Avere vent’anni: IN FLAMES – The Jester Race

The Jester Race è il primo vero full degli In Flames. Certo, prima c’era stato Lunar Strain, ma è difficile considerarlo parte integrante del loro ciclo vitale per grossomodo gli stessi motivi per cui è difficile farlo per Skydancer dei loro cuginetti Dark Tranquillity: formazione bizzarra, genere indefinito, senso di indeterminatezza costante, mancanza totale di considerazione dell’album da parte della band – a partire dai live – e più in generale la sensazione di non stare a sentire un disco degli In Flames. Si era già iniziato a fare sul serio con l’ep Subterranean, ma è con The Jester Race che si arriva finalmente ad una forma compiuta e definita, sia nel suono che nella stabilità della formazione. Questo è anche l’album che per molti fa cominciare ufficialmente la fase del death melodico svedese, che poi si evolverà fino ad arrivare a lidi che vent’anni fa sarebbero stati impensabili.

Il death svedese dei primi anni novanta era già di per sé melodico: i primi Entombed o Dismember avevano forse più a che fare con gli Iron Maiden che con i Possessed, sia nella struttura dei pezzi che nelle melodie; rispetto al death americano, che ha nel proprio codice genetico la tendenza ad indurirsi, la controparte svedese ha sempre avuto una forte spinta all’ammorbidimento. E gli In Flames compiono un ulteriore passo in avanti in questo processo, fino a rendere fuori luogo la stessa definizione di death metal associata alla loro musica. The Jester Race è più vicino ai Maiden che agli stessi Slayer, per dirne una; anzi, è proprio il gruppo di Steve Harris la vera chiave per comprendere quest’album. Tutto gira intorno al songwriting di Jesper Stromblad, che all’epoca era particolarmente ispirato: ogni brano di The Jester Race, così come praticamente ogni altro brano mai uscito dalla sua penna, è una successione di riff maideniani e arpeggi folkeggianti suonati con un approccio inconfondibile. Senti un riff, una melodia, un arpeggio qualsiasi di questo disco e non puoi non pensare “cazzo, è Jesper Stromblad”, col corollario “cazzo, quanto spaccava Jesper Stromblad”. 

Moonshield, il pezzo d’apertura, è forse la migliore cosa mai scritta dalla band di Goteborg, ed è un manifesto della loro poetica, quantomeno di quel periodo, in cui era tutto molto più ingenuo e non c’erano ancora delle dinamiche di genere da seguire. Dopo la falsa partenza di Lunar Strain, un bellissimo disco ma non un disco degli In Flames, The Jester Race è l’intuizione, la porta spalancata verso un mondo completamente inesplorato che solo un colpo d’ispirazione di Stromblad era riuscito ad aprire. Il risultato è un suono fresco, libero, magico, che non ha perso il suo fascino disincantato e fiabesco neanche ora, dopo vent’anni e dopo tutte le milioni di cose belle od orribili che da questo disco hanno avuto origine.

Mi è veramente difficile trovare qualcosa di interessante da dire, perché The Jester Race è alla fine semplicemente un disco di canzoni, all killer no filler, che contiene alcune delle cose più belle mai scritte in questo ambito musicale: Dead Eternity, Artifacts of the Black Rain, December Flower, Graveland, la titletrack, fino alla strumentale The Jester’s Dance e alla splendida Goliaths Disarm Their Davids, pur se incredibilmente scartata dall’album e acclusa al successivo ep Black Ash Inheritance. Ha un suono meraviglioso, imitato mille volte ma mai davvero riprodotto, e anche una splendida copertina di Andreas Marschall quando Andreas Marschall era il miglior illustratore del mondo. Fu proprio la copertina, con quel disegno che sembrava la prigione di Cassandra di Ken il Guerriero disegnata da Giger, a farmelo comprare. Ed è importantissimo, praticamente seminale, per la storia del metal europeo e, in prospettiva, mondiale; e fa strano il pensarci riascoltandolo adesso, a quanto sia stato seminale, questo disco che suona così dimesso e poco pretenzioso, con i membri che sembra stiano pensando solo a suonare, innamorati delle proprie melodie, senza pensare alla portata di ciò che stanno facendo. Forse è proprio quest’ingenuità a fare in modo che The Jester Race si faccia ascoltare adesso esattamente nello stesso modo e con la stessa fascinazione di vent’anni fa. Chi tra di voi non lo ha mai ascoltato faccia in modo di risolvere entro la giornata. (barg)

25 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...