2 commenti

  • Che poi, se 6 anni fa mi avessero detto che presto sarebbe nata una moda, seppur underground, montata sulla base di una passione americana per i tatuaggi su tutto il corpo di scuola hardcore, lo sludge di terza mano, il classicismo dei thin lizzy (dei quali manco in Irlanda ci si ricorda), l’erba e l’hard stoner, mai avrei creduto che sarebbe durata tanto a lungo.
    Fatto sta che dopo Leviathan i Mastodon si sono bevuti il cervello (col bong), e i Baroness (Bargoness) hanno tirato fuori un album di cui ci ricorderemo anche tra 20 anni.
    Ma poi basta.
    Alla Relapse ci campano sugli utenti fighetti, quando non producono grindcore…

    "Mi piace"

    • Avrei parecchio da ridire sulla tua affermazione riguardante i Mastodon.
      Blood Mountain è un maledetto capolavoro, anche più di Leviathan.
      Crack the Sky è un album diverso dai precedenti, sicuramente meno aggressivo e anche meno immediato, ma rimane un grande album.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...