Skip to content

IRON MAIDEN: leggere i segni in THE BOOK OF SOULS

22 giugno 2015

TBOS-Packshot_995

La notizia più importante è che Bruce Dickinson sta bene ed è guarito dal cancro. La presentazione di The Book of Souls, che era già pronto da un po’, era stata ritardata proprio in attesa che si sapesse qualcosa di più circa le condizioni di salute del cantante. Ebbene, l’universo mondo giornalistico ha già provveduto a diffondere il lancio del sito ufficiale, limitandosi perlopiù a tradurre quanto riportato, quindi sarete già tutti abbondantemente informati sul cosa ci aspetta: un’ora e mezza di torture chiusi dentro un’arrugginita Vergine di Norimberga. Che il nuovo, doppio album degli Iron Maiden, operazione mai tentata prima, possa nei fatti essere qualcosa di diverso da una tortura è la speranza in cui tutti riponiamo fede ed essendo l’ultima a morire faremo il possibile per sopravvivere ad essa. In attesa che nuovi e più emozionanti dettagli ci vengano svelati, non possiamo che dire qualcosa sui due elementi che al momento risultano disponibili: il nuovo Eddie e il logo.

Il sesto membro del gruppo si diceva tanti anni fa, quando i Maiden avevano il numero giusto di chitarre. Intuizione iniziale di Rod Smallwood, primo e più importante manager degli inglesi negli anni ‘70, Eddie the Head, insieme ad un logo accattivante e riconoscibile, rappresenta una delle chiavi del successo degli Iron Maiden. Un volto con cui non si voleva identificare uno zombie o cose del genere, anche se quello di oggi ne ricorda le fattezze e l’attuale, preponderante, moda delle soap opera per casalinghe depresse, tipo The Walking Dead, potrebbe portarci a pensarla così, ma semplicemente un volto umano scarnificato. Senza voler fare troppa storia, 35 anni dopo la sua prima apparizione nella penombra di un pericolosissimo vicolo (Running Free), l’Eddie di oggi ci appare in primo piano, come in una foto segnaletica, ma senza la sua bella cresta punk. Quella, infatti, era la prima intenzione del suo disegnatore storico, Derek Riggs, cioè trovare qualche similitudine con l’immaginario punk ma adattandole al contesto heavy metal. “Volevo dipingere una figura semi scheletrica che si aggirasse nelle vie di Londra”, diceva Riggs, affinché, cambiando da disco a disco, potesse diventare, come è avvenuto, il marchio di fabbrica più importante dell’HM. L’ultimo Eddie nasce dalla mano di Mark Wilkinson che già aveva collaborato coi Maiden e pure con i Judas Priest (sua fu la realizzazione della nuova estetica dei Priest di Jugulator). La nuova copertina è minimale e, senza starvi a leggere chissà quali significati, sembra voler ricordare proprio l’Eddie del primo album, ricalcando un po’ lo stile Riggs. Poi ci diranno a cosa si sono ispirati ma nel frattempo ricordiamo pure che Eddie nelle intenzioni del suo creatore, da sempre contrastanti da quelle di Harris & Co, non doveva avere nessuna connessione coi testi dei vari dischi. Queste sue idee e la sempre maggiore insistenza con cui i Maiden gli chiedevano (ai tempi di No Prayer for the Dying) di raffigurare il mostro mentre spaccava delle cose, lo porteranno ad allontanarsi dal gruppo. Un peccato mortale, perché gli ultimi Eddie sono veramente orripilanti: quello di The Final Frontier assomiglia troppo a Predator e non parliamo di quello di Dance of Death la cui copertina, la più brutta mai fatta per i Maiden, fa talmente schifo che anche il suo (presunto) autore, David Patchett, ne disconobbe la paternità. L’ultima produzione veramente bella (come pure il cd che racchiude) è quella di Brave New World che esce dalle mani del ripudiato Riggs, guarda un po’; una speciale menzione anche per l’Eddie del best of Edward the Great, di Tom Adams.

Man-Who-Fell-To-Earth-poster-1

Finalmente il logo con le punte!” ho letto da più parti. Sì, cazzo, finalmente. Tutti i veri fan dei Maiden gioiranno di questa piccola e insignificante riconquista. Il logo con le punte, con la R, le N e la M che superano la linea del testo, era stato abbandonato, insieme al concetto di buon gusto, nel lontano 1998 con Virtual XI per tornare in qualche sporadico best of e nel live Flight 666. Quello piatto era veramente inguardabile. E poi il logo originale non è una cosa affatto banale; viene anche prima di Eddie, secondo me, nell’identificazione della band ed ha, diciamo così, nobili origini. Ricordiamo che Harris lo disegnò copiando ispirandosi alla locandina del film di fantascienza L’uomo che cadde sulla Terra, con David Bowie, che data inizi del 1976, in corrispondenza, dunque, della costituzione della band. Nota per i maideniani più feticisti: prima ancora, il particolare carattere era stato abbozzato sulla copertina di Green Eyed God, primo e unico album dei proggers inglesi Steel Mill, datato 1972.

Visto che è stato citato Brave New World, ricordiamo pure che questo doppio album è stato registrato negli stessi studi parigini in cui nacque l’ultimo gran disco degli Iron Maiden. Speriamo che almeno questa coincidenza significhi qualcosa. (Charles)

15 commenti leave one →
  1. Arkady permalink
    22 giugno 2015 10:54

    “Il nuovo Eddie sembra Balotelli” cit.

    Liked by 1 persona

  2. sergente kabukiman permalink
    22 giugno 2015 12:19

    boh, ho letto la notizia di un nuovo disco e ho pensato “dai cazzo, sta volta ci stupiranno” ma poi ho letto il minutaggio e mi sono cadute le palle con così tanta morte nel cuore che le suddette palle sono arrivate in cina. il discorso del doppio disco è una vera merdata perchè stiamo parlando di 11 canzoni, non 36. the number of the beast ne tiene 10 e brave new world così come dance of death ne hanno 11, ma che è? E poi rivoglio l’eddie capellone, sta pelata ha rotto il cazzum

    Mi piace

  3. Snaghi permalink
    22 giugno 2015 13:12

    Bella copertina, la maglia la compro, il disco vedo

    Mi piace

  4. weareblind permalink
    22 giugno 2015 16:04

    Io penso al doppio Priest, poi guardo la durata dei pezzi, e temo.

    Liked by 1 persona

  5. fredrik permalink
    22 giugno 2015 20:15

    io pure tremo di fronte al minutaggio.

    Liked by 1 persona

  6. Supermariolino permalink
    23 giugno 2015 00:48

    Per me l’ultimo bello é stato 7th son. Opinione personale.

    Mi piace

    • 23 giugno 2015 00:53

      Diciamo che è l’ultimo perfetto.

      Liked by 1 persona

    • weareblind permalink
      23 giugno 2015 18:55

      Concordo, con una manciata da Fear of the Dark.

      Mi piace

      • fredrik permalink
        23 giugno 2015 22:02

        metti insieme i migliori pezzi di fear of the dark + qualcosa da no prayer for the dying e anche questo veniva fuori perfetto.

        ps: plauso per la nota sul logo con le punte, pensavo di essere l’unico ad avere sta fissa.

        Liked by 1 persona

      • weareblind permalink
        24 giugno 2015 14:15

        Fredrik, concordissimo.

        Mi piace

  7. 23 giugno 2015 22:27

    “Fear Of The Dark” ha un paio di buoni pezzi, ma “Brave New World” è l’ultimo disco bello tutto. Peccato. Steve, fatti controllare la prostata ché magari è quello e alla tua età non si sa mai.

    Mi piace

  8. 12 settembre 2015 00:40

    Se Eddie ha i capelli lunghi va male perché stiamo copiando o siamo ancorati al passato,se li ha corti peggio ancora perché nn si assomiglia ai primi,se ha i calzoni corti va male perché prende freddo alle gambe….. Mah. Stiamo sempre a rompe il cazzo….su tutto.

    Mi piace

Trackbacks

  1. IRON MAIDEN: ecco il nuovo singolo ‘Speed of Light’ | Metal Skunk
  2. Impressioni di settembre | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: