Monthly Archives: settembre 2016

Avere vent’anni: settembre 1996

ABSCESS – Seminal Vampires And Maggot Men Ciccio Russo: Freak Fuck Feast sarebbe piaciuta ai Darkthrone di oggi. I riff di Mud sono comunque meglio di quelli che trovate sul debutto dell’ennesimo clone dei Crowbar odierno considerato “promettente” dai blog americani. Per scrivere una Zombie Ward non devi essere proprio l’ultimo stronzo. All’epoca nessuno si filava gli Abscess, anzi, erano bersagliati da stroncature irridenti

Continua a leggere

Avere vent’anni: SOCIAL DISTORTION – White Light, White Heat, White Trash

White Light, White Heat, White Trash dei Social Distortion compie vent’anni e questo è un bel problema, perché pochi gruppi come i Social Distortion e pochi album come White Light, White Heat, White Trash hanno segnato la mia adolescenza. Il che, converrete, lascerebbe spazio a tutta una serie di considerazioni sul tempus fugit e l’ineluttabilità della vita che volentieri vi

Continua a leggere

Avere vent’anni: RUSH – Test for Echo

Da ferocissimo fanatico dei Rush quale sono sempre stato, mi sono divertito negli anni a sezionarne la carriera e a studiarla nei minimi particolari. Come già dichiarato più volte dallo stesso Geddy Lee, essa è fatta di periodi in cui si possono individuare uno o più “punti di riferimento” in termini di uscite discografiche significative per una svolta o che

Continua a leggere

Pipponi: OPETH – Sorceress

Per un breve periodo gli Opeth rientravano tra i gruppi preferiti di molti metallari. Poi c’è stato un lungo periodo nel quale piacevano perlopiù alle lolitas col piercing al labbro, agli emo-froci di Piazza del Popolo, ai giovani fan degli ultimi Metallica e, in generale, a gente che non ci capiva un cazzo di musica, men che meno di metal, ma che si spacciava

Continua a leggere

Addio Herschell

Se ne va un personaggio che magari non tutti conosceranno: non era certo ai livelli di popolarità di un Tarantino oggi, pur essendo stato iniziatore di un filone senza il quale Tarantino non esisterebbe. Addio Herschell Gordon Lewis. Scorretto, disgustoso, imbarazzante e persino criminale (scontò tre anni di carcere per una truffa clamorosa perpetrata per mezzo di uno schema che comprendeva

Continua a leggere
« Vecchi articoli