono dei ghiacciai, delle foreste innevate e delle passeggiate in solitaria tra gli ululati dei branchi di lupi. Da parte mia sarò sempre grato a quest’album per avermi aperto la porta del genere musicale più bello del mondo. Meno male che gli diedi una seconda occasione. (barg)

3 commenti leave one →
  1. cattivone permalink
    8 settembre 2017 12:07

    Non mi ricordo di preciso quale fu il mio primo approccio al Black Metal, quello che so con certezza é che i Kampfar sono il mio gruppo preferito del genere.
    Discone.

    Mi piace

  2. Matteo permalink
    8 settembre 2017 12:29

    Hai proprio ragione: il black metal è il genere musicale più bello del mondo…

    Mi piace

  3. weareblind permalink
    9 settembre 2017 09:02

    Pensate che ora sto ascoltando, perché è mio dovere, l’ultimo degli Archenemy. Poi, non avendoli MAI ascoltati, sentirò i Kampfar.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: