Skip to content

IRON MAIDEN: ecco il nuovo singolo ‘Speed of Light’

14 agosto 2015

iron_maiden_2016

L’ultimo album degli Iron Maiden che mi è piaciuto davvero e ripassa con continuità nel mio stereo è Brave New World. Sono fra i tanti che, di fronte alla successiva deriva progressive sbrodolona, si sono limitati ad alzare le spalle con bonaria indifferenza. I Maiden sono come la mamma, quindi non scriverò mai nulla di offensivo o sprezzante sui loro lavori più recenti, che ho però ascoltato pochissimo, relegandoli quasi subito all’oblio. Buon per Steve Harris se si diverte e trova gratificazione componendo brani con arpeggi di mezz’ora e il ritornello ripetuto a mo’ di mantra per sessanta volte di seguito, nel tentativo di evocare un malinteso senso di epicità. Però non è roba che mi interessa, ecco.

Eppure da The Book of Souls, fuori il 4 settembre, qualcosina me l’aspetto. Non chissà che, giusto qualcosina, sebbene, scaletta alla mano, cinque pezzi su undici superino abbondantemente la barriera dei sette minuti (l’ultimo, Empire of the clouds, firmato dal solo Bruce Dickinson, ne dura addirittura diciotto). La ragione principale di questa timida e vaga fiducia è che, a leggere i credit, l’apporto compositivo di Smith e Dickinson è superiore al solito, quindi è legittimo attendersi un disco quantomeno più movimentato di The Final Frontier. Proprio il chitarrista e il cantante sono gli autori di questo primo singolo. Speed of Light sembra il classico apripista che poi finisce per c’entrare pochissimo con il resto dell’album al quale ci hanno abituato gli Iron Maiden del terzo millennio, tipo Different World o Rainmaker: riff semplici e incisivi, ritornello efficace (Dickinson appare un po’ forzato ma ha pure avuto i guai di salute che sappiamo), pochi assoli ma buoni. Dubito che il pezzo sia rappresentativo di quel che sarà The Book of Souls ma, giunto mentre scrivo a oltre dieci ascolti consecutivi, posso asserire che mi sta prendendo abbastanza bene. Non sarà The Wicker Man ma manco Mother of Mercy. A voi il video ufficiale, con un Eddie perso nel mondo del retrogaming (Ciccio Russo):

16 commenti leave one →
  1. Carmelo permalink
    14 agosto 2015 12:42

    Io aspetto fiducioso da anni quell’album che non scriveranno più semplicemente che sono diventati altro.
    Il pezzo va come andavano gli altri singoli e poi l’album si perdeva per strada.
    Speriamo.
    Ps ciccio ti aspetto il 22 a Latronico

    Mi piace

  2. 14 agosto 2015 13:26

    Meglio il video del brano. Le cose resteranno come sono state dal 2000 in poi, mi sa.

    Liked by 1 persona

  3. weareblind permalink
    14 agosto 2015 14:10

    Per me ascoltabili fino a Fear of the dark, poi una virata generosa che non mi compete più. Auguro, anche se non serve, tutto il bene del mondo.

    Mi piace

  4. 14 agosto 2015 15:07

    C’è da dire che, a ben ascoltare, già in “Live after Death” Bruce Dickinson forzava un po’. Dovrebbero far accordare gli strumenti a Tony Iommi – tre semitoni sotto! Comunque, giustamente, gli Iron Maiden sono come la mamma.

    Liked by 1 persona

  5. fredrik permalink
    14 agosto 2015 15:16

    come singolo non è male, molto hard rock, ma la produzione continua ad essere loffia come il peto dopo i cavolfiori lessi.

    Mi piace

  6. 14 agosto 2015 22:05

    Ciao. Come ho scritto sul mio blog, pezzo da 6 e video da 10 :)

    Mi piace

  7. Lorenzo permalink
    15 agosto 2015 01:04

    Video stupendo! A me il pezzo da 18 minuti incuriosisce molto

    Mi piace

  8. MorphineChild permalink
    15 agosto 2015 12:28

    non mi ha entusiasmato per niente, come peraltro gli ultimi due dischi e mezzo

    Mi piace

  9. sergente kabukiman permalink
    17 agosto 2015 18:51

    gli ultimi due dischi mi hanno fatto piangere, ma sto pezzo mi sta prendendo bene nonostante sia una cazzatella rovinata da una produzione penosa e dalla voce di bruce che in verti momenti sembra prossimo ad abbandonare lo studio di registrazione e scappare il più lontano possibile. ma il disco durerà NOVANTADUE minuti e quindi sti cazzi le aspettative rimangono comunque più basse delle palle di un cocker

    Mi piace

  10. Evil Metal permalink
    22 agosto 2015 19:23

    Chiunque segua ancora gli Iron Maiden dopo Dance of Death confonde attaccamento con qualità.

    Liked by 1 persona

Trackbacks

  1. Avere vent’anni: ANATHEMA – The Silent Enigma | Metal Skunk
  2. Impressioni di settembre | Metal Skunk
  3. IRON MAIDEN – The Book Of Souls (Parlophone) | Metal Skunk
  4. La mensa di Odino #15 | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: