Tag Archives: Deicide

Avere vent’anni: giugno 2000

NOVEMBRE – Classica Edoardo Giardina: Classica è il primo album veramente compiuto dei Novembre. Se da una parte Wish I Could Dream It Again…, pur nella sua originalità, rimaneva adolescenziale e umorale, dall’altra Arte Novecento, nonostante fosse già più velleitario e intellettuale, mostrava comunque il fianco a qualche debolezza, come la povera prova di Carmelo Orlando al microfono e un’immensa

Continua a leggere

DEICIDE – Overtures Of Blasphemy

One With Satan attacca lenta. Il riff ricorda Whatever That Hurts dei Tiamat in maniera bizzarra. Poi parte una slayerata e il ritornello è cadenzato e ignorante. Si sente che non ha scritto tutto Steve Asheim. L’uscita dell’ex Cannibal Corpse Jack Owen ha significato la perdita di un innesto durato dodici anni. Una sostituzione non semplice di partenza, quindi. Asheim ha spiegato

Continua a leggere

Avere vent’anni: aprile 1995

MOONSPELL – Wolfheart Ciccio Russo: Quello che ha significato Wolfheart forse lo si comprende veramente a distanza di vent’anni, a prescindere da tutti i legami emotivi, dall’aver mentalmente dedicato An Erotic Alchemy alla prima ragazza che ti aveva consentito di toccarle le tette e così via. I Moonspell erano riusciti a rileggere da una prospettiva mediterranea suoni che erano nati nel

Continua a leggere

DEICIDE – In The Minds of Evil (Century Media)

C’è stato un tempo della nostra vita, diciamo intorno ai 15-16 anni, in cui più o meno tutti (teniamo fuori dalla statistica quelli che si iscrivono ai Papa Boys per viaggiare all’estero usufrendo di tariffe convenzionate) abbiamo trovato nella sana e liberatoria bestemmia la forma più alta di opposizione all’autorità costituita. Erano tempi in cui l’acronimo PD non serviva a

Continua a leggere
« Vecchi articoli